cold_fusion (FUSIONE FREDDA) – LAST NEWS – 03_11_2014

Alcuni aggiornamenti su esperimenti di fusione fredda eseguiti dall’ing. Lino Tufano in data 21 novembre 2014. Si raccomanda di non eseguire esperimenti analoghi senza la consulenza di persone competenti. Vi è il rischio di esplosione dei fumi di idrogeno e ossigeno se si eseguono al chiuso. Di folgorazione per la corrente elettrica. Di avvelenamento nel respirare i fumi. Saluti e grazie del dialogo .. troverete la trattazione completa dell’argomento nell’intervista concessa all’ing. Fabio Sipolino il 25 ottobre 2014.. more info: nei commenti (su youtube) a quella intervista ora citata ..

ps
il contenuto della soluzione acquosa è 1 litro di acqua demineralizzata e 25 gr di bicarbonato.

Ecco il link diretto alla intervista:

La discussione su facebook:
Fisica Quantistica
fonte:

https://www.facebook.com/groups/727712720630029/permalink/773714702696497/

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
(1)

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

 

italiani buoni a nulla capaci di tutto ..
la fusione fredda nel giardino di casa ..
https://6viola.wordpress.com/…/cold_fusion-fusione-fredda-…/

 

cold_fusion (FUSIONE FREDDA) – LAST NEWS – 03_11_2014
6VIOLA.WORDPRESS.COM
  • Piace a 3 persone.
  • Luca Fabbri Ahahahahah
  • Angelo Mallardi e quindi?? Elettrolisi?
  • Micio Maxx ANCORA ????
    Mi vuoi spiegare, Pasquale, prima che vaporizzi questo post, COSA sta dimostrando quel fuffaro ???
    Che si può fare l’elettrolisi con l’acqua ?Che un catodo metallico è un ottimo conduttore di calore e quindi si raffredda in fretta una volta tolta la corrente ?

    Che con una corrente sufficientemente elevata si crea idrogeno che poi brucia con l’ossigeno atmosferico/disciolto nell’acqua scaldando il catodo ?

    Che anche con un setup ridicolo si può fare l’elettrolisi dell’acqua ?

    DOVE STA LA FUSIONE in questa boiata di video ????

