A. M. Pasquale Tufano [biografia breve]

Una breve presentazione in video:

Lascio una nota, sulle materie del mio studio all’università (ingegneria elettronica), non perché io non abbia fatto anche altri studi, ad esempio nella psichiatria e psicoanalisi, nella linguistica con lo studio dei linguaggi naturali e artificiali e anche con la linguistica dello status onirico, fino a fondare con il filosofo e psicologo Lino Missio la “psicofilosofia” in ITALIA su la mia “teoria degli equilibri preferenziali” come primo testo di riferimento .. “esercizio della professione dello psicofilosofo” poi riconosciuto da un albo professionale nell’esercizio della professione .. lascio una nota -dicevo- per coloro che pensano che io non sia competente nella ingegneria, (avendola studiata per 13 anni, non tanto per aspetto mnemonico, ma alla ricerca delle dinamiche dell’eureka!) .. affinché sia chiaro quali materie scientifiche io abbia nel mio corso di laurea..
Le materie in ordine cronologico (sostenute come esami) sono le seguenti, con tesi finale “Strategie di Sintesi di sistemi affidabili e/o tolleranti il guasto” relatore il professor Tullio Bucciarelli, nell’anno 1990 (Arbitraggio di 3 computer di bordo dello shuttle europeo come da progetto della Selenia Spazio, ricostruzione storica della strategie di sintesi affidabili e tolleranti il guasto, fino ai codici di Hamming e oltre):



1) Disegno (ind)
2) Analisi Matematica I
3) Geometria I
4) Fisica I
5) Analisi Matematica II
6) Fisica II
7) Es Linguaggi Programmativi
8) Elettrotecnica
9) Complementi di Analisi Matematica
10) Teoria dei Sistemi
11) Controlli Automatici I
12) Elettronica Applicata I
13) Analisi Numerica
14) Calcolatori Elettronici
15) Sistemi Combinatori e Sequenziali
16) Chimica
17) Microelettronica

18) Controlli Automatici II

19) Teoria dei Segnali e della Informazione
20) Costruzioni Elettroniche

21) Comunicazioni Elettriche
22) Campi Elettromagnetici e Circuiti
23) Fisica Tecnica
24) Automazione Impianti
25) Misure per Sistemi Dinamici

26) Misure Elettriche
27) Elettronica Applicata II

Alcune foto del titolo di studio (conseguito in data 1990),
le foto sono del 28.04.2017:


per completezza aggiungo qualche altra info:

a) dai miei studi sulla “TEORIA DEGLI EQUILIBRI PREFERENZIALI” è stata fondata dal laureato in filosofia e psicologia dottor Lino Missio la PSICOFILOSOFIA in Italia intorno all’anno 2000. Tale disciplina è stata riconosciuta ufficialmente dallo Stato Italiano come abilitata all’esercizio di consulenza.
Psico-ingegneria/Psycho-engineering
https://6viola.wordpress.com/psico-ingegneriapsycho-engineering/

a’) dai miei studi sulla psichiatria (nell’ambito della teoria degli equilibri preferenziali) è stata introdotta una nuova teoria del linguaggio onirico che comprende e agisce anche sui disturbi della schizofrenia e la riconduce all’equilibrio mentale.
Teoria Equilibri Prefereziali (anno 2000) il testo in pdf
http://www.psicoingegneria.it/articoli-tecnici/Teoria_Equilibri_Preferenziali-TEP1-vers-2008.pdf

b) dai miei studi sulla “FUSIONE FREDDA” è stato possibile verificare la ripetibilità del fenomeno non in acqua pesante, ma in normale acqua distillata, modificando il processo di Fashmann e Ponds da esperimenti a camera chiusa a esperimenti a camera aperta. Sul blog sei viola.
Associazione “Eureka!_FUSION_2014” (il progetto con la componentistica: anno 2014)
https://6viola.wordpress.com/associazione-eureka_fusion_2014/

c) dai miei studi sulle “FUEL CELL” è stato possibile verificare la possibilità di avere celle alimentate con idrogeno (H2) e ossigeno (O2) che non utilizzano il Platino come catalizzatore ma il più economico Nickel.
total_nickel-FUEL_CELL_T
COME REALIZZARE UNA FUEL CELL con il nickel (senza il platino)
https://6viola.wordpress.com/total_nickel-fuel_cell_t/

