Il diavolo veste Merkel? [by Beppe Grillo? cosa ne pensa la BASE del M5S!]

Stefano Mazzufferi Maurizio Antonini Grillo Verde Mattia Corsiniche ne dite di questa presa di posizione di Grillo? vi pare sufficientemente “sovranista” o sembra ancora troppo ibrida ed opportunista? http://www.beppegrillo.it/2013/07/il_diavolo_veste_merkel.html

Il diavolo veste Merkel

http://www.beppegrillo.it

Se non sarà l’Italia a reagire lo farà per lei il mercato con il suo linguaggio universale, ci sarà un prossimo rialzo degli interessi richiesti fino a rendere insostenibile il nostro debito.

Mi piace ·  · Non seguire più il post · Condividi · 41 minuti fa nei pressi di Napoli
  • Maurizio Gustinicchi piace questo elemento.
  • Mattia Corsini Un buon articolo certamente. con almeno due grossi errori, ma un bel passo avanti. ad ogni modo che vuol dire? ogni tanto sul blog di grillo qualche buon articolo lo si legge. lo stesso bagnai aveva già scritto li direttamente. il problema é che non viene fatto nulla di concreto.
  • Antonio De Simone Quali sarebbero i due grossi errori?
  • Mattia Corsini “L’ultimo default dell’Italia è del 3 settembre 1992 quando il presidente del Consiglio Amato annunciò in diretta televisiva la svalutazione della lira. Svalutare una moneta che si controlla in cui è espresso il proprio debito pubblico equivale a ristrutturare il debito verso i creditori esteri.”

    ” il Nord Europa preferisce prestare alla BCE che a sua volta fornisce liquidità ai PIGS. Con tale sistema, chiamato “Target 2″, la Germania ha accumulato 600 miliardi di euro di crediti verso la periferia dell’Europa via BCE.”

    svalutare NON é un default e il sistema target 2 non funziona così, ma a parte questo é un buon post.

  • Grillo Verde 1) cit: “L’ultimo default dell’Italia è del 3 settembre 1992 quando il presidente del Consiglio Amato annunciò in diretta televisiva la svalutazione della lira.” .. la partenza è falsa come una moneta falsa. Chiunque è in grado di capire che svalutare un oggetto è diverso che perderlo.

    2) cit “Svalutare una moneta che si controlla in cui è espresso il proprio debito pubblico equivale a ristrutturare il debito verso i creditori esteri.”
    Secondo errore grave la equiparazione tra svalutazione e ristrutturazione. Non vorrei dilungarmi ma Beppe Grillo ha un titolo di studio da ragioniere e evidentemente si fa spiegare la MACROECONOMIA da chi non capisce un cazzo oppure è in malafede.

    3) cit”Oggi come allora sarà il mercato ad imporci una decisione: allora si trattò di abbandonare lo SME e svalutare, oggi si tratterà di decidere se ristrutturare il debito restando nell’euro o tornare alla lira. “
    Terzo grave errore .. mettere a deus ex machina il “mercato” .. che ci sta a fare una forza politica se si sente obbligata a subire le regole fissate che un mercato, peraltro truccato?

  • Marcocattaneo Ccfperrisolvereeurocrisi Il punto su svalutazione = default è impreciso sul piano tecnico, ma la sostanza per il creditore è proprio quella.
  • Grillo Verde In definitiva sta sostenendo una posizione nota: w la ristrutturazione. E ciò -de facto- sarà la tomba dell’Italia se sarà attuata, perché è esattamente, la ristrutturazione, ciò che è successo in Grecia ..
  • Marcocattaneo Ccfperrisolvereeurocrisi Idem per il punto sui Target 2. Gli sbilanci commerciali hanno prodotto accumuli di crediti, e tutto quello che non è risultato finanziabile da parte del mercato e delle banche, effettivamente è finito nei Target 2.
  • Grillo Verde Faccio notare che in caso di fallimento chi fallisce NON paga. http://www.economy2050.it/crisi-finanziaria-banche-modello-islandese-ue/

