quantum dots (studio)

da wikipedia in inglese, realizzo una traduzione in italiano, poiché la “voce” “punto quantico” di wiki è insufficiente:
link wiki inglese:
https://en.wikipedia.org/wiki/Quantum_dot

link wiki ita:
https://it.wikipedia.org/wiki/Punto_quantico

I punti quantici (QD) sono minuscole particelle di semiconduttore di dimensioni di alcuni nanometri, con proprietà ottiche ed elettroniche che differiscono dalle particelle più grandi a causa della meccanica quantistica. Sono un argomento centrale nella nanotecnologia. Quando i punti quantici sono illuminati dalla luce UV, (ndr: oppure irradiati da frequenze opportune) un elettrone nel punto quantico può essere eccitato verso uno stato di energia più elevata. Nel caso di un punto quantico semiconduttore, questo processo corrisponde alla transizione di un elettrone dalla banda di valenza alla banda di conduttanza. L’elettrone eccitato può ricadere nella banda di valenza rilasciando la sua energia attraverso l’emissione di luce (ndr: ovvero produzione di fotoni). Questa emissione di luce (fotoluminescenza) è illustrata nella figura a destra. Il colore di quella luce dipende dalla differenza di energia tra la banda di conduttanza e la banda di valenza.

Nel linguaggio della scienza dei materiali, i materiali semiconduttori su nanoscala limitano strettamente elettroni o buchi di elettroni. I punti quantici sono talvolta indicati come atomi artificiali, enfatizzando la loro singolarità, avendo stati elettronici discreti e legati, come atomi o molecole presenti in natura. [1] [2] È stato dimostrato che le funzioni dell’onda elettronica nei punti quantici assomigliano a quelle degli atomi reali. [3] Accoppiando due o più di tali punti quantici si può realizzare una molecola artificiale, esibendo ibridazione anche a temperatura ambiente. [4]

I punti quantici hanno proprietà intermedie tra semiconduttori di massa e atomi o molecole discreti. Le loro proprietà optoelettroniche cambiano in funzione della dimensione e della forma. [5] [6] QD più grandi con un diametro di 5-6 nm emettono lunghezze d’onda più lunghe, con colori come l’arancione o il rosso. QD più piccoli (2–3 nm) emettono lunghezze d’onda più corte, producendo colori come il blu e il verde. Tuttavia, i colori specifici variano a seconda della composizione esatta del QD. [7]

Le potenziali applicazioni dei punti quantici includono transistor a singolo elettrone, celle solari, LED, laser, [8] fonti a singolo fotone, [9] [10] [11] generazione di seconda armonica, calcolo quantistico, [12] e imaging medico. [13] Le loro dimensioni ridotte consentono di sospendere alcuni QD in soluzione, il che può comportare l’uso nella stampa a getto d’inchiostro e nella verniciatura a spin. [14] Sono stati usati nei film sottili di Langmuir-Blodgett. [15] [16] [17] Queste tecniche di elaborazione comportano metodi di fabbricazione dei semiconduttori meno costosi e che richiedono meno tempo.

Produzione:

Esistono diversi modi per fabbricare punti quantici. I metodi possibili includono la sintesi colloidale, l’autoassemblaggio e il gate elettrico.

Sintesi colloidale [modifica]
I nanocristalli di semiconduttori colloidali sono sintetizzati da soluzioni, proprio come i processi chimici tradizionali. La differenza principale è che il prodotto non precipita come solido sfuso né rimane dissolto. [5] Riscaldando la soluzione ad alta temperatura, i precursori si decompongono formando monomeri che poi nucleano e generano nanocristalli. La temperatura è un fattore critico nel determinare le condizioni ottimali per la crescita dei nanocristalli. Deve essere abbastanza alto da consentire il riarrangiamento e la ricottura degli atomi durante il processo di sintesi pur essendo abbastanza basso da favorire la crescita dei cristalli. La concentrazione di monomeri è un altro fattore critico che deve essere rigorosamente controllato durante la crescita dei nanocristalli. Il processo di crescita dei nanocristalli può avvenire in due diversi regimi, “focalizzare” e “sfocare”. Ad alte concentrazioni di monomeri, la dimensione critica (la dimensione in cui i nanocristalli non crescono né si restringono) è relativamente piccola, con conseguente crescita di quasi tutte le particelle. In questo regime, le particelle più piccole crescono più velocemente di quelle grandi (poiché i cristalli più grandi hanno bisogno di più atomi per crescere rispetto ai piccoli cristalli) con conseguente “messa a fuoco” della distribuzione dimensionale, producendo una distribuzione improbabile di particelle quasi monodisperse. La messa a fuoco della dimensione è ottimale quando la concentrazione di monomero viene mantenuta in modo tale che la dimensione media dei nanocristalli presente sia sempre leggermente più grande della dimensione critica. Nel tempo, la concentrazione di monomero diminuisce, la dimensione critica diventa più grande della dimensione media presente e la distribuzione “sfoca”.

