Goofynomics: “il più grande successo della NEURO” [collective intelligence + political polis]

Arlette Zat ha scritto in 2 gruppi.
L’economia esiste perché esiste lo scambio, ogni scambio presuppone l’esistenza di due parti, con interessi contrapposti: l’acquirente vuole spendere di meno, il venditore vuole guadagnare di più. Molte analisi dimenticano questo dato essenziale. Per contribuire a una lettura più equilibrata della r…
GOOFYNOMICS.BLOGSPOT.COM|DI ALBERTO BAGNAI
  • Ennesima conferma, se ce ne fosse bisogno, del fatto che il mondo “sovranista” pullula di individui inaffidabili e di palloni gonfiati; ed inoltre del fatto che la sola cosa che regna sovrana in questo ambiente è l’incomunicabilità.
    Ma che lo dico a fare?
    E soprattutto: dove vogliamo andare in queste condizioni?
    http://goofynomics.blogspot.it/…/il-piu-grande-successo-del…

    ///***///

    • Massimo Andreini in conclusione, dobbiamo dare le medicine anche a Bagnai??
    • Giovanni Greco Ti dico solo che sia Pizzino (Progetto Sicilia moneta Grano) che Bossone e Cattaneo (CCF Sud progetto Tarì) stavano lavorando sulla stessa cosa di fatto. Ho scritto a sia a Pizzino che a Cattaneo pregandoli di mettersi in contatto……
    • Gianna Glionna Non credo che “pulluli” e perché mai, ve ne saranno perché è naturale ve ne siano. Prendiamo il buono, che c’è, e lasciamo perdere i difetti di carattere. La funzione di informare l’ha svolta bene, chi lo segue completamente privo di strumenti critici non è che ci possa poi essere molto utile
    • Giovanni Albin non basta + solo informare , bisogna agire, prendere posizione, schierarsi..
    • Arlette Zat In realtà, Giovanni, se leggi con attenzione il post di Bagnai, vedrai che lui è in contatto quotidiano (a suo dire, ma non ne dubito) con TUTTI i principali politici dei vari schieramenti. Quindi agisce eccome.
    • Arlette Zat Gianna, scusami eh: se scrivo quello che scrivo, magari saprò anche quel che dico. Come puoi definire “completamente privi di strumenti critici” il SUO STESSO GRUPPO, nato dal suo blog, cioè i 101 Dalmata?
      Perché è con loro che Bagnai se la prende!
    • Arlette Zat Grazie mille, Giovanni Greco, del preziosissimo lavoro che stai svolgendo.
      1 h · Mi piace · 1
    • Giovanni Albin Agire= prendere posizione, schierarsi. .non basta avere contatti
    • Arlette Zat Penso che lo faccia. Ma non dipende da lui se alcuni gli danno ascolto e altri no.
    • Giuseppe LennieSmall Bottoli A me francamente l’idea di non mettere in rete il film era sembrata abbastanza buona… in questo modo chiunque avesse una visione critica verso l’euro – più o meno informata – sarebbe stato obbligato a cercare un evento pubblico per poterlo vedere, coinvolgendo magari anche persone che non sanno neanche accendere un computer (gli anziani) e che non hanno accesso a gran parte delle informazioni… persone del cui “peso elettorale” però ci si accorge durante le votazioni.
      1 h · Mi piace · 1
    • Arlette Zat Anche a me sembrava che fosse una buona idea costringere le persone ad alzare il culo dalla sedia.
      1 h · Mi piace · 1
    • Stefania Colosimo io la faccio più banale, secondo me, si sono stufati, hanno perso entuasiamo e passione. Lettura superficiale, ma è facile coprirsi dietro le farneticazioni per giustificare se stessi. Insomma su, se vuoi le cose, le fai, anche quando devi svalicare i monti, quindi diciamoci la verità, si sono stufati. E’ umano, in questo ordine di cose (situazione attuale) chi non getterebbe la spugna e amen!
    • Pasquale Tufano Ho scritto al prof Bagnai (sul suo Blog) quanto segue:
      http://goofynomics.blogspot.it/…/il-piu-grande-successo…
      Ebbene sì, ho letto sia il post del prof Bagnai e sia tutti gli interventi .. la discussione la considero interessante ma noto un grave ERRORE che non mi sembra vi sia chi lo abbia segnalato: “la politica non è una cosa sporca da sfuggire come la peste, o (per essere più moderni) come EBOLA” .. se il contributo che si vuole dare è puramente scientifico non trovo nulla da obbiettare .. ognuno lavora nell’ambito che sceglie .. ma è legittimo dare alla POLITICA l’abito dell’UNTORE di manzoniana memoria? .. io penso che non è giusto, ma anzi sia la principale ragione del perché il PIANETA sia nelle condizioni attuali.

