prof. Bruno Cacopardo (Direttore della Scuola di Specializzazione di Malattie Infettive dell’Università di Catania): “Su 100 deceduti catalogati come Covid forse soltanto due sono morti davvero per il virus”

fonte:
https://qds.it/covid-anomalie-conteggio-decessi-si-muore-per-altre-patologie/

biografia e titoli del professor Bruno Cacopardo (Direttore della Scuola di Specializzazione di Malattie Infettive dell’Università di Catania):
http://www.ao-garibaldi.catania.it/presidio-osp-nesima/unit-operative/cv/CV%20Cacopardo%20Bruno.pdf

cito:

Su 100 decessi, non più di 2 per il Covid”

Il direttore di dipartimento del Garibaldi, prof.Bruno Cacopardo, si sbilancia ancora di più: “Su 100 deceduti catalogati come Covid forse soltanto due sono morti davvero per il virus. Quindi il bollettino veritiero giornaliero dovrebbe indicare tot positivi, tot ricoveri, due decessi”. Per il docente dell’università catanese bisogna chiarire questo punto a livello ministeriale e dare all’opinione pubblica una giusta ed equa informazione sull’andamento pandemico di quest’ultimo periodo. “La mortalità – spiega il professore – dei pazienti per patologie diverse è divisa in due varianti: c’è la mortalità cosiddetta “cruda” che è quando si muore non per la malattia per cui si è affetto, ma per altre condizioni o eventi, come un soggetto malato di tumore che muore investito da un’auto. E poi c’è una mortalità che si chiama “attribuibile”, che è invece collegata direttamente alla patologia. Cioè il soggetto è morto della patologia cui era affetto. Ora – continua Cacopardo – se io voglio dare il numero esatto di morti Covid, ma dò un numero di morti totale che include anche i decessi per mortalità “cruda” avrò una immagine falsata. Se io, al contrario, voglio dare il giusto numero di decessi Covid dovrei dare solo il dato delle cosiddette morti “attribuibili””. Appare quindi chiaro dalle parole dei due esperti infettivologi che le morti attribuite oggigiorno da Covid non sono affatto quelle reali perché il dato dei decessi contiene anche quei decessi che vengono causati da patologie che nulla hanno a che vedere con il dato in generale.

Commento (Ing. Tufano):

Poiché i fatti non avvengono mai “per caso” nella scienza, ma avvengono per caso solo nella statistica che non si occupa della eziodinamica .. è lecito chiedersi ..

Domanda:
“ma perché i dati dei notiziari in specie del servizio ..
— che dovrebbe essere “servizio pubblico” (RAI) —
ci da dei dati falsi?”

Risposta:
Evidentemente vi è una volontà _POLITICA_  di proporre alla popolazione un quadro di interpretazione deformato che non è volto a “conoscere per deliberare”, ma alla manipolazione delle masse che si nutrono solo della informazione dominata dalla elite che vuole presentare covid19 come un diverso covid già accadato negli anni precedenti al 2019.

Si noti che noi siamo coscienti a ad afferare che il virus covid esiste, ma come diceva Attali, economista francese, “una piccola pandemia permetterà di instaurare un governo mondiale “.

Infatti terrorizzando la popolazione e inducendola ad assumere farmaci sperimentali in un clima emergenziale -chiedendo una dichiarazione liberatoria dalle responsabilità di chi gli inocula il cosidetto pseudo vaccino e di chi lo mette in commercio- si è progettato la crisi e la soluzione della crisi, entrambe artificiali e per scopi di ridurre la popolazione mondiale.

E’ tempo di stare ai fatti. Ed i fatti ci dicono che non sapere le informazioni prima che siano deformate può costare la vita alle persone.

Jacques Attali: “Una piccola pandemia permetterà di instaurare un Governo Mondiale” [fonte: scenarieconomici.it]

Jacques Attali: “Una piccola pandemia permetterà di instaurare un Governo Mondiale” [fonte: scenarieconomici.it]

link: https://6viola.wordpress.com/2020/03/09/jacques-attali-una-piccola-pandemia-permettera-di-instaurare-un-governo-mondiale-fonte-scenarieconomici-it/

Questa voce è stata pubblicata in POLITICA. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...