Se gli Amministratori delegati vendono, come mai prima, ci sarà un motivo.. (by “scenarieconomici.it”)

cito:

Perché i CEO e i dirigenti stanno vendendo le proprie azioni a un ritmo molto più veloce di quanto non abbiamo mai visto prima? Sanno qualcosa che il resto di noi non sa? I media mainstream, e le  banche centrali, cercano sempre di quietare le paure, eppure i cosiddetti insider, coloro che sanno, stanno vendendo come se non ci fosse un domani.

E questi dati sarebbero perfetti se si pensasse che nel 2022 ci sarà una caduta del mercato. Se voi foste l’amministratore delegato o il manager finanziario di una grande società, ad esempio Microsoft, non vendereste le azioni per salvare il vostro patrimonio? E infatti lui è uno di quelli che lo ha fatto.

Come potete leggere qui sopra a novembre 2021 abbiamo raggiunto i 50 miliardi di azioni proprie vendute. Una cifra enorme, mai vista prima. Questa enormità deriva dalla combinazione di due fattori: il prezzo elevatissimo e i volumi di vendita

Secondo la CNBC, quest’anno gli amministratori delegati e gli addetti ai lavori hanno venduto azioni per un valore di 69 miliardi di dollari. Questo è un nuovo record di tutti i tempi, ed è un enorme 30% in più rispetto allo scorso anno…

Da Satya Nadella in Microsoft a Jeff Bezos ed Elon Musk, CEO, fondatori e addetti ai lavori hanno incassato le loro azioni al ritmo più alto mai registrato.

A partire da lunedì, le vendite degli addetti ai lavori sono aumentate del 30% dal 2020 a 69 miliardi di dollari e del 79% rispetto a una media di 10 anni, secondo InsiderScore/Verity, che esclude le vendite dei grandi titolari istituzionali.

È interessante notare che questa svendita è giunta a un crescendo proprio mentre l’economia degli Stati Uniti ha raggiunto un punto di svolta critico. Siamo nel mezzo della peggiore crisi della catena di approvvigionamento della nostra storia, l’inflazione ha raggiunto livelli che non vedevamo dagli anni ’70 e la crescente violenza nelle nostre strade sta deprimendo l’attività economica in molte delle nostre più grandi aree urbane.

Negli ultimi due anni, il governo federale ha preso in prestito e speso trilioni di dollari che non potevamo permetterci di spendere. Nello stesso periodo, la Federal Reserve ha pompato trilioni su trilioni di nuovi dollari nel sistema finanziario. Hanno preso queste misure nel disperato tentativo di rianimare l’economia, e per un po’ di tempo abbiamo sicuramente sperimentato un “alto livello di zucchero”.

Ma ora ci sono tutti i tipi di segnali che l’economia sta iniziando a rallentare ancora una volta. Ad esempio, le vendite del Black Friday sono diminuite del 28,3% rispetto ai livelli del 2019. Un dato impressionante che non può che segnalare una brutta tempesta in arrivo. Ora tutti sono concentrati, anche negli USA, sull’inflazione. Addirittura alcuni media parlano dell’inflazione di una cosa buona, cosa che sarebbe vera, se i redditi salissero come l’inflazione. Il problema è che questo non sembra stia accadendo, per cui si riduce la capacità di acquisto dei consumatori e si pongono le basi per una crisi economica profonda.

Chi sa leggere i numeri conosce questa situazione e vende. Se poi ha più informazioni vende prima.

fonte originale:
https://scenarieconomici.it/se-gli-amministratori-delegati-vendono-come-mai-prima-ci-sara-un-motivo/

Commento (Ing. Tufano)

Gli stessi TG della TV mostrano un prevalere delle vendite in borsa. Molte società offrono di consentire l’accesso a tutti senza chiedere spese di intermediazione. E’ la modalità di “abbandonare la nave che affonda”.

Naturalmente -poiché le azioni non sono solo da comprare e vendere- (le azioni di borsa) sono ANCHE “un titolo di possesso di beni reali e consentono di decidere la politica di conduzione di aziende la vendita” .. allora .. a prescindere dalla borsa .. la elite si terrà il pacchetto di controllo e può anche essere una tecnica -quella di vendere- di fare abbassare il prezzo per potere ricomprare le proprie azioni ad un costo minore!

Tuttavia questa “fenomenologia” è un buon campanello di allarme di disastri reali in vista.

La Ns proposta è di organizzare comunità economiche autonome, nel senso di indipendenti dalla economia ordinaria. Ad esempio coloro che insegnavano e non possono più insegnare nelle scuole per il vincolo del green pass, possono insegnare da remoto a coloro che vogliono usufruire di insegnanti che non hanno da esibire certificazione per collegarsi al web.

Gli esempi potrebbero essere molti, ma -secondo noi- è utile partecipare a questa sperimentazione di introdurre metodi di autonomia di azione, senza violare leggi, per non dovere subire vessazioni o derive dittatoriali.

Grazie dell’attenzione .. Vi informeremo appena il protocollo di partecipazione sarà noto come potere -eventualmente- partecipare nel caso siate interessati. La metodologia dovrebbe essere -se la mia proposta sarà accolta- creare un metodo di fornire i propri dati di reperimento (ad esempio un numero di telefono, ed indirizzo, dati anagrafici) e che tipo di contributo si è interessati a “dare”. Sul reparto “avere” basterà un motore di ricerca alla sezione “servizi offerti”. Sono stato invitato a contribuire a creare questa struttura in un riunione questa sera (27 dic 2021) e quindi vi farò sapere. Importante sarà anche -secondo me- stabilire “chi” può partecipare non solo come “utente”, ma anche come “dirigente”. Poiché servono anche criteri di democrazia per evitare la colonizzazione di poteri antagonisti volti alla destabilizzazione. La destabilizzzazione ed il Grande reset è ciò che ha programmato la elite. Infine proporrò uno studio di come “federare” le varie iniziative di altre associazioni analoghe.

ultimo aggiornamento 27 dic 2021, ore 12.29

Questa voce è stata pubblicata in POLITICA. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...