Esistono metodi colloidali per produrre molti semiconduttori diversi. I punti tipici sono costituiti da composti binari come solfuro di piombo, selenide di piombo, selenide di cadmio, solfuro di cadmio, tellururo di cadmio, arsenuro di indio e fosfuro di indio. I punti possono anche essere ottenuti da composti ternari come il selenuro di solfuro di cadmio. Inoltre, sono stati fatti recenti progressi che consentono la sintesi di punti quantici perovskite colloidale. [18] Questi punti quantici possono contenere da un minimo di 100 a 100.000 atomi all’interno del volume del punto quantico, con un diametro da ≈10 a 50 atomi. Ciò corrisponde a circa 2-10 nanometri e con un diametro di 10 nm, quasi 3 milioni di punti quantici potrebbero essere allineati da un capo all’altro e adattarsi alla larghezza di un pollice umano.

Grandi lotti di punti quantici possono essere sintetizzati tramite sintesi colloidale.
A causa di questa scalabilità e della praticità delle condizioni da banco, i metodi sintetici colloidali sono promettenti per applicazioni commerciali. È riconosciuto [la citazione necessaria] per essere la meno tossica di tutte le diverse forme di sintesi.

Sintesi al plasma [modifica]
La sintesi del plasma (ndr: plasma=gas ionizzato) si è evoluta per essere uno degli approcci più popolari in fase gassosa per la produzione di punti quantici, in particolare quelli con legami covalenti. [19] [20] [21] Ad esempio, i punti quantici di silicio (Si) e germanio (Ge) sono stati sintetizzati utilizzando plasma non termico. Le dimensioni, la forma, la superficie e la composizione dei punti quantici possono essere tutte controllate nel plasma non termico. [22] [23] Il doping che sembra piuttosto impegnativo per i punti quantici è stato realizzato anche nella sintesi del plasma. [24] [25] [26] I punti quantici sintetizzati dal plasma sono generalmente sotto forma di polvere, per la quale possono essere eseguite modifiche superficiali. Ciò può portare a un’eccellente dispersione di punti quantici in solventi organici [27] o acqua [28] (es. Punti quantici colloidali).

Fabrication [modifica]
I punti quantici autoassemblati hanno dimensioni generalmente comprese tra 5 e 50 nm. I punti quantici definiti da elettrodi di gate a schema litografico o mediante attacco su gas di elettroni bidimensionali in eterostrutture a semiconduttore possono avere dimensioni laterali comprese tra 20 e 100 nm.
Alcuni punti quantici sono piccole regioni di un materiale sepolto in un altro con un gap di banda maggiore. Queste possono essere le cosiddette strutture core-shell, ad esempio, con CdSe nel core e ZnS nel shell, o da forme speciali di silice chiamate ormosil. Le shell sub-monostrato possono anche essere modi efficaci di passivare i punti quantici, come i core PbS con shell CdS sub-monostrato. [29]
I punti quantici a volte si verificano spontaneamente nelle strutture dei pozzi quantici a causa delle fluttuazioni dei monostrati nello spessore del pozzo.

I punti quantici autoassemblati si nucleano spontaneamente in determinate condizioni durante l’epitassia a fascio molecolare (MBE) e l’epitassia in fase vapore di metallo (MOVPE), quando un materiale viene cresciuto su un substrato al quale non è accoppiato a reticolo. La tensione risultante porta alla formazione di isole sopra uno strato di bagnatura bidimensionale. Questa modalità di crescita è nota come crescita di Stranski – Krastanov. [30] Le isole possono essere successivamente sepolte per formare il punto quantico. Un tipo ampiamente usato di punti quantici cresciuti con questo metodo sono In (Ga) Come punti quantici in GaAs. [31] Tali punti quantici hanno il potenziale per applicazioni nella crittografia quantistica (ovvero sorgenti a singolo fotone) e nel calcolo quantistico. Le principali limitazioni di questo metodo sono il costo di fabbricazione e la mancanza di controllo sul posizionamento dei singoli punti.

