MISSIONI DI PACE (eterna) .. BOMBARDAMENTI (umanitari) .. [studio del linguaggio] – [articolo CNN.com]

E’ incredibile come l’uso delle parole possa essere deformato fino a stravolgerne il significato!

Lo aveva ben compreso Orwell, che vi segnò -su questo concetto-
molti dei suoi racconti (*)
(*)
[in specie in

(1) <<la fattoria degli animali>>: con il concetto che “tutti sono uguali” .. ma qualcuno è “più uguale” degli altri .. frase apparentemente senza significato il “più uguale” poiché o una cosa è uguale oppure è diversa, ma spiegava invece bene la deformazione possibile in ogni parola per stravolgere cosa significhi.

(2) nel racconto: <<1984>>, dove vede il futuro -era quando lo scrisse il 1948- e vede come il ministero della propaganda aveva il compito di cambiare il significato delle parole].

U.S. President Barack Obama said Thursday that he’s authorized “targeted airstrikes” in Iraq to protect American personnel and help Iraqi forces.
CNN.COM|DI JIM SCIUTTO, CATHERINE E. SHOICHET AND BARBARA STARR, CNN
Piace a Rosa Follino.
***

studio del testo della cnn.com sia in inglese che in italiano:

cit:
Washington (CNN)[Breaking news update 8:58 a.m.]

U.S. military aircraft have conducted a strike on ISIS artillery that had been used near Irbil, Iraq, Pentagon spokesman Rear Adm. John Kirby said Friday on Twitter.

[Original story published 8:56 a.m.]

President Barack Obama on Thursday gave authorization to launch “targeted airstrikes” if needed to protect U.S. interests from fighters with the Islamic State, formerly known as ISIS.

The U.S. military could also use airstrikes to intervene in a humanitarian crisis that the Islamic State is inflicting on a religious minority.

The Islamic State moved closer to U.S. interests in Iraq’s Kurdish region in the north this week, taking towns from the Kurdish fighting force, known as the Peshmerga.

Before the Islamic State’s onslaught, the region had been the most stable in Iraq and a cooperative ally of the United States. U.S. military advisers and consular personnel are stationed in the Kurdish capital, Irbil.

In an address Thursday night announcing his decision, Obama said he has directed the military to strike the militants “should they move towards the city.”

Kurdish leaders have been pleading for the United States or NATO to buttress their forces against the Islamic State from the air. The President seems to have heard their appeal.

“We do whatever is necessary to protect our people,” Obama said, adding, “We support our allies when they’re in danger.”

It is now up to the Islamic State, a senior administration official said. If it decides to approach U.S. interests, airstrikes are a “clear possibility.”

Obama: Potential ‘genocide’

U.S. airstrikes could also hit the Islamic State if militants continue to endanger the lives of thousands of ethnic Yazidis stranded in mountains by the militants’ siege.

The President and other administration officials are using the term “genocide” when referring to the situation and is already sending supplies to help the Yazidis.

Militants raided the Yazidi town of Sinjar in northern Iraq over the weekend.

Yazidis are among Iraq’s smallest minorities. They are of Kurdish descent, and their religion is considered a pre-Islamic sect that draws from Christianity, Judaism and Zoroastrianism.

Islamic State has executed people who don’t share their fanatical interpretation of Sunni Islam and posted videos of their killings to the Internet. “Convert to Islam or die” is the Islamic State’s ultimatum given to those captured.

They have also beheaded victims and placed their heads on spikes to strike terror in the population, a senior administration official said.

Christians, Shiite Muslims and Yazidis have fled from the militants’ blood-paved path.

Multitudes of harried refugees have poured into the Kurdish region and camped in and around Irbil.

When Islamist fighters stormed Sinjar, thousands fled into the surrounding mountains.

Until Thursday they were without food and water, and some children died of thirst in the Iraqi summer heat.