    7 h · Mi piace · 2
  • Giuseppe Aiassa Potrebbe essere un sistema alternativo per cuocere la pasta, magari domani provo..
    7 h · Mi piace · 1
  • Matteo Billé Ok…la fusione qui c’entra come i cavoli a merenda, ma perché scintilla il catodo? Era solo incandescente o che? L’elettrolisi che vidi alle superiori non produceva scintille o roba incandescente… che diamine ha realizzato?
  • Giuseppe Aiassa Da quanto dice la tensione è 250 Volt e 16 Ampere sufficienti a scaldare l’acqua ed innescare la combustione dell’idrogeno…
  • Matteo Billé Ok quindi il calore del catodo letteralmente brucia l’idrogeno
    Ah è un po’ OT ma ho una domanda più seria da fare. Ho visto in giro un po’ di schemi e letto informazioni circa i saldatori ad acqua, o ad ossidrogeno come ho letto. Ebbene ci sono cose che mi sfuggono, prima tra tutte il fatto che una fiamma di una temperatura relativamente bassa possa fondere materiali dal punto di fusione molto più alto. Leggendo sembra puro misticismo e pare che l’idrogeno abbia qualche magica proprietà…
    Il secondo dubbio che ho avuto è circa la fusione in se: se io ho una fiamma “fredda” ma che riesce a fornire un flusso di energia sufficiente al materiale, questo non dovrebbe in teoria scaldarsi anche più della fiamma? Non dipende dalla capacità termica? Help
  • Micio Maxx Per FONDERE un materiale devi raggiungere il suo punto di fusione, non c’è santo. Può darsi che ci siano dei procedimenti in cui il gas della fiamma reagisca oltre ad una certa temperatura col metallo, corrodendolo, ma non si tratta comunque di fusione vera e propria.Come giustamente dice Giuseppe nell’ “esperimento” (sic…) del video, la corrente è sufficiente a creare una bolla di idrogeno ed a accenderla (col contributo di ossigeno presente, altrimenti NON si accende…) innalzando la temperatura localmente tanto da fondere l’elettrodo.
    In giappone hanno fatto esperimenti simili ad alta temperatura, a volte con successo (non comprovato) di fusione nucleare, e sempre con l’inconveniente di un consumo elevato dell’elettrodo di tungsteno, cosa che rende le misure e la riproducibilità problematiche, e che renderebbe comunque tecnologicamente non vantaggioso l’utilizzo di una simile cella anche se funzionasse.
  • Matteo Billé Quindi in ogni caso ciò che conta alla fine è la temperatura della fiamma? La termodinamica riesce sempre a crearmi problemi Il mio dubbio era proprio questo, se trasferisco abbastanza calore al materiale questo sale di temperatura anche se la fiamma è più fredda?!
    Ovvio ci sarà un flusso di energia che va dal metallo più caldo verso la fiamma più fredda (ambiente incluso a meno di non ipotizzare un sistema adiabatico ovunque tranne nel punto localizzato sulla fiamma) ma tale flusso non è propriamente per contatto, il plasma della fiamma non è il classico serbatoio ideale che metti attaccato al tuo sistema… Quindi nel mio cervello di bimbo scemo penso ad un irraggiamento mediante legge di Boltzman che va come T1^2-T2^2 e posso idealmente pensare sia inferiore al flusso trasferito verso il corpo. Quindi tenuto conto del flusso netto di energia posso immaginare che in un certo tempo la temperatura del metallo raggiunga il punto di fusione…
    Non so se tutto ciò abbia un senso, ma io mi immagino il proverbiale serbatoio d’acqua in cui entra fluido e sul cui fondo c’è un bel buco da cui fuoriesce l’acqua. Se la portata in ingresso è sufficiente posso far traboccare il serbatoio… in un caso del genere forse saprei anche scrivere l’equazione differenziale che lo descrive – ripeto forse! – e trovare il target a regime… So che sto facendo un qualche errore di concetto ma non lo trovo
  • Giuseppe Aiassa Per fondere bisogna raggiungere la temperatura di fusione. Non bisogna confondere temperatura con quantità di calore, bisogna fornire al materiale abbastanza calore perché possa raggiungere la temperatura di fusione.
    4 h · Mi piace · 1
  • Matteo Billé Appunto! Qui sta il mio cruccio. Se la fiamma è “fredda” ma trasferisce molto calore…
    Mi immagino un sistema forno (elettrico per semplicità) – che poi direi che coincide con quello del serbatoio – in cui ho un’immissione costante di energia nell’unità di tempo, una capacità termica e una funzione temperatura ignota. Seguendo questo principio avrò una certa temperatura di regime – che potrebbe arrivare al punto di fusione.
    Forse il problema di fondo è che se la fiamma è fredda viene meno il flusso di calore necessario…dopotutto la temperatura è energia cinetica nella sua essenza, quindi – tentando di rispondermi da solo – se la fiamma è fredda il flusso netto di energia è tale per cui il materiale arriva al massimo alla stessa temperatura della fiamma…ciò avrebbe senso e risolverebbe un po’ di cose
    È detto male, ma la temperatura è legata all’energia cinetica media, quindi al massimo posso fornire al corpo quella quantità di energia cinetica. Non riesco a capire però se è possibile accumularla fino ad avere un’energia cinetica media superiore nel metallo che non nella fiamma…
    Edit. Mi rispondo: NO. Perché i due corpi a contatto cercherebbero di arrivare alla stessa energia cinetica media, quindi la fiamma dovrebbe essere alla stessa energia del corpo => stessa temperatura… che fatica! :$Ovviamente correggetemi

