“Draghi in conferenza stampa ha parlato di un «pass»: da maggio sarà libera la circolazione tra le aree in zona gialla, per quelle arancioni o rosse invece sarà necessario avere il certificato” (verifiche sulla Cotituzione: 16 aprile 2021)

16 aprile 2021:
Secondo il quotidiano “corriere della sera”:
“Draghi in conferenza stampa ha parlato di un «pass»: da maggio sarà libera la circolazione tra le aree in zona gialla, per quelle arancioni o rosse invece sarà necessario avere il certificato”.
fonte (corriere.it):
Ribadiamo che per coloro che difendono la Costituzione Italiana:
Articolo 16
Ogni cittadino può circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi parte del territorio nazionale, salvo le limitazioni che la legge stabilisce in via generale per motivi di sanità o di sicurezza. Nessuna restrizione può essere determinata da ragioni politiche [cfr. art. 120 c. 2, XIII c. 2].
 
Ogni cittadino è libero di uscire dal territorio della Repubblica e di rientrarvi, salvo gli obblighi di legge [cfr. art. 35 c.4].
Commento:
Una limitazione -letta la Costituzione art.16- è quindi in capo ai malati, o coloro soggetti a restrizioni della libertà personale.
L’Italia ha diritto di chiamarsi ancora una Repubblica Costituzionale, se rispetta la Costituzione Italiana come max riferimento di discernimento tra la legalità e ciò che è una opinione personale.
Dunque nessun governo può dettare leggi che vadano in conflitto con ciò che è prescritto dalla Costituzione.
Invitiamo gli italiani onesti a difendere la Costituzione nel non sottostare a limitazioni illegittime, pacificamente, contestando anche provvedimenti delle autorità di polizia. Dunque eccependo di ricorrere alla Corte Costituzionale in caso di ritenere di essere stati sottoposti ad abuso di potere in violazione della Costituzione.
Poiché non pensiamo che il governo non attui questo “giro di vite” per ragioni illogiche, ci domandiamo perché nel DL n.44 in gazzetta Ufficiale dal 1 aprile 2021 rischi -il governo- di mettere nero su bianco di obbligare il personale sanitario alla vaccinazione, quando ciò è stato sanzionato dal tribunale di Norimberga, ed ora metta condizioni alle persone sane nella libertà di circolazione, in contraddizione con l’art.16 della Costituzione.
Secondo noi lo scopo è fare pressione verso la assunzione della vaccinazione di tipo sperimentale contro il covid19.
Se tale tipologia di pseudo-vaccini fosse diversa da una sperimentazione condivideremmo l’invito.
Ma dovrebbe essere noto che covid19 è curabile con farmaci NON sperimentali, e naturalmente da assumere sotto controllo medico. Citiamo -come alternativa alla vaccinazione sperimentale- solo i farmaci detti monoclonali, ma il personale medico ha una ampia gamma di farmaci a secondo della valutazione medica sullo specifico paziente (anticoagulanti, anti-infiammatori, antivirali, etc).
Dunque invitiamo tutti a un consulto medico prima di scegliere la opzione vaccinazione sperimentale, e quindi ai test pre-vaccinali, poiché coloro -ad esempio- che fossero entrati già in contatto con il virus covid19 rischiano di incorrere nella sindrome detta A.D.E. ADE (Antibody-dependent Enhancement) “intensificazione (dell’infezione) anticorpo-mediata” un modello che spiega le “reazioni avverse” a chi si vaccina in modo sperimentale.
il contributo alla discussione di una dott. in medicina:
Questa voce è stata pubblicata in POLITICA. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...