I singoli punti quantici possono essere creati da elettroni bidimensionali o gas di buco presenti in pozzi quantici drogati a distanza o eterostrutture di semiconduttori chiamate punti quantici laterali. La superficie del campione è rivestita con un sottile strato di resist. Un modello laterale viene quindi definito nella resistenza mediante litografia a fascio di elettroni. Questo modello può quindi essere trasferito all’elettrone o al gas di buca mediante attacco o depositando elettrodi metallici (processo di decollo) che consentono l’applicazione di tensioni esterne tra il gas elettronico e gli elettrodi. Tali punti quantici sono principalmente di interesse per esperimenti e applicazioni che coinvolgono il trasporto di elettroni o lacune, cioè una corrente elettrica.

Lo spettro di energia di un punto quantico può essere ingegnerizzato controllando la dimensione geometrica, la forma e la forza del potenziale di confinamento. Inoltre, a differenza degli atomi, è relativamente facile collegare punti quantici mediante barriere a conduttori a conduttori, il che consente l’applicazione delle tecniche di spettroscopia a tunnel per la loro indagine.
Le caratteristiche di assorbimento del punto quantico corrispondono alle transizioni tra particelle discrete tridimensionali in uno stato di scatola dell’elettrone e del foro, entrambi confinati nella stessa scatola di dimensioni nanometriche. Queste transizioni discrete ricordano gli spettri atomici e hanno portato a punti quantici chiamati anche atomi artificiali. [32]

Il confinamento nei punti quantici può anche derivare da potenziali elettrostatici (generati da elettrodi esterni, drogaggio, deformazione o impurità).
La tecnologia complementare ossido-semiconduttore di metallo (CMOS) può essere impiegata per fabbricare punti quantici di silicio. I transistor CMOS ultra piccoli (L = 20 nm, W = 20 nm) si comportano come punti quantici a singolo elettrone quando vengono utilizzati a temperatura criogenica in un intervallo compreso tra -269 ° C (4 K) e circa -258 ° C (15 K). Il transistor mostra il blocco di Coulomb a causa della carica progressiva di elettroni uno per uno. Il numero di elettroni confinati nel canale è guidato dalla tensione di gate, a partire da un’occupazione di zero elettroni, e può essere impostato su 1 o molti.

Assemblaggio virale [modifica] (ndr: interazione tra i virus e quantum dots)
I virus del batteriofago M13 geneticamente modificati consentono la preparazione di strutture di biocompositi quantici a punti. [34] In precedenza era stato dimostrato che i virus geneticamente modificati sono in grado di riconoscere specifiche superfici dei semiconduttori attraverso il metodo di selezione mediante visualizzazione combinata dei fagi. [35] Inoltre, è noto che le strutture cristalline liquide di virus wild-type (Fd, M13 e TMV) sono regolabili controllando le concentrazioni della soluzione, la forza ionica della soluzione e il campo magnetico esterno applicato alle soluzioni. Di conseguenza, le specifiche proprietà di riconoscimento del virus possono essere utilizzate per organizzare i nanocristalli inorganici, formando array ordinati sulla scala di lunghezza definita dalla formazione di cristalli liquidi. Utilizzando queste informazioni, Lee et al. (2000) sono stati in grado di creare film autoassemblati, altamente orientati e autoportanti da una soluzione precursore di fagi e ZnS. Questo sistema ha permesso loro di variare sia la lunghezza del batteriofago che il tipo di materiale inorganico attraverso la modificazione e la selezione genetica.

Assemblaggio elettrochimico [modifica]
Le matrici di punti quantici altamente ordinate possono anche essere autoassemblate mediante tecniche elettrochimiche. Viene creato un modello provocando una reazione ionica su un’interfaccia elettrolita-metallo che provoca l’assemblaggio spontaneo di nanostrutture, compresi punti quantici, sul metallo che viene quindi utilizzato come maschera per mesa-incisione di queste nanostrutture su un substrato scelto.

Bulk-produzione [modifica]
La produzione di punti quantici si basa su un processo chiamato “doppia iniezione ad alta temperatura” che è stato ridimensionato da più aziende per applicazioni commerciali che richiedono grandi quantità (da centinaia di chilogrammi a tonnellate) di punti quantici. Questo metodo di produzione riproducibile può essere applicato a una vasta gamma di dimensioni e composizioni di punti quantici.