d) dai miei studi sui modelli monetari è stato possibile formulare una nuova organizzazione monetaria detta MONETA NEURALE.
TEORIA NEURALE DELLA MONETA [studio di teoria dei modelli]
https://6viola.wordpress.com/2014/04/18/teoria-neurale-della-moneta-studio-di-teoria-dei-modelli/

e) dai miei studi sulla Fisica Quantistica ho formulato una nuova teoria cosmologica: Teoria degli Universi Adiacenti che individua la collocazione della dark matter, la materia oscura. more info: link5.
more info:
Einstein’s orbit: Theorem of the NET (Tufano’s second geodesic theorem) [Mathematics]
https://6viola.wordpress.com/2016/11/10/einsteins-orbit-theorem-of-the-net-tufanos-second-geodesic-theorem-mathematics/

f) dai miei studi sulla struttura della materia è stato possibile superare la indeterminazione della soglia di Heisenberg. more info:
Deterministic Orbit of H (Hydrogen): TUFANO’s 3rd theorem [*Mathematics*]
https://6viola.wordpress.com/2016/12/01/deterministic-orbit-of-h-hydrogen-tufanos-3th-theorem-mathematics/

g) dai miei studi sui quantum computer è stato possibile fare chiarezza DOVE e COME l’effetto di entanglement sia utilizzabile nella architettura dei quantum computer utilizzando un merge strutture logico digitali e strutture ottiche. more info:
Quantum Computer: è possibile leggere i fotoni violando Heisenberg? [studio]
https://6viola.wordpress.com/2014/06/27/quantum-computer-e-possibile-leggere-i-fotoni-violando-heisenberg-studio/

h) mi interesso di architetture ben formate nella logica: sono riuscito a superare le aporie di Russell sulla definizione della “collezione di tutte le collezioni” nella teoria degli insiemi: non con la teoria della classi, ma con la ri-formulazione del concetto di “insieme”. Una esposizione nella seconda parte del link seguente.
COMPETITIVI .. i doni della morte? [PSICOLOGIA + TEORIA DEGLI INSIEMI: dagli ARCHETIPI di Potter alle aporie di Russell]
https://6viola.wordpress.com/2014/06/17/competitivi-i-doni-della-morte-psicologia-teoria-degli-insiemi-dagli-archetipi-di-potter-alle-aporie-di-russell/

i) dai miei studi sull’elettromagnetismo e la fotonica: ho risolto il problema della natura duale della luce. Infatti propongo una “teoria semiquantica della materia” che non ipotizza né la natura corpuscolare e né nel continuum, ma prevalentemente quantizzata con stati di transizione “NOT ON/OFF” tra un quantum e quello adiacente. La metodologia è ricorsiva: infatti gli stessi stati di transizione sono prevalentemente quantici (dopo avere applicato la modalità ZOOM nei relativi componenti che realizzano la transizione), ma ogni contributo, sia e1 (=e1 di numerosi enti en, per esempio un fotoneche compone la transizione (pur prevalentemente quantico)
-> mostra [sulla sua frontiera- (di e1), come ente] -> “una ulteriore transizione”(!) (composta da una collezione di enti minori di e1: per esempio detti “subfotoni“), e così via iterativamente.
TEMPO e LUCE [studio: nella filosofia, fisica, teoria della misura]
https://6viola.wordpress.com/2014/05/28/tempo-e-luce-studio-nella-filosofia-fisica-teoria-della-misura/

