PSICOLOGIA della TEORIA del COMPLOTTO [un caso di esame: cold fusion]

La discussione sulla gerarchia it dei gruppi di discussione (it.discussioni.misteri):

Il 23/03/15 18:04, Gyork ha scritto:
https://www.scribd.com/doc/258595858/USPTO-Final-Rejection-Rossi-Patent#download
Sbadilata sulle gengive per Rossi & Co.

Lino Cibernetico (questo è il mio nick name sulla gerarchia it), risponde:

Le Vs info non sono aggiornate:

Rossi ha ottenuto il brevetto europeo, come dimostra una ricerca presso
European Patent Office:
http://bit.ly/1NgHJWO

il testo breve:
http://bit.ly/1E96Jhr

il testo completo:
http://bit.ly/1NgIb7C

la traduzione in italiano
http://bit.ly/1EQQsND

il testo:
cit:
Avviso

La presente traduzione è stata eseguita mediante sistema meccanizzato. Pertanto non si garantisce la sua intelligibilità, precisione, completezza, affidabilità o idoneità a impieghi specifici e se ne sconsiglia l’uso in sede di decisioni di natura commerciale o finanziaria.

DESCRIZIONE WO2009125444

MODALITA ‘E APPARECCHIO PER ESECUZIONE NICHEL E IDROGENO REAZIONI esotermica
BACKGROUND DELL’INVENZIONE
La presente invenzione riguarda un metodo ed un apparato per l’effettuazione di reazioni esotermiche nichel e idrogeno, ed è stato stimolato dal requisito noto di trovare fonti energetiche alternative alle fonti fossili, a evitare contenuti dioxi.de carbonio atmosferici vengano inutilmente aumentato.
Per soddisfare la necessità di cui sopra fonti di energia non inquinanti dovrebbero trovare che non comportano rischi per la salute, sono economicamente competitivo rispetto alle fonti di petrolio suscettibili di essere scoperto e sfruttato e naturalmente abbondanti.
Molte delle fonti energetiche alternative di cui sopra sono già stati esplorati e operativamente testato anche su scala industriale, e comprendono biomasse, energia solare utilizzati sia a fini di generazione fotovoltaica di riscaldamento elettrico e, energia eolica, materiali combustibili di origine vegetale o natura agricola, geotermica e mare onda energia e così via.
Una possibile alternativa al petrolio naturale, è l’energia nucleare uranio-fissione.
Tuttavia, i problemi ancora irrisolti riguardano nucleare come grandi problemi di sicurezza e di trasformazione materiale di scarto, in quanto, come è noto, materiali di scarto radioattivi rimangono pericolosamente attivo per migliaia o milioni di anni, con conseguenti gravi rischi per le persone che vivono vicino radioattivi disposal- rifiuti luoghi fuori.
Per quanto sopra il fatto Va inoltre aggiunto che, attualmente, un, fusione nucleare basato su un laser azionato metodo di confinamento inerziale non permette di realizzare impianti di potenza efficienti.
Gli inconvenienti suddetti sono anche per deuterio trizio processi di fusione, come dimostrano i tempi operativi stimati per il progetto ITER, che dovrebbe entro il 2025 dovrebbe consentire di costruire sistemi di alimentazione secondo il cosiddetto progetto DEMO fare, all’interno anno 2035, la prima centrale elettrica a fusione.
In realtà, fino ad ora, la cosiddetta fusion “fredda”, dopo l’annuncio anticipato da Fleischmann e Pons nel 1989 (M. Fleischmann, M. Hawkins, S. Pons: Journal Electroanal.
Chem. , 261,301-1989), nonostante diversi tentativi sfruttano su scala saggio-mondo, non ha fornito i sistemi utili e affidabili in grado di generare energia per le normali applicazioni, industriali o domestici.
Il lavoro più intelligente eseguita nel campo di fusione, che lavoro è stato accuratamente studiato dal presente inventore per praticare la presente invenzione, è uno studio del Prof.
Sergio Focardi, (Dipartimento di Fisica dell ‘Univerità di Bologna), e il Prof.
Francesco Piantelli, (Dipartimento di Fisica dell ‘Universita di Siena) come descritto nei seguenti documenti bibliografici:
S. Focardi, F. Piantelli: Produzione di energia e Reazioni Nucleari in sistemi Ni-H 400 <0> C, Atti della Conferenza Nazionale Sulla Politica energetica in Italia, Università di Bologna, 18-19 aprile 2005. – S. Focardi , R. Habel, F. Piantelli: produzione di calore anomala a sistemi Ni-H, Nuovo Cimento Vol. 107, pp 163-167, 1994
– S. Focardi, V. Gabbiani, V. Montalbano, F. Piantelli, S. Veronesi: Grande eccesso di produzione di calore in impianti di Ni-H, Nuovo Cimento Vol.
