RAND Corporation: documento in versione inglese e traduzione in italiano di uno studio per generare il collasso della UE grazie alla guerra in Ukraina – RAND Corporation Executive Summary Research Report 25 gennaio 2022: indebolimento della Germania, rafforzamento degli Stati Uniti – ANALISI DELLE FONTI – il “suicidio dell’Occidente – secondo il giornalista Roberto Mazzoni che da una copia del documento al “Vaso di Pandora”

Titolo:
“Rafforzare gli Stati Uniti d’America (USA) indebolendo la Germania”
documento “riservato” smentito dalla fonte Rand Corporatio:

Presentazione di Roberto Mazzoni per l’intervista de “Il Vaso di Pandora”:
(biografia del giornalista Roberto Mazzoni: https://robertomazzoni.xyz/)

Premessa:

Il documento è stato smentito dalla fonte (RAND corporation).

Mazzoni ne fa una traduzione a voce nel video.
Tuttavia abbiamo cercato il documento originale sul web e ne abbiamo salvato le fotocopie che mettiamo qui di seguito:

foto n1:

foto link1

foto n2:


foto link2

foto n3:


foto link3

foto n4:


foto link4

foto n5:


foto link5

foto n6:


foto link6

Si potrà allora fare una verifica se la traduzione che pure esiste al link seguente:
https://www.greanvillepost.com/2022/09/13/bombshell-classified-rand-corporation-executive-summary-research-report-january-25-2022-weakening-germany/

.. sia una traduzione attendibile e cioé conforme alla versione in inglese.

La traduzione qui di seguito non è invece di Mazzoni ma del link qui sopra:

fonte:
https://www.greanvillepost.com/2022/09/13/bombshell-classified-rand-corporation-executive-summary-research-report-january-25-2022-weakening-germany/

++
cit on
++

Indebolimento della Germania, rafforzamento degli Stati Uniti

Lo stato attuale dell’economia statunitense non suggerisce che possa funzionare senza il supporto finanziario e materiale di fonti esterne. La politica di allentamento quantitativo, a cui la Fed ha fatto ricorso regolarmente negli ultimi anni, così come l’emissione incontrollata di contanti durante i lockdown del 2020 e 2021, hanno portato a un forte aumento del debito estero e a un aumento dell’offerta di dollari.

È molto probabile che il continuo deterioramento della situazione economica porti ad una perdita della posizione del Partito Democratico al Congresso e al Senato nelle prossime elezioni che si terranno nel novembre 2022. In queste circostanze non si può escludere l’impeachment del Presidente , da evitare a tutti i costi.

C’è un urgente bisogno di risorse per affluire nell’economia nazionale, in particolare nel sistema bancario. Solo i paesi europei vincolati dagli impegni dell’UE e della NATO saranno in grado di fornirli senza significativi costi militari e politici per noi.

Il principale ostacolo è la crescente indipendenza della Germania. Sebbene sia ancora un paese con una sovranità limitata, per decenni si è costantemente mosso verso l’eliminazione di queste limitazioni e diventando uno stato completamente indipendente. Questo movimento è lento e cauto, ma costante. L’estrapolazione mostra che l’obiettivo finale può essere raggiunto solo in diversi decenni. Tuttavia, se i problemi sociali ed economici negli Stati Uniti dovessero intensificarsi, il ritmo potrebbe accelerare in modo significativo.

Un ulteriore fattore che contribuisce all’indipendenza economica della Germania è la Brexit. Con il ritiro del Regno Unito dalle strutture dell’UE, abbiamo perso un’opportunità significativa di influenzare la negoziazione di decisioni intergovernative.

È la paura della nostra risposta negativa che in generale determina la velocità relativamente lenta di quei cambiamenti. Se un giorno abbandoniamo l’Europa, ci saranno buone possibilità per Germania e Francia di raggiungere un pieno consenso politico. Poi, l’Italia e altri paesi della Vecchia Europa, in primis gli ex membri della CECA, possono aderirvi a determinate condizioni. La Gran Bretagna, attualmente fuori dall’Unione Europea, non saprà resistere alla pressione del binomio franco-tedesco da sola. Se attuato, questo scenario alla fine trasformerà l’Europa in un concorrente non solo economico, ma anche politico degli Stati Uniti.