Il legame in alcuni punti quantici privi di cadmio, come i punti quantici basati su III-V, è più covalente di quello dei materiali II-VI, quindi è più difficile separare la nucleazione e la crescita delle nanoparticelle mediante una sintesi a doppia iniezione ad alta temperatura. Un metodo alternativo di sintesi dei punti quantici, il processo di “seeding molecolare”, fornisce un percorso riproducibile alla produzione di punti quantici di alta qualità in grandi volumi. Il processo utilizza molecole identiche di un composto a grappolo molecolare come siti di nucleazione per la crescita di nanoparticelle, evitando così la necessità di una fase di iniezione ad alta temperatura. La crescita delle particelle è mantenuta dall’aggiunta periodica di precursori a temperature moderate fino al raggiungimento della dimensione desiderata delle particelle. [36] Il processo di semina molecolare non si limita alla produzione di punti quantici privi di cadmio; ad esempio, il processo può essere utilizzato per sintetizzare lotti di chilogrammi di punti quantici II-VI di alta qualità in poche ore.

Un altro approccio per la produzione di massa di punti quantici colloidali può essere visto nel trasferimento della ben nota metodologia dell’iniezione a caldo per la sintesi a un sistema tecnico a flusso continuo. Le variazioni batch-to-batch derivanti dalle esigenze durante la metodologia citata possono essere superate utilizzando componenti tecnici per la miscelazione e la crescita, nonché le regolazioni di trasporto e temperatura. Per la produzione di nanoparticelle di semiconduttori a base CdSe questo metodo è stato studiato e messo a punto per quantità di produzione di kg al mese. Poiché l’uso di componenti tecnici consente un facile scambio per quanto riguarda il throughput e le dimensioni massime, può essere ulteriormente migliorato a decine o addirittura a centinaia di chilogrammi [37].

Nel 2011 un consorzio di società statunitensi e olandesi ha riportato una “pietra miliare” nella produzione di punti quantici ad alto volume applicando il tradizionale metodo della doppia iniezione ad alta temperatura a un sistema di flusso.

Il 23 gennaio 2013 Dow ha stipulato un accordo di licenza esclusiva con Nanoco, con sede nel Regno Unito, per l’uso del loro metodo di semina molecolare a bassa temperatura per la produzione di massa di punti quantici privi di cadmio per display elettronici e il 24 settembre 2014 Dow ha iniziato a lavorare nello stabilimento di produzione della Corea del Sud in grado di produrre punti quantici sufficienti per “milioni di televisori senza cadmio e altri dispositivi, come i tablet”. La produzione di massa dovrebbe iniziare a metà 2015 [39]. Il 24 marzo 2015 Dow ha annunciato un accordo di partnership con LG Electronics per sviluppare l’uso di punti quantici senza cadmio nei display. [40]

Punti quantici privi di metalli pesanti [modifica]

In molte regioni del mondo esiste ora una limitazione o un divieto sull’uso di metalli pesanti in molti beni domestici, il che significa che la maggior parte dei punti quantici a base di cadmio sono inutilizzabili per applicazioni di beni di consumo.

Per la fattibilità commerciale, è stata sviluppata una gamma di punti quantici ristretti e privi di metalli pesanti che mostrano emissioni luminose nella regione visibile e quasi infrarossa dello spettro e hanno proprietà ottiche simili a quelle dei punti quantici CdSe. Tra questi materiali ci sono InP / ZnS, CuInS / ZnS, Si, Ge e C.

I peptidi vengono studiati come potenziale materiale a punti quantici. [41] Poiché i peptidi si trovano naturalmente in tutti gli organismi, tali punti sarebbero probabilmente non tossici e facilmente biodegradabili. [Citazione necessaria]

Health and safety (salute e sicurezza)

Alcuni punti quantici comportano rischi per la salute umana e l’ambiente in determinate condizioni. [42] [43] [44] In particolare, gli studi sulla tossicità dei punti quantici si sono concentrati su particelle contenenti cadmio e devono ancora essere dimostrati in modelli animali dopo somministrazione fisiologicamente rilevante. [44] Studi in vitro, basati su colture cellulari, sulla tossicità dei punti quantici (QD) suggeriscono che la loro tossicità può derivare da molteplici fattori tra cui le loro caratteristiche fisico-chimiche (dimensioni, forma, composizione, gruppi funzionali superficiali e cariche superficiali) e il loro ambiente. Valutare la loro potenziale tossicità è complessa in quanto questi fattori includono proprietà quali dimensioni del QD, carica, concentrazione, composizione chimica, ligandi di chiusura e anche sulla loro stabilità ossidativa, meccanica e fotolitica. [42]

