Brute Forcing Enigma of c !

Newsgroups: it.cultura.filosofia.moderato
Subject: Re: una domanda semplice una risposta difficile (da ICF)

Il 07/05/15 13:26, Massimo 456b ha scritto:
> perchè la velocità della luce è un assoluto?
>
> ciao
> Massimo

Lino:

la _ipotesi_ che la velocità della luce sia un assoluto anzitutto
andrebbe spiegato in che senso.

a volte si intende che

(1) “la velocità della luce NON è superabile”

oppure

(2) < si può verificare sperimentalmente che la velocità della luce ha un valore fisso, sempre uguale, nonostante la velocità della sorgente che la emette, così come un naufrago (la luce) che si butta in mare da una nave (la sorgente) e abbia una sua velocità di “nuotata” (il fotone) >.

Entrambe le tesi precedenti sono state verificate sperimentalmente e
risultano quindi vere fisicamente oltre che come modello matematico.

Ma nella scienza *non vi è il concetto di verità assoluta* (verità
assoluta no misurabile: per scarsità di info come spiegazione di questa
difficoltà), ma solo di *verità relativa*, ossia relativa alle ipotesi
in cui una teoria è formulata.

In particolare si sottointende nella teoria che si chiama non a caso
“della relatività” che l’osservatore sia solidale con il nostro universo.

La posizione dell’osservatore crea dei paradossi nella teoria della
relatività che già indicano che è un punto critico, relativo, e non una
verità assoluta.

(alfa) Non può essere una verità assoluta (la teoria della relatività)
perché si esprime *sul nostro universo*, teorizzando le misure eseguite
da un laboratorio solidale con il nostro universo.

(omega) Non può essere una verità assoluta -inoltre- perché il nostro
universo NON è un sistema isolato.

Alfa e omega appena citate ci permettono di capire la aporia del
paradosso dei gemelli che tutti fanno finta di avere capito.

🙂

Il gemello che invecchia di meno perché viaggia .. mentre quello che
rimane in aereoporto diventa più vecchio di quello che viaggia è una
conseguenza della *posizione dell’osservatore*.

Infatti i fotogrammi (se avessimo una pellicola che registra gli eventi),
siano gli stessi tra i due gemelli.

E’ il timing del clock tra un fotogramma e il successivo che è cambiato.
(Vedi grafico seguente x more info).

Il fatto che uno è più giovane non dipende se non dal fatto che la
materia e l’energia si “sincronizza” con il clock del sistema inerziale
a cui è associato.

Quindi due orologi atomici hanno fatto gli stessi “scatti”(gli stessi
clock .. di una materia energia che pulsa in modo quantizzato e quindi
circa quantico) e quindi gli stessi clock (dicevo), le stesse transizioni di
stato, ma non con la stessa pulsazione come durata della pulsazione!

SPIEGAZIONE (TESI *) : “La materia energia pulsano in modo diverso e
coerente con la posizione del relativo sistema inerziale”.

Grafico del TIMING:

orologio1:
clock—clock—clock—… (asse del tempo dell’orologio 1)

orologio2:
clock–clock–clock–… (asse del tempo dell’orologio 2)

legenda:
la linea “-” indica la durata dell’evento
nell’orologio 1 tra un evento ed il successivo abbiamo 3 linee
nell’orologio 2 tra un evento ed il successivo abbiamo 2 linee

Ergo l’orologio 2 rappresenta il gemello che viaggia, mentre l’orologio
1 rappresenta l’orologio che rimane in aereoporto.

Se si mettono in parallelo i due assi temporali si vede che il tempo
dopo 3 clock è diverso (anche se il numero dei clock è lo stesso!): nel
primo orologio la somma delle linee è 9
Nel secondo orologio (il giovane) la somma delle linee è 6.

Se fosse un orologio con le rondelle il tempo tra uno scatto che abilita
la mutazione della posizione della lancetta dei secondi a una nuova
posizione sarebbe diverso.

Da ciò ne discende che al confronto segnano una ora diversa qualora
siano ricongiunti.

***

Ora se “la posizione di un osservatore”(TESI*) è così importante (rif. TESI*) nel
paradosso dei gemelli .. perché non dovrebbe essere ugualmente
importante (rif. TESI*) nello specificare il sistema inerziale da cui si misura c?

Si è trovato sperimentalmente che c è la stessa sempre da un laboratorio
in cui si accelerano le particelle atomiche e sub atomiche .. ma perché
non dovrebbe essere più vero che “un corpo è nel suo *stato di quiete*
quando viaggia a velocità costante” ?

Se è vero perché non si riesce ad accelerare i muoni se non a 0,998 c?

(vedasi Daniele Sette, “Lezioni di Fisica”, volume I, pag 223, ed veschi
1975)

Perché serve sempre più energia da un laboratorio solidale con il nostro
universo.

E’ come pretendere di lanciare un oggetto con una velocità sempre
maggiore costruendo un elastico di un fionda che però teniamo in mano!
🙂

Per fare aumentare di velocità veramente il sasso, la forza non va applicata da un
sistema inerziale solidale con il nostro universo, ma con l’ente stesso!

E per la legge di inerzia, appena citata, il corpo muterà perché ha una
forza applicata e sarà possibile applicare la forza anche nel salto
dimensionale perché non eravamo solidali con il nostro universo ma con
la nave spaziale che faceva il salto oltre la velocità della luce, che è
una velocità come un altra .. solo che superata la velocità della luce
non vediamo più il nostro universo, ma un universo “adiacente”, laddove
vi è altra materia energia per ora dichiarata “oscura” cioé invisibile e
di cui misuriamo solo gli effetti gravitazionali, perché la espansione
delle galassie non è coerente con le leggi della sola materia ed energia
che è visibile (dal nostro universo).

cvd.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in POLITICA. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...