Before the President’s address, two U.S. military cargo planes airdropped 5,300 gallons of water and 8,000 meals onto Mount Sinjar.

U.S. forces are standing by with plenty more food and water, a senior administration official said.

Possible strike to break siege

If militants continue to surround the mountain, they may have to reckon with U.S. intervention from the air.

“When we have the unique capabilities to help avert a massacre, then I believe the United States of America cannot turn a blind eye,” Obama said. “We can act, carefully and responsibly to prevent a potential act of genocide.”

U.S. Secretary of State John Kerry on Friday repeated the administration’s concerns about genocide.

The Islamic State’s “campaign of terror against the innocent, including the Yazidi and Christian minorities, and its grotesque targeted acts of violence show all the warning signs of genocide,” Kerry said Friday during a televised press conference in Kabul, Afghanistan. “The stakes for Iraq’s future could not be more clear,” and “for anyone who (needs) a wake-up call, this is it.”

Fear of U.S. ground troops

Obama brought home American forces from Iraq more than two years ago, and on Thursday, he addressed American concerns about boots on the ground there.

“As commander in chief, I will not allow the United States to be dragged into fighting another war in Iraq,” Obama said.

The administration has put the onus on the Iraqi government, which it has pushed to reform.

It wants Iraqi Prime Minister Nuri al-Maliki’s Shiite-dominated regime replaced by an ethnically more inclusive government.

Already, the Obama administration is rapidly funneling weapons to Iraqi forces. Factories in the United States are operating seven days a week to produce them, a senior administration official said.

But two Republican senators said in a statement that the President’s actions do not go far enough. And the United States should not wait on Iraq to pull together before Washington takes action.

Sens. John McCain of Arizona and Lindsey Graham of South Carolina want to see U.S. forces take the fight to the Islamic State.

“It should include U.S. airstrikes against ISIS leaders, forces, and positions both in Iraq and Syria,” their statement read.

Iraqi forces fight back

The Iraqi air force bombed a number of Islamic State targets Thursday night, Qubad Talabani, deputy prime minister of the Kurdish regional government, told CNN. The strikes killed at least two of the group’s emirs, he said.

The United States has been sharing intelligence through reconnaissance but is not involved in any airstrikes, a senior Iraqi military official told CNN on Thursday.

Americans “almost consistently” have manned or unmanned observation aircraft over Irbil, a senior administration official said.

The United States has 245 military personnel in Iraq, 90 of whom are advisers. The carrier USS George H.W. Bush and other Navy ships also are in the region.

The Islamic State fighters have captured armored vehicles and other military hardware from Iraqi forces in a lightning sweep through the north earlier this year.

The militant group’s name, Islamic State, reflects its goal to establish a Sunni caliphate stretching from Syria to Baghdad.

After establishing the religious state, the group envisions expanding it throughout the world.

Who will stop ISIS?

ISIS takes Iraq’s largest Christian city

traduzione con un traduttore on line:

http://www.bing.com/translator/

Washington (CNN) [Breaking news aggiornamento 8:58]
Aerei militari degli Stati Uniti hanno condotto un attacco sulla artiglieria di ISIS(*1) che era stato usato vicino Irbil, in Iraq, portavoce del Pentagono posteriore ADM John Kirby ha dettovenerdì su Twitter.
(*1)
ISIS:
militanti dello _S_tato _I_slamico dell’_I_raq e del _L_evante (ISIL)
miltanti dello _S_tato _I_slamico dell’_I_raq e _S_ yria (ISIS)
fonte:
http://en.wikipedia.org/wiki/Islamic_State_of_Iraq_and_the_Levant

[Storia originale pubblicato 8:56]

Il Presidente Barack Obama giovedì ha dato l’autorizzazione a lanciare “bombardamenti aerei mirati” se necessario per proteggere gli interessi degli Stati Uniti dai combattenti con lo Stato Islamico, anche noto come ISIS (*1).

