Qualcuno di voi mi spiegherebbe cos’è l’entanglement quantistico?

Buongiorno! Qualcuno di voi mi spiegherebbe cos’è l’entanglement quantistico e cosa comporta nell’interpretazione della meccanica quantistica?

  • Piace a 6 persone.
  • Raffaella Turano Grazie, ovviamente, a chi vorrà spiegarlo e discuterne.
  • Oscar Bettelli einstein parlava di fantasma nella materia – se misuro una grandezza coniugata in una coppia di particelle che hanno interagito ad un certo istante misurerò lo stesso valore correlato indipendentemente dallo spazio-tempo
    3 h · Mi piace · 2
  • Roberto Mangogna L’entanglement quantistico (correlazione quantistica) è un fenomeno per cui lo stato di un sistema (ad esempio lo spin di una particella) non può essere descritto singolarmente, ma solo come sovrapposizione di più sistemi. Da ciò consegue che la misura di uno stato determina istantaneamente il valore anche per gli altri.

    Poiché è possibile dal punto di vista sperimentale che sistemi come quelli descritti si trovino spazialmente separati, l’entanglement implica la presenza di correlazioni a distanza quantità fisiche (teoricamente senza alcun limite).

    3 h · Mi piace · 5
  • Giuseppe Di Maio Non ci credo, un post inerente al tema del gruppo!
    Ero ancora a disperarmi per il video su Fantozzi, e invece…
    3 h · Mi piace · 2
  • Raffaella Turano Innanzitutto grazie per le vostre risposte. Leggerò/studierò/cercherò di capire qualcosa dell’articolo appena ho un po’ di tempo. Intanto alcune riflessioni a caldo. “Indipendentemente dallo spazio tempo”?Ma questo è una bomba. “La presenza di correlazAltro…
  • Raffaella Turano Significa anche che se è vero che tutto è nato da una singolarità, tutto è in tutto, pur se a distanze spaziali e temporali di miliardi di anni?
    3 h · Mi piace · 2
  • Maria Miglietti Raffaella Turano, le implicazioni sono così grandi, che i Fisici hanno accantonato tutte le implicazioni gboseologiche sull’ entanglement, ganno continui esperimenti di ogni tipo ma evitano di porsi problemi di grande ampiezza scientificica o filosofica.

    Infatti l’ entanglement significa che due particelle sono correlate qualsiasi sia la distanza nello Spazio, in modo tale che se capita qualcosa ad una delle due particelle, ISTANTANEAMENTE capita il fatto coniugato all’ altra particella, anche se distante 10 mikliardi di annu luce.

    Questo fatto implica una revisione totale del concetto di Spazio

    2 h · Mi piace · 3
  • Maria Miglietti Inoltre, Raffaella, sono correlatre anche nel Tempo, una particella del passato che oggi non esiste più può essere entangled con una particella del futuro che non esiste ancora..
    Questo fatto implica una revisione totale del concetto di Tempo.
    2 h · Mi piace · 3
  • Maria Miglietti Raffaella Turano, il fatto è che queste revisioni comportano un lavoro immenso, che nessun Fisico al momento vuole o può compiere.
    2 h · Mi piace · 1
  • Maria Miglietti L’ ENTANGLEMENT è un fenomeno in base al quale è possibile creare due particelle elementari in modo tale che non sia in sovrapposizione degli stati una singola particella, ma sia in sovrapposizione degli stati il sistema composto dalle due particelle .

    Questo significa che ogni singolo stato del sistema formato dalle due particelle non riguarda una sola osservabile, ma due osservabili, una osservabile della prima particella e l’ osservabile avente valore opposto nella seconda particella.

    Quando si misura una sola delle due particelle, avviene il collasso della funzione d’ onda ed un solo stato diviene REALE, e questo stato riguarda nell entanglement DUE particelle e non una sola.

    Farò subito un esempio molto chiaro.

    Qui vorrei solo aggiungere che il collasso della funzione d’ onda avviene poichè viene fatta una misura del sistema delle due particelle o un’ osservazione dello stesso, ma è sufficiente anche una qualsiasi interazione di una sola delle due particelle vcon un’ altra particella dell’ ambiente esterna al sistema e NON E’ NECESSARIO UN OSSERVATORE COSCIENTE.

    Inoltre, nell’ Entanglement NON viene trasmessa alcuna informazione tra le due particelle.

    2 h · Mi piace · 1
  • Maria Miglietti Vorrei porgere un esempio di ENTANGLEMENT per rendere più concreta l’ idea.

    Consideriamo un coppia di fotoni creati simultaneamente in modo tale che siano in uno stato puro di entanglement bipartitito , ossia tale che l’ osservabile possa assumere due soli autovalori, e supponiamo anche che l’ osservabile entangled sia la polarizzazione, in modo tale lo spazio di Hilberti degli operatori matematici sia finito.

    In altri termini, abbiamo preso due fotoni, li abbiamo creati simultaneamente in modo tale che quanto sarà legato nell’ entanglement sia la loro polarizzazione.

    La funzione d’ onda sarà

    !psi > = | H , V > + | V , H >

    dove |psi > è la funzione d’ onda ossia lo stato generale del sistema, H la polarizzazione orizzontale e V la polarizzazione verticale di un fotone.

    Questa forma matematica descrive il fatto che è in sovrapposizione degli stati |H , V > + | V , H > la coppia dei due fotoni poichè

    | H , V >
    descrive uno stato del sistema dei due fotoni, in cui il primo fotone ha polarizzazione H e il secondo fotone ha polarizzazione V
    e

    | V , H >

    descrive lo stato opposto del sistema dei due fotoni, in cui il primo fotone ha polarizzazione V e il secondo fotone ha polarizzazione H.

