soluzione di Schwarzschild alle equazioni di Einstein

Celeberrima soluzione di Schwarzschild alle equazioni di Einstein che portò al concetto di buco nero

Christian Corda

Questo mese cade il centenario della celeberrima soluzione di Schwarzschild alle equazioni di Einstein che portò al concetto di buco nero. Ecco qualche nota storica e dei chiarimenti sulla sua unicità

A Clarification on the Debate on “the Original

Altro…

Commenti
Riccardo Viola
Riccardo Viola Finally, we take the chance to stress that this result follows in the same di-
rection of the papers on this issue pioneered by Mitra [17, 21, 22] and Robertson,
Leiter and Schild [18], [23]-[27], who have shown that the formation of trappedAltro…
Visualizza traduzione

Riccardo Viola

Riccardo Viola http://youtu.be/d3zKCw_uvio

In questo video il dottor Rudolph Schild introduce l’ Oggetto Magnetosferico…
YOUTUBE.COM
Pasquale Tufano
Pasquale Tufano La introduzione dell’articolo originale tradotto con bing:
<<Ora che esistono traduzioni in inglese del libro originale di Schwarzschild, che la carta ha
diventano accessibili a più persone. Storicamente, il cosiddetto “Schwarzschild soluzione standard”
non era lavoro di Schwarzschild originale, ma in realtà è a causa di J. Droste e, indipendentemente,
H. Weyl, mentre alla fine è stato abilitato come soluzione corretta di D. Hilbert. Basato su
questo, ci sono autori che affermano che il lavoro di Hilbert era sbagliato ed errore di quel Hilbert
generato di buchi neri e la comunità dei fisici teorici continua a elaborare su questo
menzogna, con un ostile che urlava di tutte le voci sfidandoli. In questa carta
Analizziamo nuovamente “la soluzione di Schwarzschild originale” e ci mostra che è totalmente equivalente a
la soluzione attivata da Hilbert. Così, gli autori che sostengono che “l’originale Schwarzschild
soluzione”implica la non esistenza di buchi neri dare la risposta sbagliata. Ci rendiamo conto che il
malinteso è a causa di un’errata interpretazione delle coordinate differenti. Infatti
archi di circonferenza sembrano seguire la legge dl = rdϕ, se l’origine del sistema di coordinate
è un punto materiale non-dimensionale nel nucleo del buco nero, mentre non sembrano
seguire una tale legge, ma ad essere deformato dalla presenza della massa del corpo centrale M se il
origine del sistema di coordinate è la superficie della sfera Schwarzschild.>>

Pasquale Tufano
Pasquale Tufano (tradotto con bing)
Il concetto di buco nero (BH) è stato considerato molto affascinante da scienziati anche
prima dell’introduzione della relatività generale (Vedi [1] per una rassegna storica). Un BH è
una regione dello spazio da cui nulla, nemmeno la luce, può sfuggire. È il risultato di la deformazione dello spazio-tempo causata dalla massa molto compatta. Intorno un BH c’è
una superficie non rilevabile che segna il punto di non ritorno. Questa superficie è chiamata un
orizzonte degli eventi. Si chiama “nero” perché assorbe tutta la luce che lo colpisce, riflettendo
niente, proprio come un corpo nero perfetto in termodinamica [2]. Tuttavia, un irrisolto
problema riguardante tali oggetti è la presenza di una singolarità spazio-temporale nel loro nucleo.
Tale problema era presente a partire dai lavori primati storici riguardanti BHs [3, 4, 5].
È opinione comune che questo problema potrebbe essere risolto quando una gravità quantistica corretta
teoria, infine, si otterranno, vedere [6] per gli sviluppi recenti.
D’altra parte, i fondamentali problemi che dominano la domanda circa l’esistenza
o non-esistenza di orizzonti di BH e singolarità e alcuni modi per evitare la
sviluppo delle singolarità BH all’interno della teoria classica, che non richiede la
bisogno per una teoria della gravità quantistica, sono state discusse da vari autori in letteratura,
vedere riferimenti da [7] a [16]. Infatti, prendendo in considerazione la natura esotica di BHs, esso
può essere naturale alla domanda se tali oggetti bizzarri potrebbero esistere in natura o per suggerire che
Essi sono semplicemente patologici soluzioni delle equazioni di Einstein. Lo stesso Einstein pensato
che BHs non avrebbero formato, perché egli ha dichiarato che la quantità di moto angolare di crollare
particelle sarebbero stabilizzare il loro movimento qualche raggio [17].

Pasquale Tufano
Pasquale Tufano commento:
Distinguerei tra il modello astratto che abbia “un orizzonte degli eventi ermetico” da cui non sfugge neanche la luce .. dal caso reale che il modello cerca di descrivere .. a mio parere già Hawking introduce il concetto di “evaporazione” da un BH e con ciò risolve alcune aporie del modello teorico .. ma ciò è a valle della attuale teoria che sia una fluttuazione indeterministica che apra provvisoriamente le porte del BH e quindi in dipendenza di un fenomeno quantistico intrinseco alla natura quantistica che sarebbe una caratteristica del reale, mentre -a mio avviso- è conseguente alla impostazione del modello.

Pasquale Tufano

Pasquale Tufano Quali modelli alternativi?

Pasquale Tufano
Pasquale Tufano commento:
Un modello alternativo potrebbe mettere in conto che in una “stella nera” (BS) .. (1) l’acquisizione di nuova materia -> (2) aumenta la massa della BS -> (3) ciò porta che sempre meno enti/eventi possano sfuggire alla gravitazione -> (4) una parte del plasma che si trasformi in energia riduca provvisoriamente la massa della BS -> (5) la perdita di massa consenta una “evaporazione” con un delta maggiore D1 di quanto fosse il quantum precedente (D0) in condizioni di maggiore massa non ancora trasformata in plasma -> (6) la fluttuazione da D0 a D1 si esaurisca avendo il sistema ceduto energia e si riporti in un nuovo punto di equilibrio D0 – meno epsilon -> (7) la realizzazione di uno stato metastabile in cui la maggiore massa progressivamente acquisita a causa della precipitazione nella BS non sia ancora trasformata in un plasma sufficiente a fare perdere potere gravitazionale a causa del quantum di materia che si trasforma in energia (e=mc^2) finché questo non si realizzi -> (8) quindi il raggiungimento di iterativi stati di fluttuazione gravitazionale in cui il sistema BS tende a stabilizzarsi ora acquisendo materia e ora cedendo energia ..

Pasquale Tufano

Pasquale Tufano in conclusione: il sistema brevemente descritto tende però solo asintoticamente a divenire un BH, ma rimane nello status BS in cui la chiusura non sarà mai (in un tempo finito) ermetico e non realizzerà MAI (in un tempo finito) un orizzonte degli eventi con perfette porte chiuse alla evaporazione che tenderà a ridursi all’aumentare della massa della BS .. ma non andrà mai a zero ..

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in POLITICA. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...