    www.economy2050.it

    La crisi bancaria islandese si è risolta scaricandone buona parte dei costi all
  • Antonio De Simone Io la vedo diversamente. Svalutare non equivale ad un default per i cittadini di una nazione ma ha lo stesso identico effetto per gli stranieri che detengono il nostro debito. Il default si identifica come quella situazione di deterioramento del valore del credito dovuto ad impossibilità di pagare ma anche a non convenienza nel ripagare il debito. Nelle aziende private, tale situazione di non convenienza si verifica quando il passivo supera l’attivo. Se parliamo di stato ovviamente non possiamo dire la stessa cosa, ma possiamo sicuramente dire che ad oggi il debito non è sostenibile e non conviene dissanguarsi per ripagarlo. Nel momento in cui si forza la svalutazione (ad esempio uscendo dal sistema di cambi fissi) questa forzatura per un creditore estero implica un deterioramento del suo credito. Certo non dovuto al fallimento dell’attività economica sottostante ma al cambio. Ma tant’è. Se il paese è forte e l’economia tira, non c’è bisogno di svalutare il tasso di cambio. D’altra parte, anche Bagnai in un suo convegno ha esplicitamente dichiarato che lo spread è piuttosto un indicatore del rischio di uscita del paese dall’euro. è un caso che lo spread sia un concetto legato al rischio di cambio?
  • Grillo Verde Ed infatti alla Grecia il debito è stato cambiato dal diritto Greco a quello Inglese proprio per impedire -in caso di fallimento- che non paghi.
  • Antonio De Simone Proprio per impedire, vorrai dire, che in caso di uscita dall’euro della Grecia, il valore della pretesa creditoria si deteriori, anche (ma non solo) per l’effetto che avrebbe la svalutazione!
  • Mattia Corsini Dal doc scenari:

    Molti commentatori paiono preoccupati che la svalutazione del nostro debito conseguente all’uscita sarebbe equivalente ad un “default event”, che pertanto farebbe scattare i Credit Default Swaps sul debito italiano, con effetti devastanti. Ma la ridenominazione del debito in lire e successiva svalutazione è davvero un “credit event” che farebbe scattare i CDS?
    Questa è la lista dei credit event dei CDS secondo l’ISDA : “The listed events are: reduction in the rate of interest or amount of principal payable (which would include a “haircut”); deferral of payment of interest or principal (which would include an extension of maturity of an outstanding obligation); subordination of the obligation; and change in the currency of payment to a currency that is not legal tender in a G7 country or a AAA-rated OECD country”.
    L’italia è un Paese del G-7, la lira sarebbe una valuta di un Paese del G-7: il CDS non dovrebbe assolutamente attivarsi. Il parere é suffragato dagli operatori professionisti da noi consultati, che han scelto di restare anonimi.

  • Grillo Verde No, (mi riferisco a Antonio De Simone) in Grecia non si voleva che la Grecia potesse dichiarare fallimento. E così avvalersi di NON pagare, oltre al fatto che le banche tedesche erano piene di titoli tossici CDS che avevano scommesso che la Grecia NON fallisse. Il progetto è standard: gli stati non debbono fallire ma essere lasciati nelle condizioni di una rana bollita che non muore mai finché non sono stati depredati _tutti_ i i beni pubblici. E i beni pubblici di tutti gli stati sotto ricatto passeranno _prima_ alla speculazione e solo dopo sarà desertificato il sud europa.. e nel contempo si potrà sparare sulla folla per sterminare la popolazione che nel frattempo sarà divenuta una bestia ferita .. e su questo Casaleggio .. cioé sulle rivolte .. ha detto il vero .. se non ci sarà nessuno che dica come si esce a favore del 99% dalla crisi ..
  • Grillo Verde Vi invito inoltre a leggere (vedi articolo sopra) il caso Islanda in paragone al metodo UE che sottolinea come la dinamica di uscita (in caso di fallimento) è stata diversa ..
  • Grillo Verde Vi offro un contributo di ciò che bolle in pentola a sinistra e vi invito a studiare attentamente la eziodinamica poiché ALBA di Ravelli sta abbandonando la posizione orizzontale originaria e sta chiedendo aiuto all’ipotesi “catalizzatore” che anche se non è detto esplicitamente .. tira le somme sul successo di Beppe Grillo ..https://6viola.wordpress.com/2013/07/23/politologia-come-e-fatto-un-partito-che-vince-con-il-catalizzatore/

    6viola.wordpress.com

    Paolo Andreozzi cazzo, questa me l’ero persa. venerdì 19 luglio marco revelli dà…Visualizza altro
  • Stefano Mazzufferi Faccio notare che anche lo stesso Bagnai ha definito Grillo “ondivago” sul tema dell’uscita dall’euro. Dobbiamo però ammettere che se egli lo dichiarasse oggi (fuori dall’euro), la metà della popolazione non capirebbe e si spaventerebbe sull’onda della disinformazione mainstream messa in atto dai partiti e chi li sostiene. Tra le altre cose sono convinto che anche una parte dell’elettorato e degli eletti del M5S non ben convinta sul da farsi..
Questa voce è stata pubblicata in Economia, Massmediologia, POLITICA. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...