il discorso integrale di Renzi su “BUONA SCUOLA” .. (Analisi e bozza del disegno di legge)

1) ALTERNANZA SCUOLA LAVORO:

Renzi propone, per ridurre la disoccupazione giovanile (maggiore del 40%) di potere “alternare” scuola e lavoro .. ma non spiega in che senso ..

2) CULTURA UMANISTICA:

Renzi propone, di aumentare la parte umanistica nella scuola.. non si capisce perché dovrebbe migliorare la cultura in generale ..

3) PIU’ SOLDI AGLI INSEGNANTI:

Renzi propone un aumento di 500 euro/anno! .. ma che non protestino sulle condizioni della scuola .. (200 milioni/anno nel complesso dell’esborso dello Stato).

4) AUTONOMIA:

Renzi propone “caratteristiche diverse” tra le varie scuole .. e mette in capo al “Consiglio di Istituto” .. la responsabilità dei programmi .. ed in particolare dei Presidi ..

5) CONTINUITA’:

Renzi propone un programma di assunzione dei precari della scuola, ma introduce criteri di discrezionalità non da tutti apprezzate.

4 miliardi sulla edilizia scolastica .. ma non spiega quanto sulla manutenzione, quanto su scuole nuove, e in tempi.

Come la vedono i comici:

Come la vedono i sindacati?

24 aprile 2015 USB:

5 maggio sciopero a Padova:

interviste agli STUDENTI (2 aprile 2015):

testo di legge:

forma riassuntiva (comunicato stampa Consiglio dei Ministri n.52)
http://www.governo.it/governoinforma/dossier/labuonascuola/

forma di maggiore dettaglio ma sempre riassuntiva:
https://labuonascuola.gov.it/documenti/La%20Buona%20Scuola.pdf?v=b4d78c0

finalmente la bozza di LEGGE!
http://www.tuttoscuola.com/newsletter/allegati/ts_news_DDL-Scuola3.pdf

(art.2 comma 9):
cit:
<<Il Piano triennale è elaborato dal *dirigente scolastico*, sentito il collegio dei docenti e il consiglio d’istituto, nonché i principali attori economici, sociali e culturali del territorio>>.

Quindi una vero e proprio “commissariamento della istituzione scolastica” sotto i Presidi.

(art.2 comma 11):
<<I dirigenti scolastici, una volta definito il Piano triennale dell’offerta formativa, scelgono il personale da assegnare ai posti dell’organico dell’autonomia, con le modalità di cui all’articolo 7>>

(art.4 comma 6):

<<A decorrere dall’anno scolastico successivo alla data di entrata in vigore della presente legge, gli studenti a partire dal secondo anno dei percorsi di istruzione secondaria di secondo grado possono svolgere periodi di formazione in azienda […] >>

(art.4 comma 8):

<<Il Dirigente scolastico individua le imprese e gli enti pubblici e privati disponibili alla attivazione dei percorsi di cui ai commi precedenti e stipula apposite convenzioni anche finalizzate a favorire l’orientamento scolastico e universitario dello studente>>

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in POLITICA. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...