Tesla versus Einstein?

Pasquale Tufano se prendete etimologicamente la parola “spazio” .. tale termine “spazio” significa “ciò che non contiene poiché c’è spazio per contenere”.

In tal senso va rivalutato Cauchy: e cioé che la tipologia di forze gravitazionali sono coerenti non con lo spazio, ma con il “mezzo”. Cauchy direbbe con il contesto.

Dunque non è lo spazio ad incurvarsi perché m << M tende a percorrere lo spazio -in modo curvo- quando è in prossimità di M ..

BENSI’

m svolge una attrazione su M trascurabile, se m << M, ed è M che attrae m, però in relazione alla tipologia non dello spazio, ma del mezzo quasi vuoto, ma non vuoto al 100%.

Infatti se così non fosse non si avrebbe che

c=1/sqrt(mu.eps)

Dove mu, eps sono relazionate con i valori medi della densità del mezzo e NON dello spazio.

cvd.

1

Gestire

Enrico Feoli Grazie per il commento molto chiaro, è il contesto che è importante, se consideriamo 1exp n e 1 exp m potremmo scrivere che n=m perchè entrambe fanno 1 nelle rispettive espressioni che portano all’equazione, ma è il contesto che rende possibile questa Altro…
1

Gestire

Pasquale Tufano Ho scritto alcuni articoli che affrontano la questione del cosiddetto vuoto che però non è vuoto, pubblicandoli sul mio blog (6 viola).

Per chi fosse interessato agli sviluppi di come la densità minima dello spazio influenza le forze gravitazionali, basterà dire che anziché usare il modello di Kaluza che estenderebbe a più dimensioni il modello di Einstein, andrebbe studiato che il fisico Amadori ed il matematico Lussardi hanno unificato gravità ed elettromagnetismo grazie ad una modifica delle equazioni di Einstein che io considero ben formata, con alcune precisazioni:

Poiché la densità limite della materia è la energia e quindi dipende dal mezzo tramite le _circa_ costanti mu ed eps, il modello di Amadori/Lussardi/Fermat può essere reso più generale, facendo entrare termini nelle equazioni di Einstein (nella soluzione di Schwarzschild modificata detta, da Tufano, k_Fermat).

Tale forma modificata è dovuta a Tufano che la studia nella eziodinamica -per la prima volta- nell’articolo seguente:

Einstein’s Theory of General Relativity: reverse engineering [k_Fermat solution]
https://6viola.wordpress.com/…/einsteins-theory-of…/
(commento: riesame della soluzione k_Fermat alla luce della reverse engineering, che nella filosofia è la strategia del tiro con l’arco nello ZEN)

Gestire

Enrico Feoli Tante grazie! andrò sul tuo blog appena posso.. adesso devo rimettermi al lavoro, sto “scrivendo” sulle funzioni di somiglianza e sugli autovalori di matrici di somiglianza ….vediamo cosa salta fuori (matematica molto semplice..)
2

Gestire

Laura Basile Grazie anche a chi, come voi, si cimenta in questioni di questo calibro. Non estinguetevi!
Questa voce è stata pubblicata in SCIENZA. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...