Molti studi si sono concentrati sul meccanismo della citotossicità QD usando colture cellulari modello. È stato dimostrato che dopo l’esposizione alle radiazioni ultraviolette o all’ossidazione per via aerea, i QD CdSe rilasciano ioni di cadmio liberi causando la morte cellulare. [45] È stato anche riferito che i QD del gruppo II-VI inducono la formazione di specie reattive dell’ossigeno dopo l’esposizione alla luce, che a sua volta può danneggiare i componenti cellulari come proteine, lipidi e DNA. [46] Alcuni studi hanno anche dimostrato che l’aggiunta di un guscio ZnS inibisce il processo di specie reattive dell’ossigeno nei QD CdSe. Un altro aspetto della tossicità del QD è che esistono, in vivo, percorsi intracellulari dipendenti dalla dimensione che concentrano queste particelle negli organelli cellulari che sono inaccessibili agli ioni metallici, il che può provocare modelli unici di citotossicità rispetto ai loro ioni metallici costituenti. [47] I rapporti sulla localizzazione di QD nel nucleo cellulare [48] presentano ulteriori modalità di tossicità perché possono indurre mutazione del DNA, che a sua volta si propagherà attraverso la generazione futura di cellule che causano malattie.

Sebbene la concentrazione di QD in alcuni organelli sia stata riportata in studi in vivo usando modelli animali, nessuna analisi istologica o biochimica è stata trovata alcuna alterazione nel comportamento degli animali, peso, marcatori ematologici o danni agli organi [49]. Queste scoperte hanno portato gli scienziati a credere che la dose intracellulare sia il fattore deterrente più importante per la tossicità QD. Pertanto, i fattori che determinano l’endocitosi QD che determinano la concentrazione intracellulare efficace, come la dimensione QD, la forma e la chimica superficiale determinano la loro tossicità. L’escrezione di QDs attraverso l’urina in modelli animali ha anche dimostrato mediante l’iniezione di QD CdSe con cappuccio ZnS radio-marcati in cui il guscio del ligando era etichettato con 99mTc. [50] Sebbene numerosi altri studi abbiano concluso la conservazione dei QD a livello cellulare, [44] [51] l’esocitosi dei QD è ancora poco studiata in letteratura.

Mentre significativi sforzi di ricerca hanno ampliato la comprensione della tossicità dei QD, ci sono grandi discrepanze nella letteratura e resta ancora una risposta alle domande. La diversità di questo materiale di classe rispetto alle normali sostanze chimiche rende molto difficile la valutazione della loro tossicità. Poiché la loro tossicità può anche essere dinamica a seconda di fattori ambientali come il livello di pH, l’esposizione alla luce e il tipo di cellula, i metodi tradizionali di valutazione della tossicità di sostanze chimiche come LD50 non sono applicabili ai QD. Pertanto, i ricercatori si stanno concentrando sull’introduzione di nuovi approcci e sull’adattamento dei metodi esistenti per includere questa classe unica di materiali. [44]

Inoltre, la comunità scientifica sta ancora studiando nuove strategie per progettare QD più sicuri. Una recente novità nel campo è la scoperta di punti quantici di carbonio, una nuova generazione di nanoparticelle otticamente attive potenzialmente in grado di sostituire i QD dei semiconduttori, ma con il vantaggio di una tossicità molto più bassa.

Potential applications (applicazioni ipotetiche)

I punti quantici sono particolarmente promettenti per le applicazioni ottiche a causa del loro elevato coefficiente di estinzione [53] Funzionano come un singolo transistor di elettroni e mostrano l’effetto di blocco di Coulomb. I punti quantici sono stati anche suggeriti come implementazioni di qubit per l’elaborazione di informazioni quantistiche, [54] e come elementi attivi per la termoelettrica. [55] [56] [57]

L’ottimizzazione della dimensione dei punti quantici è attraente per molte potenziali applicazioni. Ad esempio, i punti quantici più grandi hanno un maggiore spostamento dello spettro verso il rosso rispetto ai punti più piccoli e presentano proprietà quantistiche meno pronunciate. Al contrario, le particelle più piccole consentono di trarre vantaggio da effetti quantistici più sottili.

Essendo di dimensione zero, i punti quantici hanno una densità di stati più acuta rispetto alle strutture di dimensione superiore. Di conseguenza, hanno proprietà di trasporto e ottiche superiori. Hanno potenziali usi in laser a diodi, amplificatori e sensori biologici. I punti quantici possono essere eccitati all’interno di un campo elettromagnetico localmente potenziato prodotto da nanoparticelle d’oro, che può quindi essere osservato dalla risonanza plasmonica di superficie nello spettro di eccitazione fotoluminescente dei nanocristalli (CdSe) ZnS. I punti quantici di alta qualità sono adatti per applicazioni di codifica ottica e multiplexing grazie ai loro ampi profili di eccitazione e spettri di emissione stretti / simmetrici. Le nuove generazioni di punti quantici hanno un potenziale di vasta portata per lo studio dei processi intracellulari a livello di singola molecola, imaging cellulare ad alta risoluzione, osservazione in vivo a lungo termine del traffico cellulare, targeting tumorale e diagnostica.