Inoltre, se gli Stati Uniti sono per un certo periodo inghiottiti da problemi interni, la Vecchia Europa sarà in grado di resistere più efficacemente all’influenza dei paesi dell’Europa orientale orientati verso gli Stati Uniti.

Vulnerabilità nell’economia tedesca e europea

Ci si può aspettare un aumento del flusso di risorse dall’Europa agli Stati Uniti se la Germania inizia a vivere una crisi economica controllata. Il ritmo degli sviluppi economici nell’UE dipende quasi senza alternative dallo stato dell’economia tedesca. È la Germania a sostenere il peso maggiore della spesa destinata ai membri più poveri dell’UE.

L’attuale modello economico tedesco si basa su due pilastri. Si tratta di un accesso illimitato alle risorse energetiche russe a basso costo e all’energia elettrica francese a basso costo, grazie al funzionamento delle centrali nucleari. L’importanza del primo fattore è considerevolmente maggiore. L’arresto delle forniture russe può ben creare una crisi sistemica che sarebbe devastante per l’economia tedesca e, indirettamente, per l’intera Unione Europea.

Anche il settore energetico francese potrebbe presto incontrare gravi problemi. Il prevedibile arresto delle forniture nucleari controllate dalla Russia, combinato con la situazione instabile nella regione del Sahel, renderebbe il settore energetico francese fortemente dipendente dal carburante australiano e canadese. In connessione con l’istituzione di AUKUS, crea nuove opportunità per esercitare pressioni. Tuttavia, questo problema esula dall’ambito della presente relazione.

Una crisi controllata

A causa dei vincoli della coalizione, la leadership tedesca non ha il pieno controllo della situazione nel paese. Grazie alle nostre precise azioni, è stato possibile bloccare la messa in servizio del gasdotto Nord Stream 2, nonostante l’opposizione dei lobbisti dell’industria siderurgica e chimica. Tuttavia, il drammatico deterioramento del tenore di vita può incoraggiare la leadership a riconsiderare la propria politica e tornare all’idea di sovranità europea e autonomia strategica.

L’unico modo possibile per garantire il rifiuto della Germania delle forniture energetiche russe è coinvolgere entrambe le parti nel conflitto militare in Ucraina. Le nostre ulteriori azioni in questo paese porteranno inevitabilmente a una risposta militare dalla Russia. I russi ovviamente non saranno in grado di lasciare senza risposta la massiccia pressione dell’esercito ucraino sulle repubbliche non riconosciute del Donbas. Ciò consentirebbe di dichiarare la Russia aggressore e di applicarle l’intero pacchetto di sanzioni preparato in precedenza.

Putin potrebbe a sua volta decidere di imporre controsanzioni limitate, principalmente sulle forniture energetiche russe all’Europa. Pertanto, il danno per i paesi dell’UE sarà abbastanza paragonabile a quello dei russi e in alcuni paesi, principalmente in Germania, sarà maggiore.

Il prerequisito perché la Germania cada in questa trappola è il ruolo guida dei partiti verdi e dell’ideologia in Europa. I Verdi tedeschi sono un movimento fortemente dogmatico, se non zelante, il che rende abbastanza facile fargli ignorare le argomentazioni economiche. Sotto questo aspetto, i Verdi tedeschi superano leggermente i loro omologhi nel resto d’Europa. Le caratteristiche personali e la mancanza di professionalità dei loro leader – in primis Annalena Baerbock e Robert Habeck – consentono di presumere che sia quasi impossibile per loro ammettere i propri errori in modo tempestivo.

Basterà dunque formare rapidamente l’immagine mediatica della guerra aggressiva di Putin per trasformare i Verdi in ardenti e intransigenti sostenitori delle sanzioni, un ‘partito della guerra‘. Consentirà l’introduzione senza ostacoli del regime sanzionatorio. La mancanza di professionalità degli attuali dirigenti non consentirà una battuta d’arresto in futuro, anche quando l’impatto negativo della politica scelta diventerà abbastanza evidente. I partner della coalizione di governo tedesca dovranno semplicemente seguire i loro alleati, almeno fino a quando il carico di problemi economici non supererà la paura di provocare una crisi di governo.