      Il lavoro di chi ha organizzato scientemente la crisi in cui siamo dentro .. che non è quindi METEREOLOGICA .. ma SCIENTEMENTE ORGANIZZATA .. è colpire anzitutto la possibilità che vi sia la conoscenza di quali sono i meccanismi che sono stati crakkati per realizzare la crisi .. che quindi non è uno strumento temuto -> ma il max successo di chi sta gestendo la crisi .. una crisi funzionale a una politica di accaparramento dei beni che è possibile acquisire solo in condizioni di crisi .. nella dinamica dei SALDI imposti anzitutto in occidente .. mentre nei paesi del terzo mondo bastano i droni che si incaricano dei “bombardamenti umanitari” .. visto che i benefattori che governano durante la crisi -> non possono evitarsi della esportazione della democrazia .. insieme all’uranio impoverito causalmente nelle stesse zone dei bombardamenti umanitari ..

      Vi sono stati casi rari di persone che hanno preso posizione sulla interpretazione di una crisi scientemente organizzata affinché fosse esattamente ciò che si misurava .. faccio il primo caso che mi viene in mente .. Paolo Barnard .. che qui è visto come la peste che dicevo sopra .. stiamo parlando di un giornalista .. che le miei informazioni classificano come laureato in psicologia .. e che quindi la crisi se la è fatta raccontare dalla scuola USA organizzando anche meeting a Rimini .. avendoci anche capito poco .. ma la sua parte l’aveva fatta .. (e ve lo dice chi, come me, ha studi di teoria dei modelli matematici con laurea in quel settore ad ingegneria, quindi so di che parlo) .. è vero che Barnard dice delle cose sconclusionate sul piano della scienza applicata alla economia e alla finanza .. ma ha cercato di fare la sua parte e non si può respingere -però- Barnard come il lebbroso che esce dal lebbrosario .. va dato anche nella coda della fila al supermercato -> disponibilità di DIALOGO a TUTTI! .. altrimenti nessuno si salverà .. perché devono capire anche i semplici .. coloro che sappiano solo zappare la terra e non sappiano neanche scrivere il loro nome su un pezzo di carta con una matita!

      OGNI TESTA UN VOTO .. questa è la democrazia che può ugualmente compiere degli abomini .. dati dalle dinamiche di massa .. ma è più difficile che si possano avere degli abomini ad esempio di plagio delle masse colonizzate -io penso dai poteri forti nella nostra situazione attuale- se vi è un dialogo ORIZZONTALE senza chiudersi in una élite di coloro che possono capire mentre gli altri non capirebbero ..
      E fin qui siamo a livello di ANALISI .. ma nel reale serve (e prima di tutti lo sa un ingegnere) la SINTESI .. cioè il progetto del “CHE FARE?”
      (continua1)

      L’economia esiste perché esiste lo scambio, ogni…
      GOOFYNOMICS.BLOGSPOT.COM|DI ALBERTO BAGNAI
    • Pasquale Tufano Il che fare (come stavo dicendo) alcuni hanno pensato che fosse esporsi in prima persona .. e a differenza di Paolo Barnard .. questo qualcuno ha accettato .. faccio un caso particolare con nome e cognome .. “Francesco Amodeo” .. che con altri di un comitato chiamato CIPS (che seguo e a cui non sono iscritto) ha firmato una denuncia contro Bilderberg .. peraltro controfirmata da alcuni parlamentari m5s .. ma non ufficialmente dal m5s ..