I nanocristalli CdSe sono fotosensibilizzanti tripletti efficienti. [59] L’eccitazione laser di piccole nanoparticelle CdSe consente l’estrazione dell’energia di stato eccitato dai punti quantici in una soluzione di massa, aprendo così la porta a una vasta gamma di potenziali applicazioni come terapia fotodinamica, dispositivi fotovoltaici, elettronica molecolare e catalisi.

Biologia [modifica]
Nella moderna analisi biologica vengono utilizzati vari tipi di coloranti organici. Tuttavia, man mano che la tecnologia avanza, si cerca una maggiore flessibilità in questi coloranti [60]. A tal fine, i punti quantici hanno rapidamente riempito il ruolo, essendo stato trovato superiore ai coloranti organici tradizionali su diversi aspetti, uno dei più immediatamente evidenti è la luminosità (a causa dell’elevato coefficiente di estinzione combinato con una resa quantica comparabile ai coloranti fluorescenti [61]) così come la loro stabilità (permettendo molto meno fotobleaching). [62] È stato stimato che i punti quantici sono 20 volte più luminosi e 100 volte più stabili rispetto ai reporter fluorescenti tradizionali [60]. Per il tracciamento di singole particelle, il lampeggiamento irregolare di punti quantici è un piccolo inconveniente. Tuttavia, ci sono stati gruppi che hanno sviluppato punti quantici che sono essenzialmente non lampeggianti e hanno dimostrato la loro utilità in esperimenti di tracciamento di singole molecole. [63] [64]

L’uso di punti quantici per l’imaging cellulare altamente sensibile ha registrato importanti progressi [65]. La fotostabilità migliorata dei punti quantici, ad esempio, consente l’acquisizione di molte immagini consecutive sul piano focale che possono essere ricostruite in un’immagine tridimensionale ad alta risoluzione. [66] Un’altra applicazione che sfrutta la straordinaria fotostabilità delle sonde a punti quantici è il tracciamento in tempo reale di molecole e cellule per lunghi periodi di tempo. [67] Anticorpi, streptavidina, [68] peptidi, [69] DNA, [70] aptameri di acido nucleico, [71] o ligandi di piccole molecole [72] possono essere usati per indirizzare punti quantici a proteine ​​specifiche sulle cellule. I ricercatori sono stati in grado di osservare punti quantici nei linfonodi dei topi per più di 4 mesi. [73]

I punti quantici possono avere proprietà antibatteriche simili alle nanoparticelle e possono uccidere i batteri in modo dose-dipendente. [74] Un meccanismo attraverso il quale i punti quantici possono uccidere i batteri è attraverso la compromissione delle funzioni del sistema antiossidante nelle cellule e la regolazione verso il basso dei geni antiossidanti. Inoltre, i punti quantici possono danneggiare direttamente la parete cellulare. I punti quantici hanno dimostrato di essere efficaci contro i batteri sia gram-positivi che gram-negativi. [75]

I punti quantici a semiconduttore sono stati impiegati anche per l’imaging in vitro di cellule pre-etichettate. La capacità di immaginare la migrazione di singole cellule in tempo reale dovrebbe essere importante per diverse aree di ricerca come l’embriogenesi, le metastasi del cancro, la terapia con cellule staminali e l’immunologia dei linfociti.

Un’applicazione dei punti quantici in biologia è come fluorofori donatori nel trasferimento di energia di risonanza di Förster, dove il grande coefficiente di estinzione e la purezza spettrale di questi fluorofori li rendono superiori ai fluorofori molecolari [76]. Vale anche la pena notare che l’ampio assorbimento dei QD consente selettivi eccitazione del donatore QD e un’eccitazione minima di un colorante in studi basati su FRET. [77] L’applicabilità del modello FRET, che presume che il Quantum Dot possa essere approssimato come un dipolo punto, è stata recentemente dimostrata [78]

L’uso di punti quantici per il targeting tumorale in condizioni in vivo impiega due schemi di targeting: targeting attivo e targeting passivo. Nel caso del targeting attivo, i punti quantici sono funzionalizzati con siti di legame specifici al tumore per legarsi selettivamente alle cellule tumorali. Il targeting passivo utilizza la permeazione e la ritenzione migliorate delle cellule tumorali per la consegna di sonde quantistiche. Le cellule tumorali a crescita rapida in genere hanno membrane più permeabili rispetto alle cellule sane, consentendo la fuoriuscita di piccole nanoparticelle nel corpo cellulare. Inoltre, le cellule tumorali mancano di un efficace sistema di drenaggio linfatico, che porta al successivo accumulo di nanoparticelle.