Tuttavia, anche quando SPD e FDP saranno pronti ad andare contro i Verdi, la possibilità per il prossimo governo di riportare alla normalità le relazioni con la Russia abbastanza presto sarà notevolmente limitata. Il coinvolgimento della Germania in grandi forniture di armi e equipaggiamento militare all’esercito ucraino genererà inevitabilmente una forte sfiducia nei confronti della Russia, il che renderà il processo negoziale piuttosto lungo.

Se i crimini di guerra e l’aggressione russa contro l’Ucraina saranno confermati, la leadership politica tedesca non sarà in grado di superare il veto dei suoi partner dell’UE sull’assistenza all’Ucraina e sui pacchetti di sanzioni rafforzati. Ciò garantirà un divario sufficientemente lungo nella cooperazione tra Germania e Russia, il che renderà i grandi operatori economici tedeschi non competitivi.

Conseguenze previste

Una riduzione delle forniture energetiche russe – idealmente, un arresto completo di tali forniture – porterebbe a risultati disastrosi per l’industria tedesca. La necessità di deviare quantità significative di gas russo per il riscaldamento invernale di strutture residenziali e pubbliche aggraverà ulteriormente le carenze. I blocchi nelle imprese industriali causeranno carenze di componenti e pezzi di ricambio per la produzione, un guasto alle catene logistiche e, infine, un effetto domino. È probabile che i più grandi impianti chimici, metallurgici e di costruzione di macchine si fermino completamente, mentre praticamente non hanno capacità di riserva per ridurre il consumo di energia. Potrebbe portare alla chiusura delle imprese a ciclo continuo, il che potrebbe significare la loro distruzione.

Le perdite cumulative dell’economia tedesca possono essere stimate solo approssimativamente. Anche se la restrizione delle forniture russe è limitata al 2022, le sue conseguenze dureranno per diversi anni e le perdite complessive potrebbero raggiungere i 200-300 miliardi di euro. Non solo darà un colpo devastante all’economia tedesca, ma l’intera economia dell’UE crollerà inevitabilmente. Non stiamo parlando di un calo del ritmo di crescita dell’economia, ma di una recessione sostenuta e di un calo del PIL solo della produzione materiale del 3-4% all’anno per i prossimi 5-6 anni. Tale caduta provocherà inevitabilmente il panico nei mercati finanziari e potrebbe portarli al collasso.

L’euro inevitabilmente, e molto probabilmente irreversibilmente, scenderà al di sotto del dollaro. Un forte calo dell’euro causerà di conseguenza la sua vendita globale. Diventerà una valuta tossica e tutti i paesi del mondo ridurranno rapidamente la propria quota nelle loro riserve di forex. Questo divario sarà riempito principalmente con dollari e yaun.

Un’altra conseguenza inevitabile di una prolungata recessione economica sarà un forte calo del tenore di vita e un aumento della disoccupazione (fino a 200.000-400.000 nella sola Germania), che comporterà l’esodo di manodopera qualificata e giovani ben istruiti. Non ci sono letteralmente altre destinazioni per tale immigrazione oltre agli Stati Uniti oggi. Da altri paesi dell’UE ci si può aspettare un flusso di migranti un po’ più piccolo, ma anche abbastanza significativo.

Lo scenario in esame servirà quindi a rafforzare le condizioni finanziarie nazionali sia indirettamente che in modo più diretto. Nel breve termine, invertirà la tendenza dell’incombente recessione economica e, inoltre, consoliderà la società americana distogliendola dalle preoccupazioni economiche immediate. Questo, a sua volta, ridurrà i rischi elettorali.

A medio termine (4-5 anni), i benefici cumulativi della fuga di capitali, del riorientamento dei flussi logistici e della riduzione della concorrenza nelle grandi industrie possono ammontare a 7-9 trilioni di dollari.

Purtroppo anche la Cina dovrebbe beneficiare nel medio termine di questo scenario emergente. Allo stesso tempo, la profonda dipendenza politica dell’Europa dagli Stati Uniti ci consente di neutralizzare efficacemente i possibili tentativi dei singoli Stati europei di avvicinarsi alla Cina.

++
cit off
++

Commento di 6viola:

A prescindere del carattere “vero o falso” dell’attuale documentazione ne consigliamo il “salvataggio” e la “diffusione” (anche su blog privati) al fine che vi possa essere una discussione sul “che fare”?

Grazie dell’attenzione.

ultime modifiche:
23.09.2022, ore 9.55

Questa voce è stata pubblicata in POLITICA. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...