Detentori della VERITA’ ASSOLUTA (facebook et altri) censurano le notizie -secondo loro- “parzialmente false” poiché non nominerai il nome di PFIZER invano (studio)

foto1 link1

foto2 link2

Articolo su “theepochtimes.com”:
https://www.theepochtimes.com/pfizer-vaccine-impairs-sperm-count-conspiracy-theorists-were-right_4548368.html

testo dell’articolo:

Pfizer Vaccine Impairs Sperm Count—Conspiracy Theorists Were Right (Il vaccino Pfizer compromette la conta degli spermatozoi: i teorici del complotto avevano ragione)
articolo originale: (segue traduzione)

A new peer-reviewed study published in the journal Andrology

on June 17 vindicates another dark suspicion about COVID-19 vaccines: They harm male fertility. Specifically, researchers find declining sperm counts for up to five months after the second dose of Pfizer’s mRNA COVID-19 jab.

Previously, any legitimate questions about COVID-19 vaccination affecting fertility were dismissed using the perverse rhetoric of “there’s no evidence” (it’s dependent upon the advocates of a universally distributed medical product to prove it’s safe, not the other way around). Then, there was a published study that seemingly disproved any male fertility concerns.

“We now have evidence that should reassure you that the risk of immunization compromising your sperm count is extremely low,” Dr. David Cohen, a reproduction expert, told CNN.

“Because the vaccines contain mRNA and not the live virus, it is unlikely that the vaccine would affect sperm parameters,” stated study author Dr. Ranjith Ramasamy, director of the Reproductive Urology Fellowship program at the University of Miami.

After the publication of the study and positive support from the scientific community, all male fertility concerns were brushed aside. Anyone who dared to question the parameters of the study or the longer-term effects was relegated to a conspiracy theorist. As someone who generally doesn’t like to engage in speculation, I wasn’t one of these people—but I vividly recall it happening.

There was one severe limitation of the study: It only looked at sperm counts before the first dose and 70 days after the second. What happens after two months remained a mystery, but a mystery not worth worrying about, we were told.

The new study published in Andrology tested beyond 70 days and tested sperm counts from men who donated sperm to three fertility clinics in Israel. The study had four phases: a pre-vaccination baseline control, and a short-term (15–45 days), intermediate (75–120 days), and long-term (>150 days) test.

In the first phase (15–45 days), no significant change in sperm concentration or motility was found.

However, the intermediate evaluation (75–120 days) showed a temporary 15.4 percent sperm concentration decrease, which led to a total motile count (TMC) reduction of 22.1 percent compared to the pre-vaccination baseline control. The study authors concluded that the immune response induced by the Pfizer vaccine “is a reasonable cause for transient semen concentration and TMC decline.”

This study isn’t without its limitations. There was no control group of unvaccinated sperm donors to compare to. Moreover, only relative reduction rates were given rather than absolute sperm counts. If the broader data paints an even darker picture, it’s possible it was obscured given the tremendous amount of public and institutional pressure to support the unchallengeable holy biotechnology (see the backlash Dr. Tracy Beth Hoeg and colleagues faced for publishing the vaccine myocarditis studies).

The biggest unanswered question from this study is the reproductive side effects associated with a booster shot. Study participants were given a third dose, but data collection ended after the second shot. Moreover, this data is only for the Pfizer vaccine. As we’ve seen with myocarditis, the Moderna vaccine has severalfold (approximately 3 to 5 times) higher rates of myocarditis compared to Pfizer. If the differential vaccine damage for myocarditis in any way aligns with sperm count impairment, this would be a medical disaster.

Vaccine fanatics have always dismissed concerns as “conspiracy theory.” That vaccines are wildly ineffective at preventing transmission was once a conspiracy theory. Former New York Times reporter Alex Berenson was kicked off Twitter for making this claim, alongside other “misinformation.”

Robust evidence showing vaccines cause an unacceptably high rate of myocarditis in men has also been bizarrely challenged, ignored, and distorted (see Dr. Sanjay Gupta on The Joe Rogan Experience).