Ill A pp.
1233- 1241, 1998
A. Battaglia, L. Daddi, S. Focardi, V. Gabbiani, V. Montalbano, F. Piantelli, PG Sona, S. Veronesi: emissione di neutroni in sistemi Ni-H, Nuovo Cimento Vol.
112 A pp 921-931, 1999
– S. Focardi, V. Gabbiani, V. Montalbano.
F. Piantelli, S. Veronesi: metalli Sui sistemi Ni-H, Asti Workshop a Hydrogeldeuterium caricato, pp 35-47, 1997
AD ESEMPIO Campari, S. Focardi, V. Gabbiani, V. Montalbano.
F. Piantelli, E. Porcu, E. Tosti, S. Veronesi: sistemi Ni-H, Atti del 8 <th> Conferenza sulla Fusione Fredda, pp 69-74, 2000.
L’attuale inventore, inoltre, ha anche studia accuratamente le seguenti brevetti correlati: US- 6.236.225, US-5, 122, 054, US-H466, USA-4, 014, 168, US – <‘> 5.552.155, US-5, 195, 157, US-4, 782, 303, US-4, 341, 730, US-A-20.010.024,789 mila.
Un’analisi dei riferimenti sopra citati risulta che:
1- tutti gli esperimenti effettuati sulla base di fusione fredda non hanno permesso di produrre energia in quantità tale da affidabile e costantemente sfruttato in applicazioni industriali;
2- tutti i metodi e sistemi basati uranio non hanno fino ad oggi risolto il problema dello smaltimento sicuro dei rifiuti nucleari;
3- metodi e sistemi basati tutta la fusione nucleare non sono stati indicati come in grado di generare quantità significative di energia permettendo al processo di fusione da monitorare in sicurezza;
4- tutti i metodi magnetici ed inerziali confinamento base e sistemi, come ad esempio il metodo di fusione del plasma, non possono essere adeguatamente gestite economicamente; e
5- metodi e sistemi fusione catalizzata di muoni negativi basati non possono essere utilizzati a causa della vita muone breve.
SOMMARIO DELL’INVENZIONE
Pertanto, lo scopo del presente trovato è quello di realizzare un metodo che consenta di produrre energia in maniera economica, conveniente, affidabile e ripetitiva, senza generare radiazioni e rifiuti radioattivi.
Nell’ambito del compito sopra esposto, uno scopo particolare del trovato è quello di realizzare un procedimento che può essere effettuata in impianti di piccole dimensioni, atto ad essere facilmente controllata e permettendo al calore posti individuali ad un costo operativo inferiore a quella della in commercio sistemi di riscaldamento.
Secondo un aspetto della presente invenzione, l’obiettivo di cui sopra e gli scopi, nonché altri scopi ancora, che meglio evidenziati in seguito, vengono raggiunti da un metodo e apparecchiatura per realizzare una reazione esotermica altamente efficiente tra atomi di nichel e idrogeno atomi, in un tubo, preferibilmente, ma non esclusivamente fatti di un metallo, riempito da una polvere di nichel e riscaldato ad una temperatura elevata, preferibilmente, ma non necessariamente, da 150 a 500 <0> C, iniettando idrogeno in detto tubo metallico detto polvere di nichel pressurizzato, preferibilmente, ma non necessariamente, ad una pressione da 2 a 20 bar.
In reazione esotermica ricorrente i nuclei di idrogeno, a causa di una elevata capacità di assorbimento di nichel Perciò, vengono compressi sulle nuclei atomo di metallo, mentre detta temperatura elevata genera percussioni internucleari w, hich sono realizzati forte dall’azione catalitica di elementi facoltativi, innescando un cattura di un protone dalla polvere di nichel, con una trasformazione conseguent di nichel al rame e un beta + decadimento quest’ultimo ad un nucleo di nichel avente una massa che è di una unità più grande di quella del nickel partenza.
Il presente inventore ritiene che in questa reazione è probabilmente coinvolta una cattura di un protone da un nucleo di nichel che si trasforma in un nucleo di rame con un conseguente decadimento beta del rame instabile formata (Cu 59-64) in quanto l’energia termica prodotta è maggiore , come verrà dimostrato nel medesimo articolo, che l’energia introdotta dalla resistenza elettrica.
Si ritiene che i nuclei di nichel vengono trasformati in rame poiché la massa (energia) dello stato (isotopo rame) termine è inferiore alla massa complessiva (energia) dello stato iniziale (nickel isotopo + protonica).