  • Giuseppe Aiassa Matteo Billé, ti serve il diavoletto di Cartesio
  • Matteo Billé Appurato di cosa si tratta non colgo la battuta
  • Marco Russo Forse si intendeva il diavoletto di Maxwell?
    1 h · Mi piace · 1
  • Giuseppe Aiassa Eh si, ho toppato, si tratta del diavoletto di Maxwell
    Comunque sempre un buon diavolo…
    1 h · Mi piace · 2
  • Matteo Billé Eh il secondo principio…
    1 h · Mi piace · 1
  • Micio Maxx Dai un’occhiata ai forni ad induzione su google
  • Pasquale Tufano more info:
    (sono da leggere anche i commenti su youtube se ne volete sapere di più sui valori di test):
    http://youtu.be/gLa04sHeoRI

    Il punto sulle ultime notizie in rif. alla fusione fredda…
    YOUTUBE.COM

    °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
    (2) Fisica Quantistica su facebook

    °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

    fonte:
    https://www.facebook.com/groups/48615882845/permalink/10153344137567846/

    italiani buoni a nulla capaci di tutto ..
    la fusione fredda nel giardino di casa ..
    https://6viola.wordpress.com/…/cold_fusion-fusione-fredda-…/

    cold_fusion (FUSIONE FREDDA) – LAST NEWS – 03_11_2014
    6VIOLA.WORDPRESS.COM
    • Piace a 2 persone.
    • Manuele Eustorgio “tredici zero sette circa”? ma quanto “circa”?
    • Manuele Eustorgio “all’aria aperta, mi raccomando”…
    • Manuele Eustorgio “varie apparecchiature collegato” “che ora è scollegato”
      (ma il cane come la pensa?)
      8 h · Mi piace · 1

       

    • Manuele Eustorgio “si fonderebbe il legno”…
    • Manuele Eustorgio altre parole chiave: “processo” “fusione” “catodo” “tensione” “configurato”
    • Manuele Eustorgio “la temperatura è scesa andando a prendere la telecamera”
      “se il catodo raggiungesse 3000 gradi non vorrei che raggiungesse chissà quale temperatura”
    • Manuele Eustorgio prego per l’attenzione … e grazie per i consigli per non “farsi male”…
    • Marco de Dominicis non si puo guardare!!!!! mio nipote fa esperimenti piu simpatici con il piccolo chimico
    • Pasquale Tufano more info:
      https://www.youtube.com/watch?v=gLa04sHeoRI

      Il punto sulle ultime notizie in rif. alla fusione fredda…
      YOUTUBE.COM

      °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
      (3) FISICA QUANTISTICA e altre teorie: gruppo aperto e libero

      su facebook

      °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

      fonte:
      https://www.facebook.com/groups/robiemaria/permalink/652802814838304/

      italiani buoni a nulla capaci di tutto ..
      la fusione fredda nel giardino di casa ..
      https://6viola.wordpress.com/…/cold_fusion-fusione-fredda-…/