Being concerned with “long-term side effects” was treated like speculating whether the Earth is flat.

Vaccine advocates made the grave mistake of overconfidently assuming the unknowns were completely benign, and any consideration otherwise was blasphemous.

Science isn’t religious scripture—it’s an ever-evolving process. With the new data in, responsible scientists must acknowledge this risk and compare it with the potential benefits of vaccination (against severe disease and death). And accordingly, the one-size-fits-all “everyone 5 and up should get boosted” propaganda campaign must be scrapped in favor of age-specific, individualized decision-making.

A 30-year-old male looking to start a family may be reasonably discouraged from getting vaccinated (or now getting a booster) given the new data; meanwhile, a frail 75-year-old man with multiple comorbidities would much rather be protected from the potentially lethal consequences of COVID-19.

The question is, will the public health authorities and top epidemiologists re-evaluate their universal vaccine advisory and honestly discuss the risks?

If not, I may contend “science is dead” with Nietzschean zeal.

Views expressed in this article are the opinions of the author and do not necessarily reflect the views of The Epoch Times

Rav Arora

Rav Arora is an independent journalist based in Vancouver, Canada. He has appeared on The Ben Shapiro Show, Jordan B. Peterson Podcast, The Hill, and other programs. His Substack newsletter on mental health, spirituality, and vaccine side effects is “Noble Truths with Rav Arora.” Follow him on Twitter at @ravarora1

traduzione dell’articolo di “theepochtimes.com”:

Un nuovo studio peer-reviewed pubblicato sulla rivista Andrology il 17 giugno conferma un altro sospetto oscuro sui vaccini COVID-19: danneggiano la fertilità maschile. In particolare, i ricercatori hanno riscontrato un calo della conta spermatica fino a cinque mesi dopo la seconda dose del vaccino COVID-19 a base di mRNA di Pfizer.

In precedenza, ogni domanda legittima sull’impatto della vaccinazione COVID-19 sulla fertilità era stata liquidata con la retorica perversa del “non ci sono prove” (dipende dai sostenitori di un prodotto medico universalmente distribuito dimostrare che è sicuro, non il contrario). Poi è stato pubblicato uno studio che apparentemente smentisce qualsiasi preoccupazione sulla fertilità maschile.

“Ora abbiamo prove che dovrebbero rassicurarvi sul fatto che il rischio che l’immunizzazione comprometta il vostro numero di spermatozoi è estremamente basso”, ha dichiarato alla CNN il dottor David Cohen, esperto di riproduzione.

“Poiché i vaccini contengono mRNA e non il virus vivo, è improbabile che il vaccino influisca sui parametri spermatici”, ha dichiarato l’autore dello studio, il dottor Ranjith Ramasamy, direttore del programma di specializzazione in urologia riproduttiva presso l’Università di Miami.

Dopo la pubblicazione dello studio e il sostegno positivo della comunità scientifica, tutte le preoccupazioni sulla fertilità maschile sono state messe da parte. Chiunque abbia osato mettere in dubbio i parametri dello studio o gli effetti a lungo termine è stato relegato tra i teorici della cospirazione. Essendo una persona che generalmente non ama impegnarsi in speculazioni, non ero una di queste persone, ma ricordo vividamente che è successo.

Lo studio presentava una grave limitazione: Lo studio esaminava solo la conta degli spermatozoi prima della prima dose e 70 giorni dopo la seconda. Quello che succede dopo due mesi rimaneva un mistero, ma un mistero di cui non valeva la pena preoccuparsi, ci dicevano.

Il nuovo studio pubblicato su Andrology è andato oltre i 70 giorni e ha analizzato la conta spermatica di uomini che hanno donato lo sperma a tre cliniche della fertilità in Israele. Lo studio prevedeva quattro fasi: un controllo di base pre-vaccinazione e un test a breve termine (15-45 giorni), intermedio (75-120 giorni) e a lungo termine (>150 giorni).

Nella prima fase (15-45 giorni) non sono stati riscontrati cambiamenti significativi nella concentrazione o nella motilità degli spermatozoi.