Le sonde a punti quantici presentano tossicità in vivo. Ad esempio, i nanocristalli CdSe sono altamente tossici per le cellule in coltura sotto illuminazione UV, poiché le particelle si dissolvono, in un processo noto come fotolisi, per rilasciare ioni tossici di cadmio nel terreno di coltura. In assenza di irradiazione UV, tuttavia, i punti quantici con un rivestimento polimerico stabile si sono rivelati essenzialmente non tossici. [73] [43] L’incapsulamento in idrogel di punti quantici consente di introdurre punti quantici in una soluzione acquosa stabile, riducendo la possibilità di perdite di cadmio. Inoltre, si sa solo poco sul processo di escrezione dei punti quantici dagli organismi viventi. [79]

In un’altra potenziale applicazione, i punti quantici vengono studiati come fluoroforo inorganico per il rilevamento intraoperatorio di tumori mediante spettroscopia a fluorescenza.

La consegna di punti quantici integri al citoplasma cellulare è stata una sfida con le tecniche esistenti. I metodi basati su vettori hanno portato all’aggregazione e al sequestro endosomico di punti quantici mentre l’elettroporazione può danneggiare le particelle semiconduttive e aggregare i punti rilasciati nel citosol. Tramite la compressione cellulare, i punti quantici possono essere erogati in modo efficiente senza indurre aggregazione, intrappolando materiale negli endosomi o perdita significativa della vitalità cellulare. Inoltre, ha dimostrato che i singoli punti quantici forniti da questo approccio sono rilevabili nel citosol cellulare, illustrando così il potenziale di questa tecnica per studi di tracciamento di singole molecole. [80]

(ndr: traduzione solo parziale dell’articolo originale) stop

Lo scopo di questa traduzione, infatti, era la valutazione del seguente video:

Infatti -nel video è detto:

minuto 5.09 nel vaccino vi sono “quantum dots”

nella scritta: “RFID possono essere attivate by 5G microwaves (5G micronde)”

nel dialogo sul video:

  • ti posso fare venire amnesie
  • ti posso fare andare fuori di testa (ndr: follia)
  • ti posso indurre alterazioni psicologiche
  • creare e/o attivare malattie
  • ti posso anche uccidere a distanza
  • avverrebbero sintesi di sostanze ad hoc.

Commento:

No, non vi è la omnipotenza di sintetizzare la materia e né di controllarla a distanza.

Viceversa siamo in presenza di una sperimentazione:

  1. una alterazione del DNA come ufficialmente è detto grazie a RNA
  2. introduzione di sostanze che inducono la sterilità
  3. attacco al sistema immunitario
  4. il 5G (come tutte le onde elettromagnetiche altera il sistema immunitario peggiorandolo)
  5. la carica virale covid19 induce HIV (infatti i farmaci anti HIV hanno efficacia)
  6. se viene impiantato un micro-chip e i QD (quantum dots) è possibile (attraverso il micro-chip) sapere se sei stato vaccinato. Infatti i QD sono alterati ed alterabili tramite la vaccinazione che li introduce nel corpo umano e potrebbe variarne la chimica tramite 5G specifici non solo per testarne la presenza (dei quantum dots) ma anche per variarne la composizione.

Quindi il progetto è molto meno potente di ciò che il video teorizza.

Ma gestisce il corpo umano in modo OGM, come confermato dalla legislazione UE, alterando la genetica del singolo, sia per scopi principali:

  • di ridurre la capacità di riproduzione della specie homo sapiens.
  • valutazione della chimica grazie ai quantum dots
  • valutazione della inducibilità di stati coscienziali alterati tramite il 5G.
  • eventuale generazione di sostanze tossiche tramite segnali di mutazione dei QD.

Il documento della UE sulla legislazione OGM nei vaccini:

cito:
https://www.europarl.europa.eu/news/it/press-room/20200706IPR82731/covid-19-il-parlamento-deve-consentire-uno-sviluppo-piu-rapido-dei-vaccini

Vaccino contro la COVID-19: il Consiglio adotta misure per agevolarne lo sviluppo in tempi rapidi