      cold_fusion (FUSIONE FREDDA) – LAST NEWS – 03_11_2014
      6VIOLA.WORDPRESS.COM
      • Maurizio Anselmo Ok,intanto pero’ non ci dice che cosa c’e’ nella soluzione acquosa,poi,ho capito che la temperatura dell’acqua aumenta,ma quanta energia ci vuole per farla aumentare ?E’ piu’ l’energia fornita o e’ piu’ alta l’energia dell’acqua ?Questo esperimento cosi’ com’e’ non dice nulla e mi dispiace,facevo questa cose,con la corrente altrenata pero’, all’eta’ di 8 anni.
      • Devis Visintin La cold fusion magari esiste ma se ti serve palladio litio ecc. Cioè sarà anche energia decentralizzata ma non è free come il sole, Einstein ci ha omaggiato descrivendo l’effetto fotoelettrico, si sapeva che una lamina di metallo sotto al sole presentava una differenza di potenziale tra faccia chiara e faccia scura, poi lui ne diede una descrizione matematica costruendo pezzo per pezzo la formula, e dopo anni forti del fatto e della certezza che l’effetto esiste sono state fatte ricerche su nuovi materiali, raggiunta la convenienza gli ingegneri hanno industrializzato il tutto abbassando il costo, adesso é obbligo per legge fare le case coi pannelli e la concorrenza ne abbassa il costo senza un fine. Credo che la fusione fredda avrà tempi simili, gli step sono gli stessi, prima la nasa, poi i militari, poi i civili.
      • Maria Miglietti Sì, e poi i tempi della Fisica sono molto lunghi… dalle prime rilevazioni spettrografiche incompatibili con la Fisica iniziate verso il 1880 ai primi passi della Meccanica Quantistica nel 1925 sono passati 45 anni… 45 anni solo per definire le equazioni teoriche
        4 h · Mi piace · 2
      • Giuseppe Aiassa Se quello che ha detto è vero, 16A 250 V circa 4 kW hai voglia di scaldare acqua… il liquido è quasi sicuramente basico, potassa o soda caustica… Non c’è fusione…
      • Pasquale Tufano Maurizio Anselmo
        1) nella soluzione acquosa: in un litro di acqua demineralizzata ci sono 25 gr di bicarbinato (con la funzione di sale)
        2) i dati sono sui commenti del video di youtube che metto in coda
        https://www.youtube.com/watch?v=gLa04sHeoRI
        Comunque i valori di test li ripeto qui di seguito:
        tra i fenomeni insoliti che è possibile osservare vi è il seguente: fino alla tensione alternata di 170 volt (V1@=170 V) sul secondario del variac aumenta sia la corrente in input del variac (I1@=3,66 Ampere); che in output del variac (I2@=4,73 A); che la tensione continua ai capi del condensatore che va al carico della cella (V2=217 V); che la corrente circa continua fornita alla cella di reazione (I3=2,79 A); e quindi la potenza assorbita che alimenta il variac del valore di 605 watt (P1=605 w). Dopo la accensione del catodo tale tendenza si INVERTE, ossia i parametri diminuiscono. Li esplicito in tabella seguente:
        V1@=out variac ; I1@=in variac ; I2@=out variac; V2= out C; I3=nella cella reazione; P1=potenza assorbita dalla rete elettrica.
        1) V1@=170 V ; I1@=3,66 A ; I2@=4,73 A ; V2=217 V ; I3=2,79 A ; P1=605,43 w
        quelli successivi (dopo catodo acceso):
        2) V1@=180 V ; I1@=3,50 A ; I2@=4,27 A ; V2=240 V ; I3=2,16 A ; P1=518,40 w
        3) V1@=190 V ; I1@=3,40 A ; I2@=3,93 A ; V2=255 V ; I3=1,96 A ; P1=499,80 w
        4) V1@=200 V ; I1@=3,30 A ; I2@=3,63 A ; V2=267 V ; I3=1,79 A ; P1=477,93 w
        5) V1@=210 V ; I1@=3,25 A ; I2@=3,40 A ; V2=277 V ; I3=1,66 A ; P1=459,82 w
        6) V1@=220 V ; I1@=3,20 A ; I2@=3.20 A ; V2=292 V ; I3=1,50 A ; P1=438,00 w
        7) V1@=230 V ; I1@=2,80 A ; I2@=2,67 A ; V2=306 V ; I3=1,24 A ; P1=379,44 w
        8) V1@=240 V ; I1@=2,40 A ; I2@=2,20 A ; V2=325 V ; I3=0,93 A ; P1=302,25 w

        Il punto sulle ultime notizie in rif. alla fusione fredda…
        YOUTUBE.COM
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in SCIENZA. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...