l) dei miei studi di cosmologia: ho risolto il perché vi è una violazione nel trattenere la luce dei buchi neri, detta evaporazione, o oscillazione quantistica.
la teoria di Hawking: https://en.wikipedia.org/wiki/Hawking_radiation
la teoria di Tufano: (la sintetizzo nel seguito) se si ipotizza che un buco nero era una stella che ha attirato corpi massivi fino ad aumentare di massa al punto tale che la sua massa tende a trattenere anche la luce, tale condizione non è stazionaria non per fenomeni aleatori, come presuppone Hawking: cit https://it.wikipedia.org/wiki/Radiazione_di_Hawking
di Bekenstein-Hawking, è una radiazione termica che si ritiene sia emessa daibuchi neri a causa degli effetti quantistici.>> .. ma perché dopo che la stella sia divenuta una “stella nera” può succedere che attiri altra massa .. ora questa nuova massa sottoposta a gravitazione è logico che tenda a compattarsi e che produca “plasma” e che il plasma produca una spinta di emissione della radiazione che la massa precedente alla fusione plasmatica non può avere la stessa forza di trattenere proprio perché si è trasformata -in parte- in energia secondo e=mc^2. Quindi come in una pentola a pressione (con sotto una fiamma accesa) man mano che il fornello fornisce energia la valvola della pressione tende a disperdere una parte del vapore .. COSI’ .. in una “stella nera” (così preferisco chiamare il buco nero) man mano che aumenta di massa e che una parte della massa si trasforma in plasma (per compressione gravitazionale) si osserverà emergere dal plasma una parte della massa convertita in energia e proprio perché la massa totale è diminuita eserciterà minore forza gravitazionale! .. consentendo questo meta stato di ri-equilibrio che consiste nel liberarsi di una aliquota di energia .. per riacquistare le sue caratteristiche di stella normalmente nera, eccettuate le oscillazioni causate dal potere emissivo incrementale a causa della progressiva massa acquisita. Si noti che anche Hawking asserisce che l’evaporazione è in dipendenza delle dinamiche della massa nel buco nero, ma mentre la sua trattazione è basata sull’idea della perfetta quantizzazione del cosmos sub atomico e quindi in maniera indeterministica per le implicazioni di Heisenberg sulla possibilità di descrizione anche a livello sub fotonico .. VICEVERSA .. io teorizzo un orizzonte degli eventi non perfettamente quantizzato ma con metastati di transizione che consentono una descrizione approssimativamente nel continuum (e quindi una evoluzione temporale) da cui la progressione di (t1) acquisizione di nuova massa (t2) effetto di compattazione della nuova massa (t3) fenomeni di omogeneizzazione con la massa precedente (t4) ulteriore compattazione nel crescere del tempo della omegenizzazione (t5) perdita di massa per evoluzione dinamica del plasma da plasma a plasma privo di massa per emissione di energia (t6) squilibrio tra le forze gravitazioni e il maggiore contenuto energetico della stella nera (t7) emissione di una parte della energia immagazzinata (t8) ripristino della gravitazione critica che impedisce alla luce di emergere quasi del tutto (t9) attesa di avere acquisito nuova massa per una nuova emissione episodica e nel frattempo rimane una stella nera ..
Quindi la meccanica (tra i due modelli Hawkig/Tufano) si sposta da una meccanica di descrizione tramite la teoria aleatoria (Hawking) a una meccanica di un modello di ordine superiore (Tufano) che vede la possibilità di una descrizione quantistica come modello semplificato nel considerare nette le transizioni (archetipo del concetto di quantizzazione perfetta e netta), mentre INVECE sono graduali. cvd.
Inside the STARS (and Black Holes) is exact Einstein’s Theory? [Physics][Tufano’s 9th Theorem] (25.04.2017)
https://6viola.wordpress.com/2017/04/25/inside-the-stars-and-black-holes-is-exact-einsteins-theory-physicstufanos-9th-theorem/

m) mi interesso anche di metafisica ed intelligenza artificiale e studi neurali di intelligenza collettiva. more info: link8
Le prime lezioni in video:

n) ho composto musica e ho imparato a scriverla depositandola alla società autori ed editori SIAE.

o) mi sono interessato di disegno, di pittura, scultura, di PNL, di NWO, di massmediologia, di ipnosi, di veggenza, di karismi, di esoterismo, di contemplazione mistica, di paranormale, di omniscienza, di teleologia, di epistemologia, di gnosi, di fonemi, di morfemi, di criptazione, di decriptazione, di determinismo, di teoria aleatoria, di statistica, di teoria del kaos, di teoria del tutto.

probabilmente dimentico qualcosa .. ma se mi sbaglio mi corrigerete 🙂

Aggiornamento 28 Aprile 2017, ore 14:07:

Metto qui di seguito gli ultimi lavori in merito alla fisica:

  1. New Time Theorem: TUFANO’s THEOREM [MATHEMATICS] (Primitive Form)
    (commento: si noti che è esplicitata una forma di descrizione dei fotoni tramite le geodesic_equation, da cui è possibile analizzare la “dinamica spazio/velocità/accelerazione dei fotoni”).
    https://6viola.wordpress.com/2016/10/23/new-time-theorem-tufanos-theorem-mathematics/
  2. Einstein’s orbit: Theorem of the NET (Tufano’s second geodesic theorem) [Mathematics]
    (commento: grazie al teorema di Gauss, confermando l’analisi del fisico Gasparri, si identifica la collocazione e proprietà della materia oscura (dark matter).
    https://6viola.wordpress.com/2016/11/10/einsteins-orbit-theorem-of-the-net-tufanos-second-geodesic-theorem-mathematics/
  3. Deterministic Orbit of H (Hydrogen): TUFANO’s 3rd theorem [*Mathematics*]
    (commento: grazie alle equazioni di Einstein, come risolte da Schwarzschild, introducendo una nuova costante di gravitazione universale per il dominio sub_atomico, si trovano le orbite deterministiche del moto dell’elettrone attorno ad un atomo di idrogeno).
    https://6viola.wordpress.com/2016/12/01/deterministic-orbit-of-h-hydrogen-tufanos-3th-theorem-mathematics/
  4. TUFANO’s 4th theorem: M_theorem [Mathematics]
    (commento: sono le basi della nostra teoria “M”, dove M indica Matryoshka, e avrà conseguenze nello studio del protone nel teorema che segue il quarto, e cioé il quinto).
    https://6viola.wordpress.com/2016/12/17/tufanos-4th-theorem-m_theorem-mathematics/
  5. Tufano’s 5th Theorem: UNDER the PROTON scale [Matryoshka Effect]
    (commento: è lo studio delle basi fisiche e matematiche della struttura del protone)
    https://6viola.wordpress.com/2016/12/17/tufanos-5th-theorem-under-the-proton-scale-matryoshka-effect/
  6. Tufano’s 6th Theorem: UNDER the Electron scale [Matryoshka Effect]
    (commento: valutazione della possibilità di applicazione del teorema 5 al caso di indagare la struttura interna dell’elettrone: poiché anche l’elettrone, come il protone, è dotato di carica e di massa, ma mentre conosciamo -approssimativamente- la massa delle cariche protoniche (quarks) si noti che non conosciamo la massa delle cariche elettroniche (per ipotesi depositate sulla sfera esterna di ogni singolo elettrone), ma solo la massa complessiva di un elettrone. Quindi nel caso di ogni singolo elettrone non disponendo di tali dati, non è possibile, per ora, replicare il Matryoshka Effect (come nello studio del prtone: vedi teorema 5) sulla “struttura interna” di un singolo elettrone!).
    https://6viola.wordpress.com/2016/12/29/tufanos-6th-theorem-under-the-electron-scale-matryoshka-effect/
  7. Tufano’s 7th Theorem: Cosmos_Orbit_Cybernetics [Mathematics Software]
    (commento: mostreremo .. tramite un caso concreto (lo studio dell’orbita di Mercurio) .. che necessita ESTENDERE (vedi in particolare qui: teo7/TH3) le capacità del software “geodesic_equation” .. alla modalità che chiameremo Cosmos_Orbit_Cybernetics”, che esprimeremo nella sintesi successiva come .. Tufano’s 7th Theorem. A cosa serve? .. serve a indagare quale sia una orbita stabile in un raggio atomico a partire da una orbita ipotizzata circa circolare e poi verificare -essendo l’orbita ellittica anche nel caso sub atomico- quale sia la reale situazione di equilibrio. Ciò può avere conseguenze notevoli nello studio deterministico della variazioni di stato a livello sub atomico come ad esempio il decadimento beta .. in cui una struttura come un neutrone è stabile dentro un nucleo atomico ed è instabile fuori dal nucleo dell’atomo di idrogeno. A nostro avviso principalmente per il fatto che l’orbita degli elettroni creano una “compressione” alle cariche dello stesso segno dentro un neutrone. Ma esauriscono tale possibilità una volta che il neutrone esce dalla struttura atomica e ciò avviene -nel decadimento beta- dopo circa 887 secondi (circa).
