DIEGO FUSARO: “Grand Hotel Abisso”(György Lukács). Intellettuali e potere oggi

Sugli intellettuali organici al potere e al capitale con la loro critica che disinnesca la trasformazione dell’oggetto su cui si cimentano:

Fusaro (minuto 4:16):
Oggi gli intellettuali (ndr: in prevalenza) sono del tutto organici al potere e al capitale. Sono una forma di clero post moderno [già Gramsci utilizzava l’espressione “clero” in riferimento agli intellettuali (ndr: organici con il potere)] che ha come unico obiettivo la santificazione dei rapporti di forza capitalistici.. nel senso già ricordato della apologetica diretta in cui “il capitalismo è il miglior modo di vita possibile” .. o nella forma della apologetica indiretta in cui “il capitalismo è osceno, ma irredimibile (ndr: non migliorabile, che non ha redenzione dal suo peccato)” .. è ingiusto ma non rettificabile. Mi piace pertanto dire con il filosofo francese Pierre Bourdieu che gli intellettuali (ndr: organici) -oggi- sono la parte dominata della classe dominante. Appartengono -de facto- alla classe dominante perché hanno un capitale culturale da spendere che invece gli ultimi non hanno .. però sono dominati all’interno della classe dominante, perché devono pur sempre vendere questo capitale culturale ! .. e questo capitale culturale -pertanto- non potrà mai confliggere con l’ordine dei dominanti a cui devono venderlo ! (ndr: a meno di non agire su dinamiche autonome e non organiche, cosa rara).

Pertanto il capitale intellettuale che gli intellettuali (ndr: organici) elaborano sarà sempre un capitale di legittimazione dell’ordine  dei dominanti (ndr: se nella dinamica organica). Questa è la situazione tragica ma non seria al cui interno si muovo le principali prestazioni intellettuali operative nel nostro presente.

Gli intellettuali utilizzano -come già dicevo- sempre più spesso la espressione “tecnica” .. che segna un chiaro chiarissimo passaggio dalla ‘dialettica di Marx’ al pensiero della tecnica come Gestell (impianto) .. ‘impianto intrascendibile’ di Heidegger. Questo è il panorama in cui siamo, e credo che al momento sia molto difficile fare ‘profezie’ in positivo! (ndr: a meno di non elaborare un pensiero non organico al potere di elite).

Si tratterà -come compito per i prossimi anni- di svegliare una ‘coscienza infelice’ che permetta di abbandonare la attuale ‘incoscienza felice’ proprio degli intellettuali (ndr: organici) e maturare di nuovo una passione durevole della emancipazione che oggi sembra del tutto mancare presso il clero post moderno degli intellettuali che parlano di tutto e non credono in nulla.

Commento:

Dissentiamo non nella analisi, ma nella sintesi. Non c’è da aspettarsi che la catarsi dal fango che sommerge oggi il genere umano schiacciato da una classe di intellettuali solidali con il potere politico e finanziario si abbia con tali sodali.

La novità, a nostro avviso, potrà solo essere in una diversa dinamica che consenta nuove modalità relazionali dove la cultura non sia racchiusa in compartimenti stagni e facilmente quindi controllabile.

La modalità da realizzare dicesi “intelligenza collettiva” .. chi voglia espandere il tema trova su questo blog (6 VIOLA) il seguente link:
https://6viola.wordpress.com/scuola_collective_intelligence/

Aggiornamento 13.02.2014, ore 18:59

Un frammento significativo dell’intervento del filosofo Diego Fusaro. Il momento è quello della elegia di Formigoni che canta le virtù dell’euro e i disastri dell’ipotesi dell’uscita. Fusaro spiega con chiarezza che senza sovranità monetaria .. la moneta non può essere solidale e gestita a secondo delle necessità di stampare nuova moneta per sopperire al fatto che non devono mancare i soldi a favore di tutti e quindi della collettività per opere pubbliche, risanamento ambientale, protezione civile, sanità, investimenti produttivi e tutto ciò che sia compito della amministrazione di una collettività.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Economia, FILOSOFIA, Massmediologia, POLITICA, SCIENZA. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...