    Questa situazione perdura finchè non viene effettuata una misura o un’ osservazione p un’ interazione.

    2 h · Mi piace · 1
  • Maria Miglietti Quando è stata effettutata una misura ( o un’ osservazione o un’ inierazione ), avviene il collasso della funzione d’ onda |Psi> e UNO SOLO dei due stati diventa reale.

    Ad esempio può diventare reale lo statoAltro…

    2 h · Mi piace · 1

  • Maria Miglietti Da notare chje quando descritto avviene anche se i due fotoni sono distanti miliardi di anni luce ( l’ entanglement non tiene conto delle distanze nello spazio ) e anche se l’ altro fotone ha cessato di esistere da migliaia di anni oppure esisterà in fAltro…
    2 h · Mi piace · 1
  • Rosanno Balestra Chiedo semplicemente se quanto espresso dalle equazioni la risultante sia realmente dimostrata con prove di laboratorio, o per meglio dire avere la certezza senza ombra di dubbio ?
    2 h · Mi piace · 1
  • Roberto Sistelli Secondo la meccanica quantistica è possibile realizzare un insieme costituito da due particelle caratterizzato da determinati valori globali di alcune osservabili. Ciò comporta che il valore misurato per una particella di una proprietà definita dell’insieme influenzi istantaneamente il corrispondente valore dell’altra, che risulterà tale da mantenere il valore globale iniziale. Ciò rimane vero anche nel caso le due particelle si trovino distanziate, senza alcun limite spaziale. E’ opportuno precisare che il processo di misura relativo alla singola particella è soggetto alle regole quantistiche di probabilità. Da wiki.
  • Pasquale Tufano l’entanglement è stato finora interpretato come “due oggetti che sarebbero de facto uno solo”. Con questa impostazione epistemologica non servirebbe che l’alterazione di uno dei due oggetti si trasmetta al secondo oggetto e ciò salverebbe la teoria di Einstein che nessuna informazione possa viaggiare a velocità superiore a quella della luce.
    Risulta allora evidente che per capire se è una interpretazione accettabile si debba entrare nel dettaglio di “come si fa a rendere due oggetti entangled?”
    Bene, due oggetti entangled sono per esempio due fotoni emessi in un modo particolare:
    ++
    cit on
    ++
    Ad esempio, un raggio di luce é composto da un flusso di fotoni. La direzione del campo elettrico della luce é detta la sua direzione di polarizzazione. La direzione di polarizzazione di un fotone puo’ formare qualsiasi angolo, ad esempio “verticale” o “orizzontale“. E’ possibile generare una coppia di fotoni entangled se, per esempio,

    vvvvvvv
    un cristallo viene irradiato da un laser.
    ^^^^^^^

    In questo caso un singolo fotone puo’ dividersi per diventarne due. Ciascun fotone prodotto in questa manierà avrà sempre una polarizzazione ortogonale a quella dell’altro: ad esempio, se un fotone ha polarizzazione verticale allora l’altro dovrà avere polarizzazione orizzontale (questo per la conservazione del momento angolare: il momento angolare del sistema prima della divisione deve essere uguale al momento angolare del sistema dopo la divisione).
    ++
    cit off
    ++
    Ora risulta evidente, sapendo i fatti, che i due oggetti *NON sono legati fisicamente e viaggiano separati!*

    Nonostante ciò, se noi non sappiamo (finché non misuriamo almeno 1 due due fotoni) quale valore è estraibile dal suo status, il relativo valore memorizzato su un singolo fotone è incognito, poiché la sorgente potrebbe emettere sia lo status chiamiamolo 1 e sia lo status 0.

    Ciò che invece sappiamo è che se i due fotoni sono emessi con un cristallo che li polarizza in modo opposto (polarizzazione ortogonale), quando il primo è 1 l’altro sarà 0 e quando il primo è 0 l’altro sarà 1 e cioé la seguente tabella:

    fotone A | fotone B
    0 -> 1
    1 -> 0

    Quindi potenzialmente lo status di qualunque fotone della sorgente è aleatorio poiché potrebbe essere polarizzato in un modo o nel modo opposto.

    Solo la misura ci dirà (su uno dei due fotoni) il collasso della funzione di probabilità e la misura del suo status da probabilistico a deterministico.

    Ciò è analogo al roteare di una moneta che ha potenzialmente sia il valore testa che il valore croce, e solo il contatto con il suolo ci dice il valore che da aleatorio tra due valori potenziali, diviene uno soltanto, quello misurato e misurabile.

    Bene, la epistemologia alternativa è allora che i due fotoni possano fluttuare tra due valori, ma che la misura su uno dei due fotoni renda il valore da probabilistico -> deterministico.

    Come fa però il secondo fotone a conoscere la misura avvenuta sul primo fotone?

    Potrebbe darsi che vi sia trasferimento di info a velocità maggiore della velocità della luce non perché ciò sia possibile nella nostra dimensione, ma perché la informazione accede a variabili “nascoste” extra dimensionali e quindi nella possibilità di superare c grazie al fatto che superano la nostra dimensione spazio/tempo.

    Do un paio di link sull’argomento per chi voglia approfondire il tema:

    1° link come si fanno a realizzare due fotoni entangled
    https://seipernove42.wordpress.com/…/entanglement…/

    Traduzione dell’originale Quantum Entanglement E’ possibile per una particella interagire con un’altra di…
    SEIPERNOVE42.WORDPRESS.COM
  • Pasquale Tufano 2° link: che ce ne facciamo di tutto ciò? ad esempio i computer quantici!
    http://www.asimmetrie.it/index.php/fotoni-e-segreti

    ASIMMETRIE.IT|DI ADMIN ASIMMETRIE
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in POLITICA. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...