    https://6viola.wordpress.com/2017/01/26/tufanos-7th-theorem-cosmos_orbit_cybernetics-mathematics-software/
  8. Dynamics of light: Tufano’s 8th Theorem [ TEORIA DELLA ANTI GRAVITAZIONE UNIVERSALE ]
    (commento: molte conseguenze emergono nell’articolo ora citato: (1) “la forza d Mach”, ossia la forza che consente ad un fotone di allontanarsi dalla stella che lo ha emesso, sebbene risenta della forza gravitazionale. (2) “lo studio delle dinamiche dei fotoni” .. di come la luce tende a stabilizzarsi come velocità una volta in “campo libero”, ma ha una sua dinamica. (3) “le deformazioni della materia nel viaggiare nel cosmo”. Deformazioni di tipo diverso da quelle che subisce la luce: poiché la luce non risente del vento di Hubble, non avendo una massa, mentre la materia è in grado di sentire quello che nel sistema solare è “il vento solare” che -sebbene tenue sul breve periodo- ha una sua partecipazione alle dinamiche cosmologiche. (4) “Indagine sulla teoria cosmologica di Robertson e Walker”.
    https://6viola.wordpress.com/2017/04/08/dynamics-of-light-tufanos-8th-theorem-teoria-della-anti-gravitazione-universale/
  9. Inside the STARS (and Black Holes) is exact Einstein’s Theory? [Physics][Tufano’s 9th Theorem]
    (commento: studio della dinamica dei buchi neri (black holes)
    [commento: (1) studio fattori di compressione del nucleo di un BH( buco nero) al variare della massa; (2) esame della struttura interna del Sole con modelli di ordine superiore]
    https://6viola.wordpress.com/2017/04/25/inside-the-stars-and-black-holes-is-exact-einsteins-theory-physicstufanos-9th-theorem/
  10. Teoria degli Universi Adiacenti (UA) – versione 22-12-2016:
    (commento: sebbene sia precedente come pubblicazione, avvenuta per la prima volta in data 9 marzo 2016, avevamo previsto che la materia potesse spostarsi a velocità superiore a quella della luce .. già dalla formulazione originaria. Mettiamo 3 link per evidenziare (1) articolo originario sul mio blog. (2) la versione 22-12-2016 in cui si elencano gli articoli fondamentali su cui si poggia. (3) la versione matematica nell’ambito della teoria degli universi bolla.
    (1) UNIVERSI ADIACENTI (UA-0)
    https://6viola.wordpress.com/2016/03/09/teoria-universi-adiacenti-ua-0/
    (2) http://www.partitoviola.it/docs/+UAO-22-12-2016-c.pdf
    (3) “Hubble/Tufano universes theory”-Mathematics
    https://6viola.wordpress.com/2016/04/26/hubbletufano-universes-theory-mathematics/
  11. a(t) solutions in Robertson Walker [Physics]
    [commento: (1) studio della luce in movimento radiale da una stella (forza di Mach); (2) studio del vento di Hubble sulla materia con il paradosso che gli Ui (ed i frattali di ordine inferiore in un singolo Ui) nella materia – ma sul lunghissimo periodo -potrebbero andare più veloci della luce! .. se il vento delle radiazioni fosse leggermente maggiore dell’equilibrio orbitale di ciascun planetario frattale]
    https://6viola.wordpress.com/2017/04/14/at-solutions-in-robertson-walker-physics/
  12. Fractal Logic [versus FRACTAL Contest-sensitive LOGIC] TH-11
    (commento: Introduzione alla logica frattale)
    https://6viola.wordpress.com/2017/05/01/fractal-logic-versus-fractal-contest-sensitive-logic/
  13. Dynamics of light: Near and far from a black hole [Physics]
    (commento: studio della dinamica della luce vicino e lontano un BH: con “lontano” si intende l’emersione da una stella ordinaria, e quindi dalla “corona”)
    https://6viola.wordpress.com/2017/05/04/dynamics-of-light-near-and-far-from-a-black-hole-physicis/
  14. Dynamics of light: U1’s fractal_light [Physics and Mathematics] TH-12