L’esercito americano, dice Obama, potrebbe anche usare attacchi aerei per intervenire in una crisi umanitaria che lo Stato Islamico sta infliggendo una minoranza religiosa.

Le milizie dello Stato Islamico si erano spostate più vicino agli interessi degli Stati Uniti nella regione curda dell’Iraq del Nord questa settimana, sottraendo alcune città dal controllo delle forze militari Kurde, conosciute come Peshmerga.

 

Prima dell’assalto islamico, la regione era stata la più stabile in Iraq e un cooperativo alleato degli Stati Uniti. Consiglieri militari statunitensi e personale consolare sono di stanza nella capitale curda, Irbil.

In un comunicato di giovedì sera annunciando la sua decisione, Obama ha detto che ha dato le direttive a militari per colpire i militanti nel caso che “dovessero essi muoversi verso la città.”

I leader Kurdi hanno implorato di Stati Uniti o della NATO di sostenere le loro forze contro lo stato islamico grazie ad attacchi aerei. Il Presidente (Obama) sembra avere accolto il loro appello.

“Facciamo tutto ciò che è necessario per proteggere la nostra gente”, Obama ha dettoaggiungendo, “Sosteniamo i nostri alleati quando sono in pericolo”.

Spetta ora allo Stato Islamico, ha detto un funzionario dell’amministrazione senior. Se decide di avvicinarsi gli interessi degli Stati Uniti, attacchi aerei sono una “chiara possibilità.”
Obama: Potenziale ‘genocidio’
Attacchi aerei degli Stati Uniti potrebbero anche colpire lo Stato Islamico se i militanti (ISIS) continuano a mettere in pericolo la vita di migliaia di persone di etnia Yazidi intrappolati nelle montagne in stato di assedio.
Il Presidente e altri  funzionari dell’amministrazione Obama stanno usando il termine “genocidio”quando ci si riferisce alla situazione e stanno già inviando rifornimenti per aiutare i Yazidi.
Militanti (ISIS) hanno saccheggiato la città Yazidi di Sinjar –nel nord dell’Iraq- durante il fine settimana.
Gli Yazidi sono tra le più piccole minoranze dell’Iraq. Essi sono di origine Kurda, e la loro religione è considerata una setta pre-islamica che trae dal cristianesimo, Giudaismo Zoroastrismo.
Lo Stato Islamico (ISIS) ha perseguitato le persone che non condividono la loro interpretazione fanatica dell’Islam sunnita e inviato video delle loro uccisioni a Internet. “Convertire all’Islam morire” è ultimatum di Stato Islamico (ISIS) dato a quelli catturati.
Essi hanno anche decapitato vittime e disposto loro teste sulle punte per incutere il terrore nella popolazione, ha detto un ufficiale senior della amministrazione di Obama.
Cristiani, Musulmani Sciiti e gli Yazidi sono fuggiti dal percorso pavimentato di sangue da militanti (ISIS).
Moltitudini di perseguitati profughi si sono diretti nella regione curda e si sono accampati intorno a Irbil.
Quando i combattenti islamici (ISIS) hanno preso d’assalto Sinjar, a migliaia sono fuggiti nelle montagne circostanti.
Fino a giovedì sono stati senza cibo e acqua, e alcuni bambini morirono di sete nella calura estiva irachena.
Prima del comunicato del Presidente Obama, due aerei cargo militari statunitensi hanno trasportato 5.300 litri d’acqua e 8.000 pasti sul Monte Sinjar.
Le forze americane sono in condizione di dare più cibo e acqua, ha detto un funzionario dell’amministrazione senior.
 
