E’ tutta colpa di Berlusconi? [quello che i mass-media nascondono]

  

http://www.civicolab.it/impressioni-di-un-viaggio-in-francia-di-claudio-lombardi/

cit:

Le impressioni a caldo le avevo già scritte pochi giorni fa in un post su facebook. Qui le ripeto perché meritano un ragionamento più ampio: “La differenza con l’Italia comincia dall’asfalto delle strade sempre ben tenute e prosegue con la moltitudine di bambini delle famiglie francesi che stanno dappertutto, per concludersi con la valorizzazione e la cura dei monumenti e dei luoghi d’arte. La differenza con l’Italia è la dignità e il rispetto per se stessi. Da qui l’Italia appare un paese senza dignità e senza rispetto per i suoi valori, per i suoi tesori e per la sua storia, un paese alla mercé di bande di imbroglioni e truffatori, senza una classe dirigente”.

In un momento in cui il dibattito politico e l’attenzione degli italiani vengono richiamati su due temi “cruciali” come 

vvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvv

la sorte del condannato Berlusconi e l’IMU 

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

allargare lo sguardo ad un paese così vicino a noi può essere molto utile.

Angela Masiha pubblicato qualcosa sulPartitoViola
  • grazie del link .. il problema a mio avviso non è però del popolo italiano e non del popolo francese per una questione di imbarbarimento e regressione italica. La truffa dentro cui siamo dentro va studiata nei suoi meccanismi minuti. Si scoprirà allora che tutti i paesi, compresa la Francia, che sono entrati dentro l’euro hanno perso la loro sovranità monetaria. E’ un fatto che nella storia del genere umano non era mai successo che ci fosse una moneta senza uno stato che ne tutelasse il corso legale. Si dice che ciò è un miglioramento. Ma mentre il Giappone che ha il doppio del rapporto debito/Pil dell’Italia ha potuto ricostruirsi dopo Fukushima, ciò non è stato possibile per l’Aquila. Perché?.. perché l’Italia non può aumentare il suo debito pubblico che naturalmente avrebbe svalutato la moneta circolante, ma non ineluttabilmente se è vero, come è vero, che ogni politica di investimenti può essere non recessiva, ma produttiva. Quando si dice “produttiva”? Quando come dimostra il dopo guerra italiano con la politica di Keynes vi è un boom economico fatto da costruzione di autostrade, incremento dell’industria e dell’artigianato, lavoro, commerci, espansione.
    Nessuno si illuda non è una questione di geopolitica o antropologica, ma questa crisi è stata scientemente organizzata perché gli Stati, come nella già avvenuta sperimentazione della Grecia, fossero portati a dovere svendere tutto il patrimonio dei BENI PUBBLICI che saranno concentrati, come era stato previsto nel causare la crisi principalmente riducendo il flusso dei prestiti a chi prima invece era normalmente finanziato.
    Ma la partita non è ancora persa.
    Se il 99% non giocherà al gioco della “rana bollita” non sarà il monoblocco del nuovo partito di Bilderberg=PD+PDL+Monti a dettare la linea politica e avremo la rottura del cartello delle elite del 1%.
    http://www.ilsole24ore.com/…

P.S.Naturalmente il popolo viola, i viola in generale come movimento politico sono contro il berlusconismo come modalità di conformarsi sotto le direttive di un kapo branco da cui fare discendere la LINEA POLITICA.Ma la CRISI del SUD EUROPA in particolare è da ingenui attribuirla alle malefatte di Berlusconi o della manovalanza della criminalità organizzata.Berlusconi è paragonabile al “caporale” che raduna i braccianti per la racolta dei pomodori e li porta con il furgoncino sui campi depredandoli del poco che hanno e permettendogli di sopravvivere per continuarli a sfruttare.

Ma stiamo sempre parlando di questioni marginali nella economia nazionale, così come Berlusconi è marginale nella politica, se non per avere consentito la formazione del cartello Letta iscritto a Bilderberg.E’ Berlusconi però sotto schiaffo come si vede dalle sentenze della magistratura, e dal fatto che è messo in un angolo principalmente perché timidamente si opponeva alla politica di “ce lo chiede l’Europa”.Se fosse stato veramente a difesa dell’Italia avrebbe chiesto una vera Europa: stesse tasse e stessi servizi e avrebbe minacciato e poi attuato di uscire dall’euro.Ma alla prova dei fatti, nel 11-11-11 con le azioni di mediaset sotto attacco ha mollato la presa e dato le dimissioni mostrando che non è un vero uomo al servizio delle Istituzioni della Repubblica Italiana su cui pure ha giurato al momento di insediarsi.

Quindi è in politica perché la politica gli ha concesso dei previlegi personali di cui ha goduto in perfetto conflitto di interessi essndo sia il concessionario di diritti pubblici e pubbliche concessioni (almeno televisive) e contemporaneamente l’usfruttuario di tale concessioni.

Ce lo spiega bene Luciano Violante alla Camera dei deputati, nel video seguente, anche se non ci spiega perché il PD consentì che Berlusconi fosse considerato eleggibile e non in conflitto di interessi.

fonte:
https://www.facebook.com/permalink.php?

Questa voce è stata pubblicata in Economia, Massmediologia, POLITICA. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...