La politica dei tagli .. taglierà anche il PD?


Tessere vere, tessere false, tessere perse.
Il Pd perde tesserati come un colabrodo e questo non è bello. Eppure non perde consensi. Basta l’effetto Renzi a spiegare tutto ciò? No. Penso che il fulcro del discorso stia in una domanda: a che punto stanno i partiti, riconosciuti dalla Costituzione come strumenti essenziali per “determinare la politica nazionale”? Male dal punto di vista delle organizzazioni che si sono dati, bene se la risposta elettorale è buona. Ma non basta. Per rispondere ci toccherà aspettare e vedere se i partiti di domani saranno capaci di avere ancora una funzione essenziale (e credo sia così) ma soprattutto grazie a quali rinnovate strutture interne sapranno comprendere, organizzare, far progredire le società che si muovono in continuazione. Una fase lunga chissà quanto dalla quale usciremo chissà quando.
Un’accelerazione per arrivare fin qui l’ha data Berlusconi e la sua idea di “non partito”, o territorio di caccia del signore, di spazio aziendale per manager.
Il partito di plastica c’era davvero e danni ne ha prodotti molti.
fonte:
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Massmediologia, POLITICA. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...