Possibile attacco per rompere l’assedio
Se i militanti continuano a circondare la montagna, potrebbero dover fare i conti con l’intervento degli Stati Uniti dall’aria.
“Se abbiamo le capacità per contribuire a scongiurare una strage, io credo che gli Stati Uniti non possono chiudere un occhio”, ha detto Obama. Possiamo agireattentamente e in modo responsabile per evitare un potenziale atto di genocidio.”
Segretario di stato americano John Kerry venerdì ripeteva le preoccupazioni dell’amministrazione sul genocidio.
Lo Stato Islamico (ISIS) è “campagna di terrore contro gli innocenti, tra cui le minoranze di Yazidi e Cristiani e i sui grotteschi mirati atti di violenza mostrano tutti i segni premonitori di genocidio”, Kerry ha detto venerdì, durante una conferenza stampa teletrasmessa in KabulAfghanistan. “La posta in gioco per il futuro dell’Iraq potrebbe non essere più chiara”, “per chiunque (bisogni) chiamare un allerta, è questo il momento.”
Paura di truppe di terra statunitensi
Obama ha portato a casa le forze americane dall’Iraq più di due anni fa, e giovedì, ha affrontato le preoccupazioni degli americani circa il mettere radici in quel territorio.
“Come comandante in capo, non permetterò negli Stati Uniti per essere trascinato in un’altra guerra in Iraq,” Obama ha detto. (ndr: In Iraq si andò in guerra perché si sostenne che vi erano armi di distruzione di massa che non furono -però- mai trovate, eccetto gli arsenali di armi chimiche che gli stessi USA avevano venduto all’Iraq durante la guerra dell’Iraq contro l’Iran).
L’amministrazione Obama ha ceduto il controllo al governo iracheno, e lo ha spinto riforme.
Il primo ministro iracheno Nuri al-Maliki sostituito da un governo etnicamente più inclusivo, questo si vuole.
Già da tempo l’amministrazione Obama sta rapidamente convogliando armi alle forze iracheneFabbriche negli Stati Uniti operano sette giorni alla settimana per la loro produzione, ha detto un funzionario dell’amministrazione senior.
Ma due senatori repubblicani hanno detto in un comunicato che le azioni del Presidente non sono andate con una pressione sufficiente. E gli Stati Uniti non dovrebbero aspettare sull’Iraq oltre attendendo che Washington prenda una decisione.
Sens. John McCain di Arizona e Lindsey Graham del South Carolina desidera vedere le forze degli Stati Uniti di portare la lotta allo stato islamico (ISIS).
“Dovrebbe includere attacchi aerei USA contro ISIS leader, forze e posizioni sia in Iraq e la Siria,” dicono.
 
 
Combattono le forze irachene
L’aviazione irachena ha bombardato un certo numero di bersagli dello Stato Islamico (ISIS) Giovedi notte, Qubad Talabani, vice primo ministro del governo regionale curdo, ha detto alla CNN. Gli scioperi hanno ucciso almeno due degli emiri del gruppo, ha detto.
Gli Stati Uniti hanno condiviso informazioni attraverso la ricognizione, ma non sono stat coinvolti in eventuali attacchi aerei, un alto funzionario militare iracheno ha detto alla CNN il Giovedi.
Gli americani hanno “quasi sempre” velivoli senza equipaggio per l’osservazione sopra Irbil, un funzionario di amministrazione senior ha detto.
Gli Stati Uniti ha 245 unità di personale militare in Iraq, 90 dei quali sono consiglieri. La portaerei USS George H.W. Bush e altre navi sono anche nella regione.
I combattenti islamici dichiarano che hanno catturato veicoli corazzati ed altro hardware militare dalle forze irachene in una incursione fulminea attraverso il nord, già quest’anno.
Il nome del gruppo militante, Stato Islamico (ISIS), riflette l’obiettivo di stabilire un califfato Sunnito che si estende dalla Siria a Baghdad.
Dopo la stabilizzazione dello stato religioso, il gruppo prevede una espansione in tutto il mondo.
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Economia, FILOSOFIA, linguistica, Massmediologia, POLITICA, psicologia, SCIENZA. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...