    (commento: applicazione della tipologia di logica frattale contestuale agli Ui)
    https://6viola.wordpress.com/2017/05/11/dynamics-of-light-u1s-fractal_light-physics-and-mathematics-th-12/
  15. “TEORIA della struttura di U1”: una teoria “ALTERNATIVA” alla vecchia “Teoria del Big Bang” (TH-13)
    (commento: studio della teoria degli universi “BOLLA”)
    https://6viola.wordpress.com/2017/06/06/teoria-della-struttura-di-u1-una-teoria-alternativa-alla-vecchia-teoria-del-big-bang/
  16. Ui’s redshift [Ui=Universe: i=1,2, ..] [Physics] TH-14: When the expansion and collision exceed the speed, c, of the light!
    (commento: studio del redshift tra Ui a diversa velocità)
    https://6viola.wordpress.com/2017/06/12/uis-redshift-uiuniverse-i12-physics-th-14-when-the-expansion-and-collision-exceed-the-speed-c-of-the-light/
  17. U1_SPACE_FIX: Filter action in Ui: On standard light propagation in a consistent way to the source universe and the destination universe [Physics] TH-15
    (commento: effetto della limitazione della luce in U1)
    https://6viola.wordpress.com/2017/06/13/u1_space_fix-filter-action-in-ui-on-standard-light-propagation-in-a-consistent-way-to-the-source-universe-and-the-destination-universe-physics-th-15/
  18. k_Fermat’s geodesic_equations: Tufano’s First theorem [new Mathematics]
    (commento: new form of 1° Theorem)
    https://6viola.wordpress.com/2017/07/07/k_fermats-geodesic_equations-tufanos-first-theorem-new-mathematics/
  19. new-H@ Deterministic Orbit of H (Hydrogen): TH-16
    (commento: new form of 3rd Theorem)
    https://6viola.wordpress.com/2017/07/07/new-h-deterministic-orbit-of-h-hydrogen-th-16/
  20. k_Fermat’s geodesic_equations: [mathematical proof: 6° & 7°]
    (commento: altre prove della soluzione generale delle equazioni di Einstein)
    https://6viola.wordpress.com/2017/07/23/k_fermats-geodesic_equations-mathematical-proof-6-7/
  21. sul concetto di massa energetica m° [On the concept of energy mass]
    (commento: studio degli effetti gravitazionali della luce)
    https://6viola.wordpress.com/2017/08/07/sul-concetto-di-massa-energetica-m-on-the-concept-of-energy-mass/
  22. massa energetica m° [On the concept of energy mass in strong fields, BH]
    (commento: ancora sul concetto di massa energetica, ma in presenza di black holes)
    https://6viola.wordpress.com/2017/08/09/massa-energetica-m-on-the-concept-of-energy-mass-in-strong-fields-bh/
  23. Energy levels in the hydrogen atom: Deterministic Solution with Einstein_equations
    (commento: sperimentazione delle orbite dei primi due livelli (più interni) dell’atomo di idrogeno con le equazioni di Einstein)
    https://6viola.wordpress.com/2017/08/18/energy-levels-in-the-hydrogen-atom-deterministic-solution-with-einstein_equations/
  24. Bohr quantum model with the deterministic analysis of Einstein [micro_Cosmos_Orbit_Cybernetics]
    (commento: studio dell’atomo di Bohr)
    https://6viola.wordpress.com/2017/08/23/bohr-quantum-model-with-the-deterministic-analysis-of-einstein-micro_cosmos_orbit_cybernetics/
  25. microcosmos Cybernetics [physics: the sea of light]
    (commento: studio interazione fotone + elettrone in H)
    https://6viola.wordpress.com/2017/08/29/microcosmos-cybernetics-physics-the-sea-of-light/

Per chi voglia un accenno sui miei studi sulla metafisica ..

Nel link seguente studio la dimostrazione di Godel sul “teorema dell’esistenza di YHWH”, e anche il suo sviluppo storico, anche avvalendomi dell’analisi del matematico Gianbruno Guerrerio su Le Scienze (anno IV, n.19 febbraio 2001, collana i grandi della Scienza “Kurt Godel” – di Gianbruno Guerrerio)

http://www.psicoingegneria.it/docs/Noetica_&_Cybernetics_30-12-09-13-53.pdf

ultimo aggiornamento:
30 agosto 2017, ore 17.16

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...