Del reato di lancio di uova .. (a Matteo Renzi)

fonte:
https://www.facebook.com/CATENAUMANA.PARLAMENTO.ITALIANO/photos/

il video:

dalla pagina di youtube:

Pubblicato il 03/ott/2014

Una contestazione con cartelli, fischietti e
lancio di uova ha accolto il presidente del Consiglio
Matteo Renzi al suo arrivo sul palco del Festival
di Internazionale a Ferrara. Un gruppetto di
una trentina di manifestanti ha urlato: “vai
a casa, buffone”. I contestatori si sono presentati
come attivisti del Movimento 5 Stelle e di vari
comitati contro la privatizzazione dell’acqua
e per l’ambiente. Dopo il lancio di uova, Renzi
si è rivolto ai contestatori: “La prima cosa
che ho imparato è il rispetto delle idee e delle
persone, e credo che tante persone sono qui non
per farsi una frattatina o una crepe ma per ragionare:
a chi non ha altri argomenti che le uova, noi
continuiamo a rispondere con un sorriso nonostante
i tentativi di tappare la bocca”.

INTERVISTA A MACALUSO: “SE IL LEADER NON LO ELEGGE L’ISCRITTO, L’ISCRITTO CHE CI STA A FARE? INFATTI NON SI ISCRIVE”

“SENZA UNA STRUTTURA FORTE DEMOCRAZIA A RISCHIO: E’ COLPA DELLE PRIMARIE”


”Emanuele Macaluso, cosa ha pensato quando ha letto che il Pd ha ormai appena 100mila tesserati?

«Non mi sono stupito. L’attuale dirigenza del resto non è interessata a costruire un partito che sia presente nella società. Ma questo annacquamento non è figlio del renzismo, ma nasce negli anni in cui si decise di fare le primarie per l’elezione del segretario. Se il leader non lo elegge l’iscritto ma anche il cittadino, l’iscritto che ci sta a fare? E infatti non si iscrive».
Renzi pone questo dilemma: preferivate un partito con 400mila iscritti, ma fermo al 25%. La convince?
«No, è una falsa alternativa. Perché le due cose non dovrebbero coesistere? Avere il 41% e 600mila iscritti? La verità è che a Renzi non interessa avere uno strumento che orienti la comunità ».
Ma il segretario non orienta la società da Palazzo Chigi?
«Sì, ma è un orientamento individuale, non collettivo. Un partito — un partito vero, dico — deve avere un progetto politico che coinvolga migliaia di persone che a quelle idee si ispirano. Un luogo permanente di confronto articolato, di formazione del pensiero, di dibattito. È il tema su come incidere sulla cultura di massa. Per il Pd non è un problema vedo. Ma così si amministra solo l’esistente. Non c’è il progetto, perché non c’è l’elaborazione».
L’onorevole Bonafé lo rivendica chiaramente: il partito di massa è morto con il Novecento. Non ha ragione?
«No, dice una stupidaggine. I problemi oggi sono enormi, come del resto nel ‘900, e coinvolgere e conquistare le persone attorno a un’idea, a una visione del mondo, attiene al modo di concepire la democrazia: ieri come oggi».
Nel suo ultimo libro “Santuari” lei sostiene che i partiti di massa salvarono la democrazia negli anni della strategia della tensione. In che senso?
«Pensi al ruolo che svolse il Pci nei confronti del terrorismo. Fu anzitutto una battaglia culturale. Non solo di ordine pubblico: cul-tu-rale. Le Brigate Rosse non andavano semplicemente sconfitte sul piano della repressione. Questo fece il Pci, la parte migliore della Dc e i socialisti come Pertini. Infatti il terrorismo fu sconfitto nelle fabbriche».
Nel saggio afferma che un’Italia di partiti deboli corre un rischio enorme. In che senso?
«Nulla è neutrale nella formazione dell’opinione pubblica. E con partiti e sindacati così malmessi è inevitabile che alla lunga tornino a prevalere forze opache. Del resto l’articolo 49 della Costituzione, “tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale”, non fu messo lì a caso, perché il rischio di influenze esterne, di circoli, o super circoli, che condizionino la vita pubblica, è un problema eterno della storia nazionale, che si pose già all’indomani dell’Unità d’Italia».
Lei era scettico su Renzi premier. Che giudizio dà dopo 8 mesi al governo?
«Ha dimostrato di avere intelligenza politica, e anche una buona dose di scaltrezza, ma non ha saputo mettere insieme un vero governo del Paese. Mi pare un limite non da poco».
Vuol dire che il governo è debole?
«Molto. Renzi accentra, ma il premier non ha un retroterra tale per poter fare a meno di una buona squadra. Ne avrebbe bisogno anche lui».

Concetto Vecchio
(da “La Repubblica“)

fonte web:
http://www.destradipopolo.net/?p=18807

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Massmediologia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...