Tuttavia, la valutazione intermedia (75-120 giorni) ha mostrato una diminuzione temporanea della concentrazione spermatica del 15,4%, che ha portato a una riduzione della conta motile totale (TMC) del 22,1% rispetto al controllo di base pre-vaccinazione. Gli autori dello studio hanno concluso che la risposta immunitaria indotta dal vaccino Pfizer “è una causa ragionevole del calo transitorio della concentrazione spermatica e della TMC”.

Questo studio non è privo di limiti. Non c’era un gruppo di controllo di donatori di sperma non vaccinati con cui confrontarsi. Inoltre, sono stati forniti solo i tassi di riduzione relativi piuttosto che la conta spermatica assoluta. Se i dati più ampi dipingono un quadro ancora più fosco, è possibile che siano stati oscurati a causa dell’enorme quantità di pressione pubblica e istituzionale per sostenere l’incontestabile santa biotecnologia (si veda il contraccolpo che la dottoressa Tracy Beth Hoeg e i suoi colleghi hanno dovuto affrontare per aver pubblicato gli studi sulla miocardite da vaccino).

La più grande domanda senza risposta di questo studio è quella relativa agli effetti collaterali sulla riproduzione associati a un richiamo. Ai partecipanti allo studio è stata somministrata una terza dose, ma la raccolta dei dati è terminata dopo la seconda iniezione. Inoltre, questi dati riguardano solo il vaccino Pfizer. Come abbiamo visto con la miocardite, il vaccino Moderna ha tassi di miocardite di gran lunga superiori (da 3 a 5 volte) rispetto al Pfizer. Se il danno differenziale da vaccino per la miocardite dovesse in qualche modo allinearsi con la compromissione della conta spermatica, si tratterebbe di un disastro medico.

I fanatici dei vaccini hanno sempre liquidato le preoccupazioni come “teoria della cospirazione”. L’affermazione che i vaccini sono selvaggiamente inefficaci nel prevenire la trasmissione era un tempo una teoria della cospirazione. L’ex giornalista del New York Times Alex Berenson è stato cacciato da Twitter per aver fatto questa affermazione, insieme ad altre di “disinformazione”.

Anche le solide prove che dimostrano che i vaccini causano un tasso inaccettabilmente alto di miocardite negli uomini sono state bizzarramente contestate, ignorate e distorte (vedi il Dr. Sanjay Gupta su The Joe Rogan Experience).

Preoccuparsi degli “effetti collaterali a lungo termine” è stato trattato come ipotizzare che la Terra sia piatta.

I sostenitori dei vaccini hanno commesso il grave errore di supporre con eccessiva sicurezza che le incognite fossero completamente benigne e che qualsiasi considerazione contraria fosse blasfema.

La scienza non è una scrittura religiosa: è un processo in continua evoluzione. Con i nuovi dati, gli scienziati responsabili devono riconoscere questo rischio e confrontarlo con i potenziali benefici della vaccinazione (contro malattie gravi e morte). Di conseguenza, la campagna propagandistica “tutti i bambini dai 5 anni in su dovrebbero vaccinarsi” deve essere abbandonata a favore di un processo decisionale individualizzato e specifico per età.

Un uomo di 30 anni che sta cercando di mettere su famiglia può essere ragionevolmente scoraggiato dal vaccinarsi (o dal fare un richiamo) alla luce dei nuovi dati; nel frattempo, un uomo fragile di 75 anni con molteplici comorbidità preferirebbe essere protetto dalle conseguenze potenzialmente letali del COVID-19.

La domanda è: le autorità sanitarie pubbliche e i migliori epidemiologi rivaluteranno il loro consiglio sul vaccino universale e discuteranno onestamente i rischi?

In caso contrario, potrei dire “la scienza è morta” con zelo nietzschiano.

Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni di The Epoch Times.

Tradotto con http://www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)


La critica dei fact-checker:

Fact Check-Israeli study finds drop in sperm count after Pfizer vaccine is temporary, no sign of sperm damage

Questa voce è stata pubblicata in POLITICA. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...