La reazione esotermica di essa invenzione della ricorrente si basa differisce da quelle adottate da ricercatori precedenti in quanto l’inventore non ha tentato di dimostrare emissione .an delle particelle elementari che sostengono la validità di una teoria, ma ha esclusivamente cercato di fornire una quantità di energia superiore al consumato quantità di energia, per ottenere solo un metodo ed un apparato per la generazione pratica una quantità di energia maggiore dell’energia consumata, e questo sfruttando processi di produzione di energia nucleare a partire da energia elettrochimica.
Così, l’apparecchiatura secondo l’invenzione è stato progettato specificamente per produrre l’energia di cui sopra in facilmente controllabile modo sicuro e affidabile, ripetibile, per tutte le applicazioni desiderate.
In particolare, l’apparecchiatura secondo l’invenzione è rivestito da strati di boro e lastre di piombo sia per immobilizzare radiazioni nocive e trasformandoli in energia, senza generare radiazioni residui e materiali radioattivi.
A questo proposito si precisa che tutti i tentativi precedenti per generare come tipi di energia, hanno portato a piccole quantità di energia che generano prototipi non adatti ad un uso industriale sicurezza, a causa della natura teorica delle ricerche effettuate.
SOMMARIO DELL’INVENZIONE
Pertanto, lo scopo del presente trovato è quello di realizzare una apparecchiatura di generazione di energia atto a funzionare in modo affidabile e ripetibile ed includente una pluralità di serie e moduli apparecchi collegabili in parallelo, generando in tal modo una quantità incredibilmente alta energia in modo bombardando un atomo di nichelio un atomo di idrogeno, per fornire una grande perdita di massa atomica atomo di rame da trasformare in energia, basato su equazione s ‘Einstein, più un’energia decadimento beta degli atomi di rame radioattivi.
La discussione che segue può essere considerata valida per alcuni (radioattivi) Cu isotopi, ma non per i due isotopi stabili di rame (<Λ> 63Cu e <Λ> 65Cu), che non fanno decadere.
Come l’atomo di rame decade, emettendo un’energia positiva decadimento beta si verifica, secondo le seguenti equazioni:
P = N + <e> + + v, dove
P = N = protoni neutroni
E <+> = positroni v = neutrino
Il positroni forma il antiparticella dell’elettrone, e quindi, come positroni urto contro gli elettroni nichel, le coppie elettrone-positrone sono annientato, generando in tal modo una grande quantità di energia.
In realtà, alcuni grammi di Ni e H produrrebbero una quantità di energia equivalente a quella di tonnellate di petrolio migliaia, come sarà meglio evidenziati in seguito, senza inquinamenti, effetti serra, o biossido di carbonio aumenta, nucleari e altri materiali di scarto, in quanto la radioattivi isotopi rame prodotte nel processo decadrà al nichel isotopi stabili di processi beta +, in un tempo molto breve.
Per comprendere chiaramente la seguente discussione dettagliata dell’apparecchiatura, è necessario dapprima considerare che per consentire il nichel per essere trasformato in rame stabile, è necessario rispettare la. leggi quantici.
Di conseguenza, è indispensabile utilizzare, per le reazioni esotermiche di cui sopra, un isotopo di nichel avente un numero di massa di 62, per consentire a trasformarsi in un isotopo di rame 62 stabile.
Tutti gli altri isotopi Ni, invece, genereranno instabili Cu, e, di conseguenza, un decadimento beta.
Considerando che circa il 10 <6> tonnellate nickel per anno sono prodotti attraverso il mondo e poiché, come verrà descritto qui di seguito nella tabella 1, 1 g di nichel potrebbe generare una quantità di energia equivalente a quella prodotta da 517 tonnellate di petrolio, quindi il prodotto annuale quantità di nichel, supponendo che solo 1 / 10.000 genera processi nucleari, fornirà
1.000.000.000.000 * 517/10000 = 51.700 milioni (equivalenti di petrolio) tonnellate all’anno.
E questo senza considerare il fatto che la produzione annua nickel potrebbe essere facilmente aumentata, a seconda della domanda, e che, come olio minerale, nichel può essere recuperato e rifuso da scarti di nichel di carpenteria e applicazioni elettroniche.
In realtà, il nichel è uno dei metalli più abbondanti della crosta terrestre.
BREVE DESCRIZIONE DEI DISEGNI
Ulteriori caratteristiche e vantaggi del presente trovato risulteranno maggiormente evidenziati dalla seguente descrizione dettagliata di una forma preferita, ma non esclusiva, forma di realizzazione del trovato, illustrata, a titolo di esempio indicativo, ma non limitativo, nella allegata disegni, in cui:
La figura 1 è uno schema costruttivo dell’apparecchiatura secondo la presente invenzione; La figura 2 è una foto, presa da un microscopio elettronico x 1.400, mostrando la polvere di nichel (su scala 1.400 x), ritirato dall’apparecchiatura;
Le figure 3 e 4 sono diagrammi microscopio elettronico sono collegati con la composizione atomica polvere, ai due punti indicati dalle frecce in figura 2.
DESCRIZIONE DELLA REALIZZAZIONE PREFERITA
Con particolare riferimento ai simboli numerici delle suddette figure, l’apparecchiatura secondo la presente invenzione comprende una resistenza elettrica 1, racchiuso in un tubo metallico 2, comprendente inoltre esso una polvere di nichel 3.
Una valvola a solenoide 4 regola la pressione alle quali idrogeno 5 viene introdotto nel tubo di metallo.
Sia la temperatura generata dalla resistenza elettrica o resistenza e la pressione di iniezione di idrogeno può essere facilmente regolato sia a valori costanti o pulsanti.
Più specificamente, la resistenza elettrica, o altra fonte di calore, si spegne la reazione esotermica generando stato energizzante viene attivato.
Un termostato terrà detto operando sorgente di calore, a seconda della temperatura nel circuito.
L’assemblaggio comprendente detta resistenza elettrica e nichel, tenendo il tubo di rame è schermato dall’ambiente esterno utilizzando, rispettivamente, dall’interno verso l’esterno: a) una camicia 7 compresa l’acqua e boro, o solo di boro b) un ulteriore rivestimento di piombo 8, che , opzionalmente, anche se non necessariamente, può essere rivestita da uno strato di acciaio
9.
I rivestimenti suddetti sono concepiti in modo da trattenere tutte le radiazioni emesse dalla reazione esotermica e trasformare detta radiazione in energia termica.
Il calore generato dalle trasformazioni decadimento delle particelle nucleari e riscalda il fluido primario, comprendente acqua borata, così detto fluido primario, a sua volta, scambiare calore con il circuito secondario, a sua volta riscaldata da detto fluido primario e convogliare l’energia termica prodotta per applicazioni desiderate, come l’energia elettrica, riscaldamento, energia meccanica, e così via.
In assenza di un fluido primario, il fluido da riscaldare scambierà calore direttamente con la giacca piombo e acciaio.
Secondo una ulteriore forma di realizzazione dell’invenzione, l’apparecchiatura comprende ulteriormente le seguenti caratteristiche.
Nichel è rivestito in un tubo di rame 100, compreso un riscaldamento a resistenza elettrica 101, regolata e controllata tramite un termostato di controllo (non mostrato) atto a disattivare detta resistenza 101 come nichel viene attivato da idrogeno contenuto in un flacone 107.
Un primo acciaio boro costruzione blindata 102, ricoperto da un secondo cavo corazzato costruzione 103, proteggere sia il tubo di rame, il collegamento insieme bombola di idrogeno 106, e la bottiglia idrogeno o cilindro 107, radiazioni così trattenuta attraverso la vita complessiva radiazioni, consentendo a detta radiazioni da trasformare in energia termica.
All’esterno della costruzione blindata piombo, il reattore di rame di raffreddamento, circola attraverso un complesso di tubo esterno di acciaio 105, e questo convogliato dispositivi energetici utilizzando termici.
Il prototipo sopra descritto può essere utilizzato anche come modulo riscaldante che, in serie e / o parallelo relazione di accoppiamento con altri moduli come, fornirà un nucleo base sistemi dimensioni e potenza di riscaldamento desiderato.
Una forma di realizzazione pratica della apparecchiatura secondo l’invenzione, installata in data 16 ottobre 2007 è attualmente perfettamente operativi 24 ore al giorno, e fornisce una quantità di calore sufficiente a riscaldare la fabbrica del
EON Compagnia di via Carlo Ragazzi 18, a Bondeno
(Provincia di Ferrara).
Per una migliore comprensione dell’invenzione, i principali componenti del dispositivo sopra menzionato sono stati schematicamente mostrato in Tabella 2.
L’apparato sopra menzionato, che non è ancora stato reso pubblico, ha dimostrato che, per un corretto funzionamento, l’iniezione di idrogeno deve essere effettuata sotto una pressione variabile.