      Bene .. come si può controllare sul sito di Francesco Amodeo .. egli dichiara di rinunciare al suo attivismo politico sotto il nome (sul suo blog) “Non posso andare avanti” in cui spiega che <<Oggi ho preso una decisione sofferta ma importante per salvaguardare la mia incolumità alla luce delle sempre più evidenti ritorsioni e minacce celate che da tempo ricevo e che purtroppo si dimostrano essere sempre più attendibili.
      Non voglio fare l’eroe ne immolarmi per la patria.>> .. se mettete il nome del giornalista potete leggere tutto l’articolo .. per chi fosse interessato ..
      Quindi -a prescindere del diritto di ciascuno di governare ciò che vuole dare alla politica- c’è una riflessione da fare ..

      <<ma bisogna essere degli EROI per curare la cosa pubblica proponendo una attività politica che formalmente entra in competizione in modo democratico curando la collettività?>>

      Qui entra il mio contributo alla Vs discussione: NO, ma serve una fase nuova della politica, come altezza della progettazione sociale in grado di spiegare le idee della convivenza che non sia di dominazione ma in cui “la legge è uguale per tutti” .. e la sovranità è al POPOLO, o ai POPOLI (art. 1 e 11 della nostra Costituzione Italiana).

      La fase è nuova, a mio avviso, poiché introduce un METODO che non è quello del “Salvatore della Patria” o dell’aspettiamo Godot .. tale metodo si riassume nel titolo “COLLECTIVE INTELLIGENCE” (o intelligenza collettiva, vi è la traduzione anche italiana del concetto anche se gli studi su tale materia sono non alla periferia dell’impero come oggi è ridotta l’Italia).

      In piccolo la collective intelligence è anche ciò che fa il blog attuale del professor Bagnai .. una tesi -anche economica- viene discussa in chiaro ed in pubblico ed il contributo che può dare una collettività è molto maggiore di ciò a cui può giungere una singola persona ..
      (continua2)

    • Pasquale Tufano C’è però da frenare gli entusiasmi nella esplorazione di questo metodo (collective intelligence) ora applicato alla politica ad esempio nel m5s .. o in altre organizzazioni come nel casus belli di ARS fin qui in discussione prima del mio post ..

      Sia che un movimento di massa sorga spontaneo .. e sia che sorga finanziato da poteri che potremmo chiamare occulti -> il vero potere cerca di colonizzarlo (quindi colonizzare ogni manifestazione politica autonoma) .. se riesce in ciò .. lo sterilizza o lo etero dirige .. cioè ne prende il controllo attraverso le tecniche di pressione economiche e di intimidazione fisica dei suoi responsabili .. e specie se la organizzazione del partito e/o del movimento è a struttura di comando verticale anziché ORIZZONTALE ..

      E qui viene la fase attuale dello status quo .. la intelligenza collettiva può organizzarsi come un CONTROPOTERE in grado di controcolonizzare tutte le strutture già esistenti ed esistibili! ..

      COME?

      Grazie all’indagine della verità non più usata come strumento di potere concentrato, ma distribuito .. quindi fidando che non sono fini strettamente personali lo scopo della POLITICA .. ma la salute PUBBLICA .. la dignità della POLITICA .. non più confusa con il rischio di dire cose vere ed essere eliminati perché rischioso a chi detiene il potere .. ma nella MECCANICA .. che possiamo configurarci -anche nella POLITICA- come un organismo collettivo .. una rete neurale in cui se un nodo non funziona o fosse eliminato la INFO si propaga UGUALMENTE! .. ed è quindi inutile andare a colpire il singolo .. egli -il singolo- è solo un neurone di un cervello più grande che non può essere distrutto nel suo complesso .. Grazie della occasione e complimenti per la azione accademica al prof Bagnai .. e a coloro che danno acqua che disseta spargendo ciò che gli risulta vero ..
      (stop)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Economia, FILOSOFIA, linguistica, Massmediologia, POLITICA, psicologia, SCIENZA. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...