Metafisica/FISICA: modelli robots & umani [studio Frege, Chomsky, Godel, et altri]

Il 14/09/13 23:38, Omega ha scritto:
ho detto che il pensiero è la persona.
E se il pensiero è indotto da uno stimolo esterno, nondimeno quel
pensiero è la persona.
Quindi il pensiero non è la frase altrui situata in memoria, ma
l’assetto psichico della memoria che la contiene in quanto la contiene,
ossia la soggettiva configurazione della mente che include quella frase
in quanto la include, e questo in sostanza significa semplicemente
interpretazione. Ecco, quello è pensiero.
E non è un oggetto ma è il soggetto.

Saluti
Omega

From: Lino Cibernetico 
Newsgroups: it.cultura.filosofia.moderato
Subject: Re: Frege vs Parmenide? (in particolare x Omega)
Date: Sun, 15 Sep 2013 09:58:56 +0200

Lino Cibernetico ha scritto:

Se mi permettete un suggerimento ..

io direi che sia il concetto di soggetto e sia il concetto di oggetto, fuori di un contesto artificiale, portano ad un diverso stato finale.

Ciò significa che sia il termine “oggetto”, sia il termine “soggetto”, come ogni definizione, non sono indicabili con errore zero.

Il fatto che non si riesce a portare a zero la interpretazione di una stringa .. non dipende principalmente dalla stringa (che può essere una stringa scritta come “oggetto”, oppure “soggetto”, “cane”, “cavallinità”, etc).

Ma dal *carattere non finito delle info* necessarie ad arrivare (nella situazione non artificiale) allo stesso stato finale: la unicità del vero, constatata dal raggiungimento dello stesso stato finale, di chi esegua una misura.

Infatti nello stato finale, è possibile -per due diversi automi- arrivare allo stesso stato finale se la coppia (stato, input) coincide e si avesse una stessa funzione I/O degli automi.

Ma le macchine eseguono, mentre gli umani vivono introducendo -di loro- cose che nessuno gli aveva detto di pensare ineluttabilmente.

Poiché siamo -almeno in parte- liberi.

: – )

Inoltre siete nell’anello che congiunge pensiero-&-spirito, ossia nella esplorazione di potere constatare se i nostri pensieri sono già scritti da qualche parte, come ad esempio un foglio elettronico su un pc, oppure non sono scritti in nessuna materia e non originati da nessun concetto di contesto materiale, ma alla materia afferiscono oppure no.

Se noi fossimo obbligati ai nostri pensieri, ossia li subissimo senza potervi contribuire, non saremmo liberi.

Ma se invece li generiamo dove erano i nostri pensieri prima di pensarli se noi siamo liberi?

: – )

Ecco perché dico che siete in un anello di congiunzione tra due mondi dei tre mondi totali: materia(anello di confine)mente/pensieri(anello di confine)spirito ..

Nel parallelo informatico:
A_)il pensiero è nella memoria del pc solo dopo che io (dall’esterno del pc) lo scrivo tramite la tastiera (sul pc)

B_)il pensiero è nella memoria umana solo dopo che io (dall’esterno della mia memoria=cervello lo scrivo sul cervello tramite il sistema di memorizzazione umano (neurotrasmettitori neurali)

Non vi è solo quindi una diversità tra la verità oggettiva, detta anche scientifica, e il concetto della soggettività, che la filosofia riconosce esistere.

Ma una irrisolvibilità descrittiva al finito (se non per approssimazione, tramite il linguaggio naturale) del carattere chiuso di arrivare alla stessa idea per ogni umano.

E ciò vale -però- non solo per la distanza tra i termini oggetto e soggetto, ma per ogni stringa che sia elaborata da un umano.

Quindi la mia è una segnalazione che il problema non è locale a soggetto/oggetto come stringhe, ma più generale, e già affrontato (indirettamente rispetto alla impostazione attuale, ma equivalentemente) nella teoria dei modelli -> come *non risolvibile*, con ampie trattazioni (non definitive visto che dicono che “non è decidibile”, se con quantità di elaborazioni al finito) ad esempio nel teorema dell’halt.

Grazie del dibattito ..

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Economia, Massmediologia, POLITICA, SCIENZA. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...