Il termostato resistenza elettrica di controllo è stato progettato per spegnere detta resistenza elettrica dopo 3-4 ore di funzionamento, fornendo in tal modo il sistema autoalimentato, emettono continuamente energia termica in una quantità più grande di quello inizialmente generato da detta resistenza elettrica, quale modalità di operazione è in realtà ottenuto con una reazione esotermica.
Come verrà mostrato in modo dettagliato nella seguente Tabella 1, si può calcolare che, supponendo una trasformazione completa, una mole, che è 58 g di nichel, generare la stessa quantità di energia ottenuta bruciando circa 30.000 tonnellate di petrolio .
Figure 2-5 mostrano i dati misurati su 30 gennaio 2008 che sostanzialmente dimostrano che l’invenzione prevede in realtà una vera e propria fusione fredda nucleare.
La foto di figura 2, (ottenute con 1.400 x microscopio elettronico) mostra la polvere di nichel su una scala 1.400 x, come ritirata dall’apparato: in particolare detto foto mostra chiaramente i granuli fiocco, promuovendo notevolmente l’assorbimento degli atomi di idrogeno da i nuclei di nichel.
Le due frecce nella figura mostrano le due posizioni del campione di polvere di esso le prove microscopio elettronico per il rilevamento della polvere composizione atomica sono state effettuate.
I due grafici delle figure 3 e 4 sono stati realizzati da microscopio elettronico del Dipartimento di Fisica dell ‘Universita di Bologna, sotto la supervisione del Prof.
Sergio Focardi, il 30 gennaio 2008 e sono legati alla composizione atomica polvere nei due punti di figura 2 sopra.
In particolare, detto grafici mostrano chiaramente che lo zinco è formato, considerando zinco non era presente nella polvere di nichel inizialmente caricati nell’apparecchiatura detta zinco essendo effettivamente generato da una fusione di un atomo di nichel e due atomi di idrogeno.
Ciò dimostra che, oltre alla fusione, la reazione inventiva fornisce anche un fenomeno nickel nucleo fissione generare atomi stabili leggeri.
Inoltre, si è trovato che, dopo aver energia generata le polveri utilizzate contenevano rame e più leggero di atomi di nichel (quali zolfo, cloro, potassio, calcio).
Questo dimostra che, in aggiunta alla fusione, anche un fenomeno nickel nucleo fissione generare atomi stabili leggeri verifica.
Si è constatato che il trovato raggiunge il compito e gli scopi prefissati.
TABELLA 1
Determinare l’energia prodotta da un mol nichel.
1 nickel mol = 58 g
Numero Avogadro 6,022 x 10 <23> mol <“1> = numero di atomi di nichel in 58 g di nichel.
L’energia generata in ogni processo di acquisizione di idrogeno è stata valutata (per ogni isotopo nickel) dalla differenza tra la massa iniziale (nickel + idrogeno) e la massa di reazione prodotto finale.
Una stima ragionevole, considerando i diversi valori per i diversi isotopi, è 10 MeV elettroni (a MeV corrisponde a un milione di elettronvolt ed è l’unità di misura di energia, come convenzionalmente usato in fisica nucleare).
Dal 1 Mev è equivalente ad una variazione della massa di 1,78 x 10 <“30> kg, la variazione di massa corrispondente ad una emissione di energia di 10 MeV è 1,78 x 10” <29> kg.
La perdita di massa corrispondente ad una trasformazione di un intero Ni mol può essere calcolata moltiplicando il numero di Avogadro (6.022 x 10 <23>) tempo la variazione di massa del singolo reazione.
Così si ottiene (per 58 g Ni)
M = (6,022 x 10 <23>) x 1,78 x 10 <29> ~ kg = 1,07 x 10 “<5> kg Dalla equazione di Einstein abbiamo
E me = <2> dove c è la velocità della luce c = 3 x 10 <8> m / s.
Così, sostituendo:
J = I.07 x 10 <“5> x (3 x 10 <8>) <2> = 9,63 x 10 <11> J che può essere approssimata da 0,3 x 10 <9> kcal (che può essere approssimata per difetto prenotare).
Si tratta di una energia equivalente a circa 30.000 tonnellate di olio considerando una pci di 10.000 kcal / kg per olio minerale; pertanto, 58 g di nichel genererà la stessa energia di quella fornita da 30,000 ton olio, cioè 517 tonnellate / grammo.

il mio articolo sul brevetto europeo:
https://6viola.wordpress.com/2015/02/09/e-cat-siete-curiosi-di-sapere-come-funziona-il-testo-del-brevetto/

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in POLITICA. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...