la ricetta della rana bollita [chef Angela Merkel]

Da sempre interpreto la leggendaria legge di Dornbusch con la metafora delle simpatiche rane che si rilassano nuotando in un pentolone di acqua fredda con sotto un bel fuoco acceso.

La temperatura sale pian pianino, una gradevole sensazione di benessere e calore che non preoccupa più di tanto la nostra rana, la quale non si spaventa neanche quando l’acqua incomincia a scaldarsi.

La reazione è tardiva, l’acqua incomincia lentamente a bollire, le forze incominciano a mancare, si lascia andare sino ad addormentarsi per sempre bollita.

Semplice no, basta una dinamica lenta ed inesorabile, un cambiamento rallentato che sfugge alla coscienza che impedisce qualsiasi reazione o opposizione.

Krugman in Europanico 2.0 come riporta la nostra Carmen su  Voci dall’Estero   applica la legge di Dornbusch alla crisi dell’euro, una crisi al rallentatore che può manifestarsi all’improvviso, quando meno qualcuno se l’aspetta.

“Chiunque studi l’economia monetaria internazionale conosce bene la Legge di Dornbusch: «La crisi ci mette molto più tempo ad arrivare di quanto pensavate, e poi si svolge molto più in fretta di quanto avreste pensato»”

C’è tanto sugo di quello che abbiamo condiviso in questi anni e mesi nell’articolo di Krugman, il resto lo lascio leggere a Voi, il finale è significativo…

“L’Europa ha sorpreso molte persone, me compreso, con la sua capacità di resistenza. E penso che la Bce di Draghi sia diventata un importante elemento di forza. Ma faccio sempre più fatica (e come me altri con cui ho parlato) a capire come andrà a finire tutta la faccenda (o meglio a capire come farà a finire in modo non catastrofico).
Se trovate implausibile una storia in cui Marine Le Pen porterà la Francia fuori dall’euro e dall’Unione Europea, ditemi qual è il vostro scenario alternativo.”

fonte:
http://icebergfinanza.finanza.com/2014/10/20/europanico-2-0-la-legge-di-dornbusch/

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Economia, Massmediologia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...