Il Consiglio ha adottato oggi un regolamento inteso ad accelerare lo sviluppo e la diffusione di un vaccino contro la COVID-19 nell’UE. L’atto prevede, per le sperimentazioni cliniche con tali vaccini, una deroga temporanea alla valutazione preventiva del rischio ambientale richiesta dalla legislazione dell’UE sull’emissione deliberata nell’ambiente e sull’impiego confinato di organismi geneticamente modificati (OGM). Chiarisce inoltre che tale deroga temporanea si applica anche quando gli Stati membri consentono che medicinali contenenti OGM o da essi costituiti e destinati alla cura o alla prevenzione della COVID-19 siano utilizzati in determinate situazioni eccezionali e urgenti definite nella legislazione in materia di prodotti farmaceutici. L’impatto ambientale dei medicinali (compresi i vaccini) contenenti OGM o da essi costituiti e destinati alla cura o alla prevenzione della COVID-19 continuerà a far parte del processo di autorizzazione all’immissione in commercio, nel rispetto dei requisiti di sicurezza per l’ambiente stabiliti dalla legislazione in materia di OGM.

Il regolamento si applicherà solo finché la COVID-19 sarà considerata una pandemia dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) oppure finché sarà applicabile un atto di esecuzione con il quale la Commissione riconosce una situazione di emergenza sanitaria pubblica dovuta alla COVID-19.

Occorre trovare con urgenza un vaccino contro la COVID-19. Questo regolamento garantirà che le sperimentazioni cliniche nell’UE possano cominciare senza ritardi e che non si perda tempo prezioso. L’atto adottato oggi dimostra che l’UE è pronta ad assumere un ruolo guida nello sforzo globale per garantire lo sviluppo di un vaccino sicuro ed efficace.

Jens Spahn, ministro federale della Sanità della Germania

Il regolamento prevede una deroga ad alcune disposizioni della direttiva 2001/18/CE sull’emissione deliberata nell’ambiente di organismi geneticamente modificati e della direttiva 2009/41/CE sull’impiego confinato di microrganismi geneticamente modificati. La deroga prevede che la maggior parte delle operazioni connesse all’esecuzione di sperimentazioni cliniche non richieda una valutazione del rischio ambientale o un’autorizzazione preventive. Tali operazioni comprendono l’imballaggio e l’etichettatura, la conservazione, il trasporto, la distruzione, lo smaltimento, la distribuzione, la fornitura, la somministrazione o l’impiego di medicinali per uso umano in fase di sperimentazione contenenti OGM o da essi costituiti e destinati alla cura o alla prevenzione della COVID-19. La fabbricazione di tali medicinali continuerà tuttavia a essere soggetta a tutte le disposizioni contenute in tali direttive.

Il regolamento chiarisce inoltre che alcune disposizioni delle direttive 2001/18/CE e 2009/41/CE non sono applicabili quando gli Stati membri concedono l’accesso a medicinali contenenti OGM o da essi costituiti in determinate situazioni eccezionali e urgenti. Tali casi sono definiti nella direttiva 2001/83/CE recante un codice comunitario relativo ai medicinali per uso umano e nel regolamento (CE) n. 726/2004 che istituisce procedure dell’Unione per l’autorizzazione e la sorveglianza dei medicinali per uso umano e veterinario.

Il regolamento è stato adottato con procedura scritta.

Informazioni generali​e prossime tappe

La Commissione ha adottato la proposta il 17 giugno 2020. Il Parlamento europeo ha votato a favore della proposta di regolamento il 10 luglio 2020. Il regolamento sarà pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea il 17 luglio ed entrerà in vigore il giorno successivo alla pubblicazione.

Sulle rivelazioni di cosa conterebbe il vaccino covid19 segnalo il seguente articolo:

Insider GLAXO (GSK) rivela cosa c’è sui futuri vaccini che dovrebbero agire contro covid19: “agenti che creano sterilità nell’apparato riproduttivo sia maschile che femminile” (citate le fonti giornalistiche)

link:

https://6viola.wordpress.com/2020/06/16/insider-glaxo-gsk-rivela-cosa-ce-sui-futuri-vaccini-che-dovrebbero-agire-contro-covid19-agenti-che-creano-sterilita-nellapparato-riproduttivo-sia-maschile-che-femminile-citate-le-fonti-gio/

si consulti l’articolo seguente in merito alla modifica dei virus:

5G Technology and induction of coronavirus in skin cells (file PUBMED)

https://6viola.wordpress.com/2020/07/28/5g-technology-and-induction-of-coronavirus-in-skin-cells-file-pubmed/

aggiornamento 30 luglio 2020:

link1:
https://6viola.wordpress.com/2020/07/26/quantum-dots-studio/

link2:
https://6viola.wordpress.com/2017/09/29/entanglement-deterministic-entanglement-theory/

fonte facebook dell’ultimo inserto:
https://www.facebook.com/groups/barnardeuroparlamentare/permalink/3449256091805402/

 

Questa voce è stata pubblicata in POLITICA. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...